Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sentiero leggero dalla foresta – Dagsavisen

Sentiero leggero dalla foresta – Dagsavisen

Il senno di poi è noto per essere la scienza più accurata. Ora stiamo per diventare una nazione di professori nei campi più sottili. Ma la domanda che dobbiamo porci nella crisi in cui ci troviamo non può essere cosa avremmo dovuto fare. è troppo tardi. Ma cosa possiamo e dobbiamo fare per andare avanti.

Anche se il sole gioca ancora in estate, è buio in pieno giorno. Giornali come Dagens Næringsliv sono diventati un vero shock. Il giornale rosa di ieri potrebbe fare notizia come “Paura di distruggere il mercato del gas”, “Crash in Russia deve essere considerato”, “Il peggior giorno di borsa degli ultimi sette mesi” e “Potrebbe essere necessario abituarsi a tassi di interesse più alti” in modo permanente”. C’è così tanto da mangiare per tutti noi. Non da ultimo per il primo ministro Jonas Gahr Store.

Il ministro dell’Energia Aasland ha cercato di attendere con impazienza il dibattito, mentre Spetalen potrebbe lamentarsi delle elezioni di ieri.

Martedì sera, NRK ha stabilito un record populista quando ha fatto pressioni sul ministro dell’Energia sotto pressione contro il miliardario Bendus per “quello che ho detto”. Øystein Stray Spetalen, ricco di soldi, contro l’imputato Terje Aasland (AP). Quest’ultimo non può promettere una gratificazione immediata con soluzioni rapide. I 620.000 norvegesi che si sono iscritti al gruppo Facebook “We Demand Cheaper Electricity” hanno dimostrato le loro teorie secondo cui sono stati imbrogliati, derubati e fuorviati da politici che hanno fatto tutto di sbagliato.

Spetalen era in studio perché nel 2014 aveva messo in guardia contro la costruzione di due nuovi cavi esteri per i mercati giganti di Germania e Inghilterra. Temeva che i nostri prezzi salissero ai livelli europei. Otto anni dopo, ha avuto ragione. Si può dire, naturalmente, che anche le galline cieche possono trovare grano, ma è il turno di Spetalen di brillare in tutta la sua sincerità. Il prezzo è salito, anche se fortemente accompagnato da una serie di altri fattori.

READ  Sembra un ostaggio nella Collezione Frederiksen al Museo Nazionale

Ha discusso in modo sorprendente in TV, ma soprattutto perché nel dibattito l’NRK gli è stato permesso di definire il fattore più importante della crisi: la Russia che vuole soggiogare l’Ucraina con la forza e che vuole minare l’Europa e tutto ciò che rappresenta il continente. Condizioni dell’umanità e governo del popolo. Il regime totalitario di Putin usa il gas come arma da più di un anno.

In Norvegia, avevamo l’energia più economica del mondo. Abbiamo incasinato questo. Abbiamo costruito la nostra comunità su elettricità quasi gratuita. Le nostre autostrade sono inondate di riflettori, la neve nei nostri vialetti si sta sciogliendo a causa dei cavi scaldanti e la nostra casa di montagna è occupata da enormi e luminose case di vacanza dove l’interruttore non può più essere spento. Chiaramente, quello che sta succedendo è sconvolgente. su molti fronti. Ma dobbiamo chiarire le argomentazioni e non dimenticare la fonte principale dei problemi.

Il sistema elettrico norvegese serve bene i consumatori, le imprese e i comuni norvegesi da 30 anni. Attraverso una pace profonda e affermazioni che anche le ruote pesanti della storia hanno smesso di girare. Non possiamo nel 2022 mettere i politici ai margini di scelte che vengono fatte in una realtà lontana con una mentalità completamente diversa. Il muro è caduto, la Russia è stata invitata ad aderire alla NATO e tutto è stato gioia e felicità. Il sistema si basa sulla fiducia e sull’equilibrio. Tra Norvegia e Unione Europea, tra Europa e Russia.

