Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Siri Hostveit: “Mamme, papà e altri”

Siri Hostveit: “Mamme, papà e altri”

Articoli

editore:

Ashyhog

traduttore:

Knut Johansen

Anno di pubblicazione:

2021


Emozionante nel contenuto, impressionante per conoscenza e ampiezza, ma sorprendente nella forma.»

Vedi tutte le recensioni

La prima parte è la più personale, poiché Hostveit scrive con vicinanza, calore, chiarezza e analisi sui suoi predecessori. Incontriamo la nonna, la contadina che aveva solo due anni di istruzione ed era considerata una donna difficile. In un ritratto particolarmente bello, Hustveit raffigura sua madre, una donna norvegese della Norvegia meridionale che sposò uno studente Fulbright degli Stati Uniti. Nel rapporto tra madre e figlia c’è una rappresentazione toccante dell’intimità tra madre e figlia da bambine e tra la madre più grande e la figlia da adulte.

Hustvedt mostra come siamo modellati dalla qualità delle relazioni che abbiamo con le persone a noi più vicine.

Genetica e ambiente

Siri Hostveit colloca questo in una cultura plasmata dalla misoginia e dagli ideali patriarcali. Ha portato in questo mondo le sue idee sulla maternità, insieme a bellissime immagini di sua madre e sua nonna.

Il lato sconosciuto di Monk

Il lato sconosciuto di Monk


Abbiamo discusso molto di genetica e ambiente, ma riusciamo ancora a dimenticare che i primi nove mesi della nostra esistenza rappresentano l’ambiente nel grembo materno. Non siamo creati semplicemente attraverso il concepimento. Siamo modellati nelle nostre madri. Questo fatto è sottostimato sia nell’arte che nella scienza. Il ruolo della madre è distinto e fondamentalmente diverso da quello del padre. La maternità richiede molto.

Sarebbe stato interessante leggere di più sui pensieri di Hostveit su questo argomento e poi in relazione a concetti come il femminismo della differenza e il femminismo dell’uguaglianza.

READ  "Happy Pursuit": una nuova commedia romantica per l'era post-pandemia

All’ombra dell’uomo

Una delle cose più meravigliose che puoi fare è diventare consapevole dei punti ciechi nella società e in te stesso, le cose che non vedi finché non ne diventi consapevole. Prendiamo, ad esempio, la rappresentazione delle nascite nella storia dell’arte occidentale. Non esiste in pratica. Perché non vediamo ciò che non c’è, e ciò che è diventato invisibile non esiste.

Ma Siri Hostveit me lo ha fatto vedere in questa meravigliosa raccolta di saggi e saggi.

Ci ricorda anche come le donne, lei inclusa, siano spesso relegate all’ombra dei loro uomini. Quando Hustveit pubblicava i suoi romanzi, incontrava costantemente giornalisti che volevano che ammettesse che suo marito, l’autore Paul Auster, li aveva scritti. Quando Hostveit scrive saggistica, gli intervistatori presumono automaticamente che suo marito sia un esperto degli argomenti di cui scrive.

Altrimenti come potresti sapere così tanto su di loro?

Moglie dell'autrice: Siri Hustveit con suo marito, lo scrittore Paul Auster, nel 2017. Fotografia: Adriaan Örn Johansen/Dagbladet

Moglie dell’autrice: Siri Hustveit con suo marito, lo scrittore Paul Auster, nel 2017. Fotografia: Adriaan Örn Johansen/Dagbladet
Mostra di più

Donne violente

Ma Siri Hostveit sa leggere da sola. Lo presenta nella sezione centrale del libro, che contiene, tra le altre cose, buoni saggi su classici come Stormfule højder, che probabilmente funzionerebbero meglio come romanzi. Laddove il libro inizia con un caldo ritratto delle donne, si conclude con il tipo di incubo della matrigna peggiore dei racconti popolari: nel 1965, Sylvia Likens fu lentamente torturata a morte dalla madre adottiva, che incitò anche i suoi stessi figli e quelli di lei vicini a partecipare agli abusi.

Gli esseri umani hanno la capacità di vicinanza, ma hanno anche la capacità di una crudeltà inimmaginabile. Ciò vale anche per le donne, osserva Hustveit.

Per vostra informazione: uno degli articoli del libro, pubblicato negli Stati Uniti nel 2021, si basa su una conferenza tenuta da Siri Hustvedt alla Litteraturhuset quando il revisore era direttore generale della stessa. Pertanto, non sono menzionati o valutati in questa recensione.

Forte riguardo alle guerre dell’Europa orientale

Forte riguardo alle guerre dell’Europa orientale