Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ricercatori italiani affermano che i media sono complici della fobia dei ragni delle persone

Si sta dirigendo verso Halloween – o Halloween, se vuoi. Insieme ai pipistrelli e alle zucche, il ragno e la sua tela sono diventati quasi un simbolo di festa.

C’è anche una stagione dei ragni in casa e nel cottage, e molti ne hanno paura.

I ragni adorano i ganci scuri della tua casa. E lì, in mezzo a tutta la polvere, tessono una vera rete e si fanno una casa di famiglia. E all’improvviso, quando meno te lo aspetti, strisciano. E camminano così piano, così piano che non te ne accorgi nemmeno finché non hai una creatura color tortora a otto zampe nel collo.

È proprio questa copertura mediatica che sta contribuendo a più persone che sviluppano la fobia dei ragni, affermano i ricercatori dietro uno studio italiano pubblicato su People and Nature ad agosto.

I ragni hanno una posizione sfortunata nell’immagine dei media, dice Mike Jeffries, professore di ecologia alla Northumbria University in Inghilterra, ma non ha nulla a che fare con lo studio italiano. a Articolo di conversazione discute l’argomento.

Un ecologista osserva che pochissimi morsi di ragno sono pericolosi.

L’aracnofobia, o aracnofobia, è ancora molto comune. Quindi, i media dovrebbero prendersi la colpa, o almeno in parte? Il ragno in nero è sui giornali?

Google era solito trovare articoli sui ragni

Nel tentativo di entrare nel vivo del problema della colpa, i ricercatori italiani hanno iniziato a cercare su Google articoli di giornale sui ragni. Hanno usato e combinato parole chiave come “ragno”, “morso” e “pungiglione” e articoli facilitati scritti tra il 2010 e il 2020.

Va detto che i ragni non mordono. Ma ciò non impedisce necessariamente ai giornalisti di scrivere di morsi di ragno, affermano i ricercatori dello studio.

Hanno trovato 314 rapporti nei media in cui le persone hanno avuto incontri spaventosi con i ragni. La maggior parte di esse erano legate a specie considerate particolarmente velenose o pericolose in Italia; Compresa la vedova nera.

READ  Pasta gratinata con pomodoro e mozzarella

I ricercatori volevano sapere quanto fossero potenti e precisi i giornali nel catturare l’angolo di ogni articolo, quindi hanno esaminato la frequenza con cui venivano usate parole come “diabolico”, “paura” e “panico”. Hanno esaminato l’attrattiva degli articoli esaminando la condivisione sui social media.

Inoltre, hanno verificato la correttezza delle informazioni. I ricercatori hanno concluso che le informazioni non erano sempre convincenti e spesso direttamente errate.

Il protagonista del giallo italiano

I ricercatori hanno riscontrato un aumento del numero di segnalazioni di attacchi di ragni nel corso degli anni e una connessione in qualche modo privata.

L’aumento è stato correlato a una segnalazione di un morso da Ragno mediterraneo, Eller Loxosceles rufescens. mordere secondo il rapporto alla morte di un paziente.

Jeffreys ha scritto che l’aumento era legato anche alla pubblicazione di un romanzo italiano sul delitto, in cui un ragno della stessa specie veniva usato come arma del delitto.

Il ragno non è stato catturato nel primo caso, e quindi la causa della morte non è stata definitivamente confermata.

Modello di movimento brutto?

La notorietà e la paura dei ragni sono in parte colpa dei media? Lo abbiamo chiesto a Leif Edward Otesin Kinnear. È professore presso il Dipartimento di Psicologia dell’NTNU. Tra le altre cose, insegna il trattamento dell’ansia e delle fobie.

Non vedo alcun motivo per credere in lei o darle così tanto “credito”, dice Kinnear.

Pensa che dovremmo invece guardare all’evoluzione. In Africa, dove l’uomo ha avuto origine 2-300.00 anni fa, era essenziale stare alla ricerca di ragni. Ci sono tipi da cui non vuoi davvero essere morso; Ad esempio i ragni vedova. I morsi sono raramente fatali, ma accadono – e lo sono comunque esperienza spiacevoleSecondo Store Norske Leksikon.

READ  Venky Knutson sulla felice relazione con Thomas Wald

Quando parliamo di fobie dei ragni, Kinnear pensa che sia importante osservare come percepiamo il comportamento malizioso dei ragni. La ricerca è stata fatta esattamente su questo, dice.

Potrei pensare che i ragni, come i serpenti, a causa della loro particolare modalità di movimento, abbiano un posto speciale in ciò che pensavamo fosse terribile, grottesco e spaventoso.

Parte della nostra natura

La fobia del ragno è un’altra parte della nostra natura. Molte persone pensano che siano orribili, e ci sono dettagli sui ragni a cui siamo attaccati, spiega.

Se di solito pensi che i ragni siano sporchi, forse questo video ti darà una nuova prospettiva? Questo Spider-Man balla per la vita, letteralmente.

Allo stesso tempo, mentre dico che è un trampolino di lancio genetico ed evolutivo, è importante rendersi conto che come tutti gli psicologi evoluzionisti, non sei geneticamente determinato, dice Kinnear.

Nel determinismo genetico, si ritiene che tutto il comportamento umano sia determinato dal materiale genetico.

In questo caso, il risultato dello sviluppo può essere curato entro 45-90 minuti, di solito senza problemi, continua.

Tutto può essere utilizzato

Nei casi più gravi, l’aracnofobia e altre fobie possono interferire seriamente con la vita e persino influire sulla salute, afferma Kinnear.

Conosco persone che hanno dovuto allontanarsi da qualcuno di cui ti fidi perché c’è un ragno in casa. E conosco molte persone che pensano che la fobia dei ragni sia una cosa stupida, ma loro stessi hanno una terribile paura delle situazioni sociali. Non sono davvero più pericolosi dei ragni.

– Ho avuto pazienti con tutti i tipi di fobie e quasi tutte le fobie possono diventare così gravi da essere pericolose per la salute. Ad esempio, perché non ricevi cure sufficienti nel sistema sanitario, o perché non puoi fare il tuo lavoro, o si arriva al punto da non poter prendersi cura degli animali nelle stalle o nelle stalle a causa dei ragni, lui continua. .

READ  Britney Spears: - Ecco perché getta i suoi vestiti

– Ho avuto un paziente che stava per perdere la fattoria perché a causa dei ragni non osava entrare nella stalla per prendersi cura degli animali.

Non va sottovalutato

La fobia del ragno non è particolarmente razionale in Norvegia. Qui non abbiamo ragni pericolosi. Kinnear crede che le fobie non debbano essere sottovalutate.

È importante sapere che esiste un trattamento efficace che può essere eseguito rapidamente e facilmente.

Si ritiene che rendere i media complici della fobia dei ragni sarebbe un ottimo corso secondario, né sarebbe molto utile per il trattamento delle fobie.

Conosco molto sulle basi evolutive dell’ansia stessa e su ciò che è specificamente correlato ai ragni, significa che posso ottenere un approccio terapeutico efficace. E se perdi la prospettiva funzionale dell’ansia e della paura, ti perderai anche un modo molto efficace per trattarla.

– Posso dire che è saggio qui tenere conto delle conoscenze acquisite in questo campo, conclude Lev Edward Otesin Kinnear.

Riferimenti:

Mammola, Stefano., Nanni, Veronica., Pantini, Paolo., Isaia, Marco. (2020). L’inquadratura mediatica dei ragni può esacerbare il sentimento anti-aracnoide. persone e natura.

Leggi anche

Puoi mangiare le ragnatele?