Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Salute Nord, Lofoten |  Il prezzo da pagare quando le cose vanno male restano le Lofoten.  Non può essere centralizzato

Salute Nord, Lofoten | Il prezzo da pagare quando le cose vanno male restano le Lofoten. Non può essere centralizzato

commento Questo è un commento scritto da un membro del comitato editoriale. Il commento esprime il punto di vista di chi scrive.

Ci sono state forti reazioni dopo che si è saputo che la maggioranza del “Gruppo di emergenza” di Helles Nord avrebbe chiuso l’ospedale locale di Gravdal, trasformandolo in un Centro medico distrettuale (DMS).

Raramente le reazioni sono forti. La gente è arrabbiata. La gente ha paura. La gente delle Lofoten è arrabbiata – sì, francamente arrabbiata!

Come ha scritto Lynne Henningsen nel suo post su Reader la mattina dopo la notizia martedì sera:

“Noi vediamo, ascoltiamo e comprendiamo, ma allo stesso tempo sappiamo che esistono poteri superiori che governano la nostra vita, la nostra sicurezza e i nostri diritti”.

Dopotutto, riguarda noi. La mia sicurezza e la tua sicurezza. Abbiamo sentito, sperimentato la sicurezza. Quando le Lofoten sembrano di cattivo umore, probabilmente lui e lei sono quelli che hanno più paura.

Leggi anche

Il supervisore municipale critica dopo il suo incontro con le cime dell’Helles Nord a Bodø: – Non mi riconosco in quello che dicono

Stabilirsi sulle isole che si estendono come un artiglio, dalla Norvegia continentale all’oceano, può sembrare di per sé un’impresa rischiosa. Ma noi siamo stati al suo fianco, generazione dopo generazione. La Norvegia ne ha tratto grandi benefici.

Quanti insediamenti lungo la costa, a nord e a sud delle Lofoten, non sono dipesi dai risultati della millenaria pesca delle Lofoten?

Quante bocche non hanno sfamato le Lofoten?

Quante generazioni non hanno avuto la possibilità di crescere grazie alle Lofoten? O meglio: grazie alla gente delle Lofoten. Isole Lofoten!

Lui e lei, che a un certo punto – molto, molto lontano – hanno deciso di imparare a convivere con le forze potenzialmente mortali della natura.

Il mare dà.

E il mare prende.

Si chiama alle Lofoten.

Il mare dà. E il mare prende.

Cinque parole che racchiudono opportunità, speranza, ricchezza e fede nel futuro.

E allo stesso tempo un dolore brutale. morte. Mancante. Prezzo incredibilmente alto.

Tutto ciò che il mare ha da offrire può essere condiviso con gli altri.

Il prezzo da pagare quando le cose vanno male, quando il mare o la natura prendono il sopravvento, resta alle Lofoten. Non può essere centralizzato.

Leggi anche

Si consiglia di chiudere l’ospedale delle Lofoten: potrebbe diventare un centro medico distrettuale

Non abbiamo imparato a domare il vento che schiaccia, né il grande mare che soffia, né le montagne che lanciano sassi verso le zone dove camminiamo su due piedi. Ma attraverso le generazioni abbiamo imparato modi che ci consentono di vivere la nostra vita in un contesto accettabile e sicuro.

READ  Endurance raggiunge un traguardo importante su Marte

Questo è ciò che colpisce quando degli sconosciuti vengono e ti raccontano la vita reale alle Lofoten. Quello che eravamo NO Bisogno di sentirsi al sicuro.

Non ci sono viaggiatori venuti da altri luoghi per imparare la lingua delle Lofoten per poter soggiornare alle Lofoten. per adesso.

L’insediamento e la presenza umana sulle Isole Lofoten dipendono dalla conoscenza, dalla saggezza e dalla scienza a breve distanza. La gente delle Lofoten ha costruito, vissuto, provato e fallito. Pagare il prezzo degli errori, spesso sotto forma di perdita di vite umane. Ho imparato dalle buone scelte. sviluppo. Passeggiata in famiglia. La ragazza è come sua madre. Tale padre tale figlio.

