Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Quando la disinformazione sui rischi arriva dalle autorità

CRONACA: La disinformazione sui rischi non convince. Quindi la fiducia nelle autorità si indebolisce.

16 dicembre 2021: il presidente Biden afferma in un discorso alla gente che le persone non vaccinate soffriranno di “malattie gravi e morte” in futuro.
  • Terry Ave

    Terry Ave

pubblicato: pubblicato:

iconadiscussione

Questo è l’argomento della discussione. Il post è stato scritto da un contributore esterno, garanzia di qualità dalla sezione di discussione di Aftenbladet. Opinioni e analisi sono di proprietà dell’autore.

Ho appena visitato Tampa, in Florida, per un lungo viaggio, conferenza internazionale Dove abbiamo discusso diversi argomenti nella scienza del rischio. Anche questo è stato un tema centrale disinformazione – Utilizzato qui nel senso di informazioni false, errate, imprecise o fuorvianti, indipendentemente dal fatto che vi sia o meno un intento essenziale di nuocere.

autorità interessate. La disinformazione è vista come una seria minaccia per la sicurezza e la salute delle persone. E non è difficile trovare chiarimenti per informazioni palesemente fuorvianti, vedi ad es Siti web dell’Unione Europea relative a COVID-19 e vaccini. Il consiglio delle autorità per affrontare questo problema è quello di fare riferimento a fonti attendibili e informazioni verificate. Lavorano anche a stretto contatto con le piattaforme online per indurle a promuovere fonti attendibili e a rimuovere o rendere meno disponibile materiale visivo classificato come disinformazione.

Profondamente ingannato da Biden

Ma quali fonti sono attendibili e chi controlla i fatti? Sei ingenuo se pensi che il problema della disinformazione sia solo rimuovere/censurare tutte le fonti che non sono allineate con il punto di vista delle autorità?

Durante la suddetta conferenza, ho fornito l’esempio di disinformazione che è venuto da un consigliere del presidente Biden sul covid-19 nel dicembre 2021, che Biden si è presentato In un discorso al popolo (traduzione mia): “Gravi malattie e morte attendono i non vaccinati e le loro famiglie, e presto gli ospedali li spazzeranno via”.

Quelle sono parole forti e l’intento era chiaramente quello di spaventare le persone a farsi vaccinare. Ma l’affermazione è molto fuorviante: è una conclusione quasi inevitabile: la morte e la malattia attendono. Le conseguenze sono date. Ma la certezza e la probabilità sono omesse – una caratterizzazione del rischio che viola i principi di base della scienza del rischio e della comunicazione del rischio.

READ  I verdi rossi sono pronti per le idee di mazucato?

È improbabile che le persone ne siano convinte. Il risultato è un indebolimento della fiducia nelle autorità.

In alternativa, Biden avrebbe potuto dire che la probabilità di una malattia grave è notevolmente ridotta se si prende il vaccino, e le prove e le conoscenze a sostegno di tale valutazione sono forti (e qui si dovrebbe fare riferimento a dati e lavori scientifici rilevanti, e a quali popolazioni la dichiarazione si applica a).

Non i media
fautori di
Libertà di parola e
Dialogo scientifico?

La scienza impedisce

Un altro esempio è l’affermazione secondo cui i vaccini impediscono di contrarre il covid-19 – pericolosa disinformazione, espressa sia dai funzionari sanitari che dai politici.

Non solo le autorità hanno collaborato con le piattaforme online; Ora sappiamo che anche le autorità degli Stati Uniti hanno esercitato forti pressioni per censurare il materiale ritenuto disinformazione. Le piattaforme online ei media in generale hanno ampiamente sostenuto gli sforzi del governo e gli specialisti che hanno posto domande che sfidavano il punto di vista ufficiale sono stati rimossi da queste piattaforme e le loro argomentazioni sono state ampiamente ignorate dai media.

Il punto di vista ufficiale è stato presentato come in linea con la scienza, ma la lotta alla disinformazione era in realtà una minaccia sia per la libertà di parola che per la scienza. Come sappiamo, la scienza si occupa di sfidare le idee e gli stereotipi esistenti. Senza uno scambio di opinioni e critiche su ciò che esiste, la scienza non funziona.

Libertà di discussione, censura e libertà di espressione

L’apertura e l’onestà sono i capisaldi di una buona comunicazione del rischio. In Norvegia, la fiducia era nelle autorità altoaltoMolti sosterrebbero che questa fiducia è ora significativamente indebolita dal modo in cui i politici hanno affrontato la questione energetica e in particolare i prezzi aggressivi dell’elettricità., a differenza, ad esempio, degli Stati Uniti, dove ampi segmenti della popolazione sono scettici su tutto ciò che proviene dalle autorità. Ma noi in Norvegia stiamo anche lottando per trovare il giusto equilibrio tra la lotta alla disinformazione attraverso la censura e altre misure, e garantire la libertà di espressione e la necessità della scienza per il dialogo e la critica delle verità prevalenti.

READ  La matematica è più importante di quanto pensi

Qui in Norvegia, anche i media sostengono ampiamente il punto di vista ufficiale. Non ci sono stati molti giornali in Norvegia che hanno espresso preoccupazione per il fatto che le piattaforme online si stiano impegnando in un ampio grado di censura di persone che hanno valutazioni contrastanti dei rischi associati a COVID-19 e vaccini. Molti di questi sono anche eminenti scienziati.

Invece, vediamo che ora vengono poste domande su Twitter a Elon Musk perché vuole più voti e meno censura. Allo stesso tempo, si parla di pressioni esercitate dalle autorità degli Stati Uniti sulle piattaforme Internet (Twitter in particolare) per controllare quanto si dice su di esse.

Dal punto di vista della libertà di parola e da un punto di vista scientifico, si può dire che i cambiamenti che stiamo vedendo ora su Twitter siano positivi. Perché i media non applaudono? Non sono campioni della libertà di espressione e del dialogo scientifico?

Il professionista perde

Torniamo alla conferenza di Tampa. Qualcuno dagli Stati Uniti mi ha chiesto se questo esempio di Biden sia effettivamente un esempio di disinformazione: non dipende dalla prospettiva che si assume? Sì, dipende dalla prospettiva e io sono un professionista. Ciò che è stato detto era una caratterizzazione errata dei rischi associati a COVID-19 e ai vaccini ed è stato molto fuorviante.

Forse a questa persona non è piaciuto perché ero piuttosto critico nei confronti dell’amministrazione Biden. Ma questo non ha niente a che fare con la politica. C’è disinformazione nella maggior parte, se non in tutte, le autorità. L’intenzione primaria delle autorità non è quella di nuocere, ma il risultato può diventarlo rapidamente se c’è solo una narrazione che è vera e le autorità devono averla.

READ  La legge informatica rende la Norvegia più sicura facilitando il rilevamento delle minacce nello spazio digitale

Alla conferenza abbiamo discusso di come la scienza del rischio possa aiutare i politici e le autorità sanitarie a comprendere e comunicare meglio il rischio, ma non è certo che ascolteranno. Perché le questioni riguardano anche l’ideologia e la politica – e per molti questo è molto più importante dell’aspetto del rischio.

pubblicato: