Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Riduzione significativa dell’inflazione dei prezzi nell’Eurozona, ma l’economia si sta contraendo

Riduzione significativa dell’inflazione dei prezzi nell’Eurozona, ma l’economia si sta contraendo

L’inflazione annuale è quindi al livello più basso dal luglio 2021, mostrano i dati dell’agenzia statistica dell’Unione Europea. In particolare, i bassi prezzi del carburante stanno rallentando la crescita dei prezzi.

– Questa è una buona notizia e potrebbe confermare che i tassi di interesse hanno raggiunto il loro picco in Europa. L'inflazione complessiva è molto più bassa rispetto al mese scorso e leggermente inferiore alle aspettative del mercato, afferma il capo economista Kerry M. Knudsen di Sparebank 1 SR-Bank in una e-mail a NTB.

A settembre l'aumento dei prezzi è stato del 4,3%, a ottobre il calo è stato maggiore di quanto previsto dagli analisti. Si prevedeva che l'inflazione si stabilizzasse al 3,1%.

– Limite magico

Questa è solo la terza volta in 40 anni che si registra un calo di oltre un punto percentuale nella crescita dei prezzi in un solo mese, ha riferito l'agenzia di stampa Ritzau.

Il calo al 2,9% significa che l'obiettivo della BCE di un'inflazione del 2% è ora molto più vicino di quanto lo fosse solo un anno fa, quando la crescita dei prezzi superava il 10%.

L’Europa ha superato il limite magico di meno del 3% e ora è in doppia cifra. Knudsen dice che questo significa che l’obiettivo di inflazione è in vista.

– Ci sono anche doppie buone notizie per la Norges Bank, che giovedì terrà la sua riunione sui tassi d'interesse. Aggiunge che un'inflazione più bassa significa che l'inflazione dei nostri principali partner commerciali sarà meno impressionante, ma anche che il tasso di cambio della corona non sarà sotto pressione.

READ  Crede che il mercato azionario sia costoso | Finansavisen

L’economia si è ridotta

Ma le notizie incoraggianti sull'aumento dei prezzi sono arrivate nello stesso momento in cui l'economia della zona euro ha registrato una contrazione dello 0,1% nel terzo trimestre, colpita soprattutto dal rallentamento dell'economia tedesca. Nel secondo trimestre la crescita è stata marginale, pari allo 0,2%.

Gli analisti avevano previsto in anticipo che l'economia della zona euro sarebbe andata incontro ad una recessione nel terzo trimestre.

Anche l'economia tedesca, la più grande economia della zona euro, ha registrato una contrazione dello 0,1% nel terzo trimestre, secondo i dati diffusi lunedì. Anche qui in ottobre l'inflazione dei prezzi è scesa al 3,8%.

La Francia, la seconda economia della zona euro, ha invece registrato nel terzo trimestre una crescita lieve, pari allo 0,1%. In calo anche l'inflazione dei prezzi, che si è attestata al 4,5%.

Grande declino

L’Italia è sfuggita per un pelo alla recessione con una crescita economica pari a zero nel terzo trimestre. Gli alti tassi di interesse hanno ridotto i consumi, secondo l'agenzia statistica del paese.

La stima iniziale è arrivata dopo che l’Italia, la terza economia più grande della zona euro, ha registrato un sorprendente calo dello 0,4% nel secondo trimestre rispetto ai tre mesi precedenti.

L’inflazione dei prezzi in Italia è diminuita drasticamente in ottobre. L'inflazione annua si è chiusa all'1,8%, rispetto al 5,3% di settembre.

Potrebbe significare tagli dei tassi di interesse

Il calo della crescita dei prezzi è dovuto al fatto che la Banca Centrale Europea ha più volte istituito un tribunale per calmare l’economia.

D’altro canto, l’inflazione di fondo – l’aumento dei prezzi meno energia e materie prime – rimane elevata. In ottobre era pari al 4,2%, contro il 4,5% di settembre.

READ  La famiglia di Haaland ha venduto un jet privato - VG

Gli alti tassi di interesse hanno anche rallentato la crescita economica nei venti paesi della zona euro. Questo, insieme ad altri fattori, potrebbe significare che i tassi di interesse scenderanno nuovamente più velocemente del previsto.

– Per come stanno le cose adesso, la porta è aperta per tagli dei tassi di interesse già nel primo trimestre del 2024, ritiene Tore Strummer, capo economista di Dansk Erhverv.