Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Recensione dell’album “Hackney Diamonds” dei Rolling Stones: gli anziani si divertono

Recensione dell’album “Hackney Diamonds” dei Rolling Stones: gli anziani si divertono

Il trio britannico (235 anni) è ancora il più giovane.

Pubblicato:

I dadi VG mostrano 5 punti

Il 7 febbraio 1981 fu premiata la Bergen Band il peggiore! Nuovo musicista rock. Questo onore non è mai stato conferito né prima né dopo, ma indica che da quel momento in poi ciò che veniva semplicemente chiamato “The Rock” era obsoleto.

A proposito, Björn Eidsvag è stato nominato nella “Open Class”.

Nello stesso anno, i Rolling Stones pubblicarono l’album ” Tattoo You “, guidato dal singolo ” Start Me Up “. Un momento vitale e centrale del duo di cantautori Jagger-Richards che dura. Ha appena 38 anni. E infatti i rappresentanti dei “vecchi”.

42 anni dopo, si può certamente dire che gli Hackney Diamonds sono un punto di riferimento sia del nuovo che del vecchio rock. Ma il 24esimo album dei Rolling Stones indica davvero che non esiste una data di scadenza per la musica né per i musicisti. 18 anni dopo l’ultima serie di canzoni scritte dai Rolling Stones, non fanno “buona musica rock per avere 80 anni”.

Fanno semplicemente un buon album.

Include la voce un po’ ringhiante di Mick Jagger come un allenatore personale di spinning, i riff di chitarra e gli assoli di Keith Richards che si intrecciano con così tanta esperienza di vita che è difficile immaginare che qualcun altro possa farlo meglio. Include anche una sessione di sette minuti, quasi straordinaria, con Lady Gaga. Oltre al fatto che Paul McCartney come chitarrista ospite, così come Elton John e Stevie Wonder, non si esagera.

READ  Celine Dion condivide un aggiornamento sulla sua malattia nervosa

È tutto messo insieme dal produttore dell’anno di Post Malone, Andrew Watt. È il primo da molto tempo Può condividere il merito di scrivere canzoni con The Glimmer Twins.

I testi a volte si concentrano goffamente sul sesso e sono confusi al tempo stesso. Ad esempio, Jagger fa del suo meglio per fingere di comprendere sia i servizi basati sull’accesso che quelli di condivisione di foto su “Mess it Up”. È deluso dal fatto che non ci sarà niente di speciale per lui in “Angry”.

Ma questi riff non avrebbero funzionato bene con i testi poiché il trio riflette sulle vite che vivono e racconta storie da una fonte di conoscenza.

Considerando che principalmente hanno avuto esperienze del tipo “non mangiare formaggio” (secondo Keith Richards, il motivo per cui è ancora vivo come pioniere della droga), è proprio così. Non è come il film di Dylan Rough and Noisy Roads (2020), che dorme con la vita e la morte nello stesso letto.

È importante? Guadagna loro nuovi follower? decisamente. Il design della copertina è orribile. E che la batteria di Steve Jordan non era proprio lì con Charlie Watts, puoi ascoltare le due clip con Charlie Watts (1941-2021).

Ma la stessa cosa.

“Hackney Diamonds” è il gergo che indica i frammenti di vetro provenienti dai finestrini rotti di un’auto nel quartiere londinese di Hackney. L’unica cosa che qui i Rolling Stones respingono apertamente è l’idea che esista un’età assoluta per la pensione.

Inoltre “Rolling Stone Blues” di Muddy Waters (1950). La conclusione perfetta per un album, e forse per una carriera discografica, che non sia sentimentale, nostalgica o retrospettiva.

READ  Bjørn W. W. Jørgensen, Elisabeth Andreessen

Invece, va dritto al cuore di quello che è ormai diventato il miglior momento collettivo del trio almeno dal 1981.

Forse anche prima.
“Hackney Diamonds” uscirà venerdì 20 ottobre

Pubblicato: