Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Scuola e istruzione | A scuola, la coercizione è assolutamente necessaria

Ora gli studenti dovranno scegliere le conoscenze di cui hanno bisogno. È un’idea catastrofica.

Editorialista Questo testo esprime le opinioni personali dello scrittore.

Il coronavirus mi ha dato intorpidimento, quindi raramente mi sento turbato durante il giorno. Tuttavia, il ministro dell’Istruzione Gory Melby (5 °) è riuscito poco prima di Pasqua. Il 26 marzo lei e il governo si sono presentati Riparazione dei risultati, A cui è stato dato il sottotitolo ironico “Con le porte aperte al mondo e al futuro” Non ho mai letto una proposta che probabilmente chiuderà diverse porte.

Secondo il governo, è necessario tagliare materiali comuni al liceo in modo che più persone possano completarlo. Nel trituratore Tutti gli argomenti Tranne norvegese, inglese e matematica. Inoltre, hanno introdotto un “nuovo argomento in futuro”, che affronterebbe temi come la democrazia e l’uguaglianza di genere. Altri materiali saranno opzionali.

Melby Abbiamo parlato di Scienza, storia e religione sono “materie minori” e sono utili solo “separate”. Dopo le dure critiche Mi sono scusato La formulazione. Ha anche detto che “la questione del futuro”. Non il più lungo attuale. Tuttavia, questo non cambia il problema principale: che argomenti molto cruciali diventeranno volontari. Questa “libertà” è un’idea catastrofica.

Libero dalla ragione?

Il rapporto del governo al parlamento norvegese afferma che la nuova divisione delle materie contribuirà a “studi, rilevanza e scelta più approfonditi” e che ciò migliorerà abilità come la scrittura accademica e il pensiero critico.

Non posso essere più d’accordo sul fatto che ciò sia necessario per la preparazione agli studi e alla vita in generale. Ma: come si può diventare un pensatore critico quando non si possiede una buona e ampia base di conoscenza?

READ  L'entusiasmante copertura mediatica non contribuisce a una campagna più informata

Viviamo in un’epoca in cui le teorie del complotto abbondano e in cui i social media sono pieni di piccole rappresentazioni unilaterali e poca conoscenza della realtà. La scienza spesso deve cedere.

La scorsa settimana, ad esempio, abbiamo assistito alla famosa carta sette che ha partecipato a una delle tante manifestazioni contro le misure di controllo delle infezioni davanti al Parlamento. Dopo aver partecipato a maschere facciali ardenti, Egli ha detto Non c’è “molto da suggerire” che le restrizioni abbiano un effetto.

Atteggiamenti come questi hanno in comune con le cospirazioni sul clima e sui vaccini: mancanza di rispetto per la scienza e i professionisti. Il requisito che tutti abbiano materie come scienza, geografia, studi sociali e storia è una metrica importante se vogliamo limitare la prevalenza di questo.

Libertà forzata

Non sono passati molti anni da quando mi sono diplomata al liceo, e devo ammettere che capisco perché meno argomenti popolari potrebbero sembrare una buona idea. Molti argomenti portano a molte situazioni di valutazione, che a loro volta possono portare a stress. Ricordo una quantità eccessiva di lavoro e mi aspettavo di essere bravo in tutto.

Questo è anche il motivo per cui l’Organizzazione studentesca lo ha detto Supporto per suggerimenti. Credono che una maggiore libertà di scelta porti a più “proprietà, motivazione e desiderio di imparare”.

Questo può essere vero, ma la libertà di scelta deve essere bilanciata con i costi sociali derivanti dal fatto che non tutti ricevono informazioni cruciali su come il mondo è collegato.

Molti sceglieranno in base a ciò per cui puoi ottenere i voti migliori, piuttosto che a ciò che è importante per l’apprendimento. Ho anche scelto di non andare alla scienza. Sono contento di non aver avuto la possibilità. La coercizione è assolutamente necessaria per garantire a tutti la stessa istruzione generale.

READ  Il mistero del loft risolto: la storia di Henning

Né è scontato che una maggiore libertà di scelta possa alleviare lo stress degli studenti. Al contrario, può portare a molte pressioni per prendere la decisione giusta. Una grande libertà di scelta sin dall’inizio del liceo richiede che gli studenti sappiano anche prima cosa vogliono

Niente è stato deciso

Per raggiungere l’obiettivo di un ulteriore approfondimento, la soluzione sarebbe stata quella di riorganizzare temi già esistenti, soprattutto per quanto riguarda i casi di valutazione. Sono d’accordo che la scrittura accademica dovrebbe essere enfatizzata. Compiti sempre più grandi possono essere un’alternativa naturale ai test del presepe.

Ciò ha portato a una maggiore libertà di scelta all’interno del quadro esistente: lo studente stesso può in gran parte decidere sull’argomento di tali progetti.

La riforma dei risultati è ora all’esame del comitato per l’istruzione e la ricerca. Gauri Melby conferma che nulla è stato deciso.

E questo è. Gli argomenti comuni devono essere memorizzati.