Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recensione del film “Ghostbusters: Afterlife”: fantasmi autodistruttivi – VG

Ritorno al passato: Paul Rudd e McKenna Grace in Ghostbusters: The Afterlife.

Principalmente per le persone che vanno in giro e pensano a “Ghostbusters” di 40 anni ogni giorno. Quindi no.

commedia d’azione

“Ghostbusters: L’aldilà”

Stati Uniti d’America. 12 anni. Regia: Jason Reitman

Med: McKenna Grace, Paul Rudd, Carrie Coon, Finn Wolfhard, Logan Kim, Celeste O’Connor, Dan Aykroyd

I dadi VG mostrano 3 punti

Kali (Kun) non ha mai incontrato suo padre. Ma quando lui muore e lei viene sfrattata dal suo appartamento in città, la decisione è semplice. Lei e i suoi due figli, il figlio Trevor (Wolphard) e la figlia Phoebe (Grace), erano in macchina e si sono diretti a Summerville, in Oklahoma, dove il padre che non aveva mai conosciuto l’aveva lasciata in una corsa in rovina.

Summerville è un luogo straordinariamente storico, dove i camerieri del ristorante indossano ancora i pattini sulle gambe (soprannominato l’effetto “Stranger Things”). La casa che la giovane famiglia eredita è piena di strani dispositivi di misurazione e libri sulla scienza e sui fenomeni paranormali.

Si scopre che il padre di Callie era uno degli eroi dei primi “Ghostbusters” (1984), che a suo tempo si stabilì a Summerville per proteggere la città dalle forze del male che credeva lo stessero perseguitando. Poi è morto, e ora Summerville è lo stesso.

Paraurti di nuova generazione: Celeste O’Connor, Finn Wolfhard, Logan Kim e McKenna Grace (da sinistra) in Ghostbusters: The Afterlife.

Nessuna attesa! Phoebe ha ereditato molti degli interessi di suo nonno. La ragazza è l’acuta e pura vincitrice del Premio Nobel, e quando si unisce a Gruberson (Rud), Infatti Sismologo, hanno cominciato a spulciare cosa sta succedendo nella piccola comunità. Nessun fantasma vive pericolosamente.

READ  - Salto in auto di 1 metro - NRK Vestland

Negli Stati Uniti, i Ghostbusters sono abbastanza “grandi affari” che alcuni ora credono che il marchio meriti di essere una catena permanente. C’è stata una guerra culturale e un intero commento quando “Ghostbusters” stand-alone, con eroine, ha debuttato nel 2016, dicendo che il titolo è ancora praticabile lì.

In “Ghosterbusters: Afterlife”, Jason Reitman, figlio del regista del film originale, Evan Reitman, ha preso il timone, realizzando un film fingendo che la produzione del 2016 non sia mai esistita. Non solo questo. Il nuovo film sembra, in larga misura, uno straordinario omaggio all’originale del 1984.

Chi nel mondo ha bisogno di qualcosa del genere? A parte papà Evan, chi deve pensare che l’attenzione sia carina e chi ha prodotto lui stesso la festa?

Per il servizio: McKenna Grace in “Ghostbusters: The Afterlife”.

Bisogna ammettere che “Ghostbusters: Afterlife” ha i suoi aspetti attenuanti. La commedia è una, in particolare McKenna Grace, Logan Kim e l’amato Paul Rudd (Rud è stato recentemente nominato “L’uomo più sexy del mondo” dalla rivista People. Allora cosa ci fa a Summerville?). Anche il fatto che Reitman inizialmente avesse una buona mano con le dinamiche familiari, secondo un modello di Spielberg negli anni ’80, è un vantaggio.

Buone stime avrebbero dovuto essere usate per qualcosa. Ma dopo una serie di tempi d’oro in CGI dall’aspetto normalmente imbarazzante, “Ghostbusters: Afterlife” finisce in un posto apparentemente molto strano. Gli ultimi 20 minuti sono in origine una celebrazione lunga e assolutamente deprimente, con innumerevoli RichiamateE l’emergere dell’ospite emotivo e Dio sa cosa.

Strumento ben noto: Phil Rudd in “Ghostbusters: Afterlife”.

È come se il giovane Reitman stesse cercando di convincerci che ciò che suo padre ha realizzato nel 1984 non era solo una commedia glamour, ma un capolavoro senza tempo, un classico indimenticabile, un film che non invecchierà mai né sarà dimenticato, e che è bruciato. Lo stesso è nella coscienza di chiunque abbia mai visto un film al cinema. In breve: un film così meraviglioso e così senza tempo che Dovrebbe diventare uno franchising.

Ma questo non è certamente il caso. Almeno non agli occhi del pubblico norvegese. La compagnia cinematografica di 15 anni vuole sgretolarsi su “Ghostbusters: Afterlife” probabilmente non è mai successo mette Il primo film, ea ragione si chiederanno cosa stanno vedendo.

READ  Ci deve essere spazio per una diversità di opinioni nello studente di Bergen