Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Rilasciato dal carcere un prigioniero della funivia dell’Italia

Un giudice italiano ha stabilito che tre persone sono state arrestate Un incidente in funivia nel nord Italia ha ucciso 14 persone Può essere rilasciato dal carcere, uno dei quali è agli arresti domiciliari.

In uno schianto una settimana fa, una gondola è caduta a terra su un cavo che collega la località turistica di Stressa Lago Magior a una montagna vicina, uccidendo tutti a bordo tranne un bambino israeliano di cinque anni ricoverato in ospedale.

Gli avvocati di Verbania hanno aperto un’inchiesta per omicidio arbitrario e negligenza. Polizia Tutti e tre sono stati arrestati mercoledì.

Il giudice ha stabilito che non c’era motivo di imprigionarli perché non potevano scappare e non c’era il rischio di danneggiare le prove, hanno riferito i media italiani.

I sostenitori del suo caso hanno lavorato per rendere disponibile online la trascrizione effettiva di questa dichiarazione.

Tutti e tre citati in giudizio per aver tenuto deliberatamente morsetti a forma di forcella sui freni di emergenza per evitare di continuare a funzionare.

“Conosco l’errore che ho commesso scendendo dalla morsa”, ha detto agli avvocati Gabriel Dadini, secondo la trascrizione ufficiale della sua intervista citata domenica dal quotidiano Courier Della Sera.

Tadini è stato responsabile della messa a punto del movimento di sollevamento, cosa che ha fatto il 23 maggio, poche ore prima dell’incidente.

Tadini è agli arresti domiciliari. Il suo avvocato, Marcelo Perilo, ha dichiarato di non aver tentato di liberare il suo cliente da quando è stato ricoverato.

“Non si può negare la questione del conflitto, per il quale avrà delle conseguenze”, ha detto Berilo, aggiungendo che le dimensioni degli altri due saranno annunciate se le azioni di Dadini non saranno ancora determinate.

“Al momento non ci sono prove che ne siano responsabili.” Avrebbero dovuto saperlo, ma non è chiaro se lo hanno fatto “, ha detto.

Enrico Ferrosio, ingegnere della società responsabile dei test di sicurezza della funivia, ha detto di non essere a conoscenza del fatto che i freni fossero stati azionati quando è stato rilasciato dal carcere di Verbania sabato sera.

“Ho 21 anni di esperienza con cavi che utilizzano cavi, cosa che so che non hai mai fatto, non hai mai fatto”, ha detto Perozio sul sito de La Repubblica.

Perosio e Luigi Nerini, i titolari dell’azienda che gestisce l’ascensore, attendono il completamento delle indagini.

Il giudice che ne ha ordinato il rilascio ha scritto che “non vi erano prove complete” contro Donadella Ponzi, Bhuvanamici, Nerini e Perosio e che l’affermazione del pubblico ministero secondo cui sarebbero stati imprigionati era basata su “mere ipotesi”.

L’avvocato di Nerini, Pascual Pontano, ha detto sabato sera ai giornalisti che il suo rilascio era una notizia gradita, ma ora è importante scoprire chi ha causato il disastro.

READ  Kolonial.no cambia nome in Oda e investe fuori dalla Norvegia nel 2021 - E24