sabato, Giugno 22, 2024

Rispondere alla segretezza e alla sofferenza del salmone a Moi – E24

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Rasmus Hansson, degli Obiettivi di sviluppo del Millennio, teme che l’industria e lo Stato stiano mettendo a rischio la reputazione del salmone norvegese permettendo al pesce di continuare a soffrire. Maui non si riconosce e dice che prendono sul serio le sfide.

Pubblicato: Pubblicato:

La versione breve

I risultati di Maui quest’anno sono stati influenzati dal numero storicamente elevato di pesci feriti e danneggiati. La causa principale è il cancro invernale, un raro attacco importante da parte degli acari delle perle.

Allo stesso tempo, gli allevamenti di salmone smettono di segnalare la percentuale di pesce non danneggiato, cioè di migliore qualità.

Rasmus Hansson, responsabile degli Obiettivi di sviluppo del Millennio, reagisce con forza a questo. Crede che i risultati e la segretezza siano inaccettabili.

– Sembra che Moi sia entrato in un vicolo cieco e presenti costantemente brutti risultati, ha detto, riferendosi all’alto tasso di mortalità e di danni ai pesci.

Continua a leggere E24+

È tempo di adottare una visione a somma zero per il settore agricolo

Il motivo per cui Mowi ha smesso di essere aperto sulla qualità del pesce è perché i numeri scarsi sono “sensibili alla concorrenza”, secondo il CEO di Mowi Ivan Windheim. Finché i numeri erano relativamente stabili, non c’erano problemi.

-Siamo stati molto chiari riguardo ai nostri problemi quest’anno. L’unica cosa che non menzioniamo è la persona Il più fineIl più fineIl pesce è di altissima qualità.– Numeri, ha detto Windheim all’E24 mercoledì.

Windheim chiede anche di comprendere che fenomeni naturali come gli attacchi di meduse possono arrivare come un fulmine a ciel sereno.

Rasmus Hansson, dell'organizzazione Millennium Development Goals, ritiene che l'industria non stia prendendo sul serio i problemi.  La foto è di un evento precedente.

– Non inserirlo

L’industria del salmone ha ricevuto molte critiche dopo che il tasso di mortalità e la quantità di pesce avariato hanno raggiunto nuovi record lo scorso anno.

READ  Un incidente mortale non è causato dall'autopilota E24

– Evidentemente Maui non ha preso i problemi abbastanza sul serio, dice Hanson.

– È un problema fondamentale, perché sono la più grande azienda agricola, e quindi creano un problema per l’intero settore, continua. (Vedi la risposta di Mowi di seguito)

Ha una vasta esperienza in materia di benessere degli animali in agricoltura, anche grazie al suo periodo al WWF.

– L’industria dice la stessa cosa da oltre 20 anni; Che le cose miglioreranno e che non c’è bisogno di nuove regole e requisiti. Ma non vediamo alcun miglioramento.

Hanson attribuisce anche la responsabilità al governo, che a suo avviso ha permesso che le violazioni dei diritti degli animali andassero oltre.

– Potrebbero volerci anni

Certo, l’anno scorso l’ex ministro della Pesca Cecily Merseth (AP) ha invitato l’industria a unirsi all’ovile. Tuttavia, il governo non ha voluto imporre restrizioni in previsione degli annunci parlamentari da fare quest’anno e il prossimo.

I messaggi parlamentari possono essere una raccolta di opinioni che non costituiscono una politica concreta, quindi potrebbero volerci anni prima che accada qualcosa, dice Hanson.

– Se il benessere dei singoli salmoni gioca un ruolo nella pratica, è estremamente urgente, in modo che le nuove generazioni di salmoni non siano esposte allo stesso problema. La domanda, aggiunge, è per quanto tempo si permetterà che continui quella che la maggior parte delle persone ora considera una sofferenza inaccettabile.

Rasmus Hansson è preoccupato per la reputazione di quella che sta gradualmente diventando la seconda industria di esportazione della Norvegia.

“Sono stupito che l’industria e il Paese, così interessati a pubblicizzare la qualità pura e brillante in tutto il mondo, siano così disposti a rischiare la propria reputazione”, afferma.

READ  Le voci sull'Italia causano yo-yo in Borsa - E24

Moi non si riconosce

– Non ci riconosciamo nel quadro intimidatorio che Hanson sta cercando di dipingere per il settore dell’acquacoltura, afferma Ola Helge Hetland, direttore delle comunicazioni di Moi.

Detto questo, Maui prende sul serio le sfide che il settore deve affrontare e utilizza risorse significative per migliorare il benessere dei pesci e ridurre la mortalità, aggiunge.

Hetland spera inoltre che i politici vogliano parlare di soluzioni reali “invece di questo tipo di retorica nei media”.

Crediamo nella chiusura: il leader della NU, Gitis Blazevicius, ritiene che le strutture chiuse risolveranno molti dei problemi del settore riguardanti l'ambiente e il benessere degli animali.

– Molto sospettoso

Natura e Gioventù (NU) ritiene che la soluzione sia la chiusura Gabbie.Gabbie.Recinti/reti in mare per la conservazione del pesce d’allevamento.

– Il settore agricolo che si trova ad affrontare enormi problemi per quanto riguarda la cura degli animali nelle strutture non è una novità, afferma il leader della NU, Gitis Blazevicius, dopo le notizie di oggi da Mowi.

Ritiene che sia “altamente discutibile” che Mowi non sia onesta riguardo al numero di salmoni avariati trovati nei suoi stabilimenti e che l’azienda giustifichi ciò affermando che tali informazioni sono sensibili dal punto di vista competitivo.

-Moi ha chiaramente qualcosa da nascondere e sappiamo che il settore agricolo ha problemi più grandi di Pearl Norman. “Chiediamo completa trasparenza nel settore e che le autorità intervengano e si assumano la responsabilità”, afferma Blazevicius.

– Le fabbriche chiuse risolveranno molti dei problemi del settore, perché non solo sta lottando contro gli attacchi delle meduse, ma la situazione è anche critica per l’ambiente e il benessere degli animali. Aggiunge che è urgente iniziare a passare alle gabbie chiuse, e qui spetta ai politici controllare il settore.

More articles

Latest article