Lo dici tu.

Le Lofoten sanno cosa serve per vivere alle Lofoten. Le Lofoten sanno che non sono esenti da rischi. La gente delle Lofoten sa, in cuor suo, quanto sia doloroso seppellire giovani e vecchi per gli errori commessi. Le Lofoten possono vedere gli errori, aggiustarli, correggerli e riprendersi, prima che l’odore vada al diavolo.

Non è perché noi come popolo abbiamo sviluppato collettivamente abilità soprannaturali.

Si chiama esperienza ed è conoscenza e saggezza che non possono essere apprese da nessun’altra parte.

Non puoi sederti nel distretto governativo di Oslo e pensare di poterlo capire. Non puoi arrivare in aereo da altre parti del paese, come fanno la maggior parte dei manager dell’Helles Nord, e sederti in un ufficio a Bodø, con vista sulle Lofoten, e pensare di sapere cosa vuol dire vivere qui!

No, non puoi.

Puoi sederti in ufficio a Oslo, Bodø o Tromsø e scoprire quanto costa gestire i servizi sanitari. Puoi sederti in ufficio o a casa in soggiorno e leggere il Lofotposten che Lofotposten ha isolato. Isolati dal mondo esterno. Puoi leggere che le frasi non funzionano. Aerei a terra. Anche i soccorsi e gli elicotteri. Le strade esistono, ma sono impraticabili. Puoi sederti ovunque e leggere che i ponti che normalmente si estendono sul mare spumeggiante come mani amiche non sono percorribili. Puoi rimanere stupito dalla creatività e dalla capacità di trovare soluzioni, quando il camion dell’acqua dei vigili del fuoco passa come un muro vivente contro il vento sul ponte Jinsui, così che un giovane poco più che ventenne arriva all’ospedale locale, e lo fa Non morire dissanguato mentre l’ambulanza aspetta la calma e aspetta il vento Che non mente.

Leggi anche

La situazione è stata più volte critica per Einar (22 anni), che non dimentica mai il suono del sangue che gli scorre in gola.

READ  Battaglia di Mariupol - Dentro Azovstal:

Puoi sederti ovunque e sentirti frustrato perché la gente delle Lofoten non capisce di cosa ha bisogno dai servizi sanitari e perché non capisce i propri interessi.

Ma bisogna essere alle Lofoten per capire che queste giornate esistono davvero. Devi essere qui per sentire la sensazione di isolamento dal mondo esterno. Solo allora potrai trovare sicurezza sapendo che, dopotutto, siamo capaci di gestirci da soli. Non possiamo andare a Stokmarknes, Harstad, Tromsø o Bodø né per partorire né per ricevere aiuti d’emergenza, e quelli che sono lì non arrivano neanche qui.

Leggi anche

I giorni ventosi sono anche giorni della settimana alle Lofoten

In giorni come questi sappiamo e ci sentiamo sicuri del fatto che possiamo gestirlo, possiamo gestire noi stessi.

Dopotutto, abbiamo l’ospedale a Gravdal e ci arriveremo.

E se non arriviamo in tempo, quel tempo non è sufficiente – la vita non era lì per salvare – è molto diverso dall’arrivo dell’ambulanza, ma mancano l’esperienza e il servizio che avrebbero potuto fare la differenza. Le persone e i servizi che possono fare la differenza tra la vita e la morte non esistono più nelle immediate vicinanze di Gravdal. Erano qui e ora sono da qualche altra parte. Helse Nord ha deciso che questa era la soluzione migliore. Lofoten. Per me e te.

NO! Questo è un errore. Ecco perché la gente alle Lofoten ha paura.

Kokforbainna nel non sentirlo.

Mi ha fatto pensare al seguente piccolo esperimento sociale.

Leggi anche

Questi sono i membri del comitato ospedaliero, ma nessuno di loro è delle Lofoten!

Le vette saranno pagaiate a Helles Nord, guidate dal ministro della Salute, sul mare delle Lofoten. Non vedono alcun pericolo, ma il Lofoten locale si sporge e scuote la testa. Vede una realtà diversa dal massimo della salute e dice: “Non dovresti farlo, non è sicuro. Non atterrerai mai in sicurezza.”»

Cosa fanno i picchi di salute?

Si ritirano o ascoltano le Lofoten?

Sono abbastanza sicuro che non osano mettersi al di sopra delle Sue parole, della Sua conoscenza, della Sua comprensione, quando le loro vite sono in gioco.

Se sbarcano potremo, se non altro, dimostrare che il problema non è l’udito.

felici vacanze!

Jan Eyvind Friedli, Redattore capo di Lofotposten

Questa è la situazione

  • Helse Nord è la fondazione sanitaria regionale responsabile di tutti gli ospedali della Norvegia settentrionale, nonché della Nordlandssykehuset Health Foundation, che comprende gli ospedali di Gravdal, Stokmarknes e Bodø.
  • Lo scorso autunno, il ministro della Sanità Ingvild Kirkwall (AFP) ha deciso che Hells Nord avrebbe dovuto prendere in considerazione la distribuzione di funzioni e compiti tra gli ospedali. Il motivo sono le importanti sfide finanziarie, in gran parte legate alla carenza di personale e agli elevati costi temporanei del lavoro. Tra le ragioni vengono citate anche lo sviluppo della popolazione e lo sviluppo della medicina.
  • Nel mese di febbraio la questione ha destato molta preoccupazione, anche a causa del loro desiderio di lavorare, tra le altre cose, sulla base del passaggio da unità definite deboli a unità più potenti.
  • Il Consiglio ha deciso, tra le altre cose, di indagare sulla preparazione alle emergenze e sull’assistenza alla maternità. Oltre ad essere presentato nei centri psichiatrici della regione. L’autorità sanitaria deve anche considerare se alcuni ospedali forniranno solo cure elettive, cioè programmate.
  • In autunno sono state identificate due alternative all’attuale processo a Gravdal – entrambe mostrano un declino del processo attuale. La più pericolosa è l’opzione 2 in quanto centro medico locale, non ospedale. Un’altra proposta prevede una posizione di emergenza in medicina interna e un anestesista in servizio 24 ore su 24, con un aumento degli interventi chirurgici pianificati.
  • Cinque gruppi di lavoro presenteranno ora le loro raccomandazioni, che culmineranno in una relazione congiunta. Il consiglio direttivo della Helse Nord esaminerà la questione prima di Natale, prima di prendere la decisione definitiva nel nuovo anno.
  • La maggior parte del gruppo di emergenza è favorevole alla seconda opzione: con il centro medico distrettuale delle Lofoten. La prossima settimana faranno la loro raccomandazione finale.
  • Il caso sarà sottoposto a un’udienza di otto settimane quest’inverno. Alla fine di aprile il rapporto completo sarà presentato al Ministro della Salute.
READ  Gli ospiti del Pride hanno negato l'alloggio. Il profilo TV è ora in fase di revisione

Leggi anche

Così ha risposto Helse Nord alla domanda delle Lofoten

Leggi anche

La prospettiva di chiudere l’ospedale delle Lofoten suscita rabbia: – Alcune persone avranno le mani sporche di sangue

Leggi anche

Dottore capo di Gravdal: – Sembra che questo sia un affare costoso, e qui hanno deciso presto a chi volevano rivolgersi

Leggi anche

Mona pretenderà che la questione venga messa sul tavolo parlamentare: – Tutte le storie e i tentativi di spiegazione non valgono nulla

Leggi anche

I burocrati sanitari e altri professionisti sono in viaggio

Leggi anche

Pieno sostegno da parte di Vågan nel caso ospedaliero: – Coloro che pensano che possiamo andare a Stokmarknes solo per l’ospedale sono in un vicolo cieco