venerdì, Giugno 21, 2024

Scienza e lesioni nella manipolazione del collo

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "
Questo è l’argomento della discussione. Eventuali opinioni espresse nel testo sono di responsabilità dell’autore. Se desideri essere coinvolto nella discussione, puoi leggere come qui.

Aftenposten ha avuto un rapporto il 22 maggio di lesioni gravi avvenute durante e dopo la manipolazione del collo. Alexander Chaibei, chiropratico, fisioterapista e ricercatore sul dolore al collo, afferma che non è scientificamente provato che la manipolazione del collo porti all’ictus. Dice, tra l’altro, che non si possono trarre conclusioni scientifiche da singoli casi.

Questo lo capovolge. Il problema è simile al famoso problema del “cigno nero”. Diceva che tutti i cigni sono bianchi, fino a quando un cigno nero non è stato trovato per caso in Australia. L’esempio è stato utilizzato dal filosofo della scienza Karl Popper per descrivere il processo scientifico all’interno di soggetti sperimentali. Un’ipotesi si dice falsa (respinta) se viene confutata attraverso osservazioni.

Se l’affermazione (ipotesi scientifica) è che la manipolazione del collo non causa l’ictus, allora un singolo caso verificatosi durante il trattamento è sufficiente per rifiutare questa ipotesi. Il fatto che alcuni pazienti che hanno subito lesioni gravi possano avere fattori predisponenti non cambia la logica. Anche un gran numero di manipolazioni senza gravi complicazioni non può dimostrare che il trattamento è sicuro, ma un caso di grave danno può confutarlo.

Finn Wisloff, Professore Emerito MD, Dipartimento di Medicina Clinica, Facoltà di Medicina, Università di Oslo

READ  Standard uguali per ambiente, sostenibilità e sicurezza alimentare nella produzione alimentare nell'Unione Europea

More articles

Latest article