READ  I democratici mettono in guardia duramente sull'isteria climatica dell'UE e su "Fit for 55"

Quando la crisi bussa alle nostre porte, è facile vedere che sono stati fatti degli errori. Era ingenuo. Gli americani avevano ragione nei loro ripetuti avvertimenti di non rendere l’Europa dipendente dal petrolio, dal gas e dal carbone russi. C’è stata poca gestione politica dell’energia idroelettrica norvegese, il che significa che i produttori di energia possono drenare i serbatoi a livelli che mettono in pericolo l’autosufficienza norvegese. Una gestione così ridotta di società norvegesi di proprietà pubblica nel mercato energetico di cui pochissimi politici erano a conoscenza. Non c’erano molte ragioni per alzare il cofano e vedere come funziona un motore complesso quando è tirato come un gatto. Ora il motore si è rotto, il mercato energetico europeo va aggiustato. Ieri la presidente dell’Unione Europea Ursula von der Leyen ha presentato i suoi documenti con proposte per un prezzo massimo per il gas russo e una ridistribuzione dei superprofitti alle compagnie energetiche.

I nuovi telegrammi stranieri dalla Norvegia erano pazzi per la politica? Attualmente, sull’orlo di una crisi che ci sta costringendo, Spetalen sembra avere ragione con le sue buone spiegazioni sull’importanza delle esportazioni minime di elettricità norvegese verso il mercato energetico dell’UE. Ma possiamo partecipare a un mercato, a una società, e raccogliere solo quando ne abbiamo bisogno e non condividere il peso quando ci è richiesto? Storicamente, i cavi hanno contribuito alla nostra sicurezza energetica.

Il ministro dell’Energia Aasland ha cercato di attendere con impazienza il dibattito, mentre Spetalen potrebbe lamentarsi delle elezioni di ieri. Questa è una sua prerogativa, non risponde a nessuno. Ma il politico doveva rispondere alle scelte fatte da un’altra generazione, in un altro momento. La responsabilità spetta a lui oggi, ma è vincolato da accordi e obblighi, e lui e il governo hanno fatto ciò che è necessario a breve termine: garantire la sicurezza finanziaria della nazione a uomini e donne ottenendo la maggior parte della bolletta dell’elettricità. Deve mancare, le casse statali si stanno gonfiando di entrate energetiche. Ha incaricato i produttori di energia di riempire i serbatoi e garantire l’alimentazione. È stato costituito un Comitato Energia. Si prevede che indichi un percorso diverso dai giorni di bel tempo politico.

READ  Cambiamento climatico, scienza | Migliaia di ricercatori hanno lanciato l'allarme sulla salute del mondo صحةصحة

La strada da seguire è aumentare la produzione di energia. Per fare tutto ciò che doveva essere fatto sotto i governi di Jens Stoltenberg ed Erna Solberg. La dichiarata crisi della politica energetica e di sicurezza dell’Europa non è stata presa abbastanza sul serio. Devono essere fatti enormi investimenti per sfruttare l’energia del sole, del vento e delle maree e l’Europa deve diventare indipendente dalla Russia nel più breve tempo possibile. Pertanto, potrebbe esserci anche un miglioramento climatico in attesa in seguito.

La via da seguire è seguire la via della luce dal bosco, fuori dalla crisi, verso l’Unione Europea e l’Europa che devono trovare soluzioni insieme, stare insieme in tutto, e la loro società assoluta è l’unica via possibile per il futuro. La Russia ha una mente debole, gli Stati Uniti sono sull’orlo della rivoluzione e una Cina totalitaria è un paese vicino che deve essere preso sul serio e conquistato con il potere collettivo.

Potremmo aver importato una grave crisi energetica e la giuria è fuori, ma è un investimento che stiamo facendo nella solidarietà europea. Il prossimo passo deve essere quello di garantire il nostro diritto di parola quando si deciderà il futuro del paese. a Bruxelles. L’ultima generazione a cui è stato permesso di dire qualcosa sulle relazioni della Norvegia con l’Europa e l’Unione Europea è nata nel 1976. In un altro mondo.

Tieniti informato. Ricevi una newsletter giornaliera da Dagsavisen