Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Svedese preferito in Eurovision Non sentire la pressione

Giovedì 12 maggio lo svedese si batterà per l’ultimo posto nella seconda semifinale.

TV 2 ha incontrato il famoso artista, che sembra aver ben piantato i piedi per terra, nonostante il grande interesse internazionale e il preferito del personaggio.

– È un grande complimento. Sono molto contento. È un onore.

Padre artista: Samuel Jacob è ben noto ben oltre i confini della Svezia. Foto: Leif R. Jansson / TT

un viaggio

Alla domanda se sente la pressione che accompagna la rappresentanza della Svezia, che “sempre” fa bene all’Eurovision Song Contest, ha risposto:

Capisco la pressione, ma non la sento. Non so se è strano, ma forse è perché sono passati solo pochi mesi da quando sono stato un artista un po’ sconosciuto in Svezia, e ora sono seduto qui all’improvviso, ci sono fan da tutto il mondo mondo e persone mi hanno dato un preferito. È così incredibilmente meraviglioso e meraviglioso fare un viaggio del genere in così poco tempo. Sono solo grato.

Suo padre è Samuel Jacob, che è diventato famoso in tutto il mondo grazie alla rock band The Poodles. Crede che uno dei motivi per cui è in grado di tenere sotto controllo i suoi nervi sia che la musica le è così naturale grazie a lui.

– Puoi darmi sicurezza. È stato un musicista per tutta la mia vita e questo mi ha dato un approccio naturale alla musica. Ho iniziato a cantare sul palco durante i suoi concerti quando avevo circa sette anni.

Attenzione dopo l’acrobazia in biancheria intima

rivista italiana Corriere Sottolinea l’importanza di assicurarsi di essere notato prima delle semifinali dell’Eurovision Song Contest. Hanno scritto un articolo al riguardo e hanno usato la foto di Jacob per esprimere il loro punto di vista.

Emozionante: lo svedese ha ricevuto molta attenzione quando i media di grandi parti del mondo si sono riuniti per intervistare gli artisti sul tappeto rosso domenica scorsa.  Foto: Yara Nardi

Emozionante: lo svedese ha ricevuto molta attenzione quando i media di grandi parti del mondo si sono riuniti per intervistare gli artisti sul tappeto rosso domenica scorsa. Foto: Yara Nardi

“L’obiettivo è farsi notare. Anche se non sei nei paesi dei ‘Big Five’ e devi vincere le semifinali se miri a cantare in finale, ciò che conta”, ha scritto sul Weekly.

Indicano lo svedese Jacobs, che indossava biancheria intima nera sul tappeto rosso. Il giornale ha anche notato ciò che ha scritto nella sua biografia sulla sua pagina personale su Instagram:

Viva La Vega. Tradotto dall’italiano, significa “figa longeva”.

Scrive “Viva la Vega” e sa cosa vuol dire in italiano, afferma il giornale.

Quattro paesi possono vincere

Molti esperti ritengono che lei, il britannico Sam Ryder o gli italiani Mahmoud e Blanco avrebbero vinto la competizione quest’anno se non ci fosse stata la guerra in Ucraina.

Du Sons: I preferiti Mahmoud e Blanco.  Foto: Heiko Junge / NTB

Du Sons: I preferiti Mahmoud e Blanco. Foto: Heiko Junge / NTB

I bookmaker hanno inserito l’Ucraina e la Kalush Orchestra nella loro lista dei favoriti per la vittoria, in parte perché credevano che molti avrebbero votato per loro per simpatia.

A Jacobs è stato chiesto come si sentiva e probabilmente avrebbe perso una vittoria a causa del voto politico.

– Hanno il mio pieno sostegno. Penso che siano coraggiosi, tu dici, riposati e dici:

Storicamente, abbiamo sempre avuto una cultura che ci dà delle pause nei momenti difficili e puoi ottenere un aiuto da essa. Quindi, penso che sia bello essere coinvolti e dare davvero quella pausa alle loro persone e ai partecipanti. Penso che sia fantastico e bello che lo facciano, e li appoggio pienamente.

Conferma che anche a lei piace la loro canzone e pensa che avrebbe comunque avuto buone possibilità.

Anche la seconda TV ha chiesto a Mahmoud e Blanco la stessa cosa.

The Sun: Sam Ryder per lo più vaga e sorride, non importa dove si trovi.  Foto: Nderim Kaceli / ipa-agency.net

The Sun: Sam Ryder per lo più vaga e sorride, non importa dove si trovi. Foto: Nderim Kaceli / ipa-agency.net

L’Ucraina è una buona competizione per noi. Penso che i voti andranno alla canzone migliore. Quello che sta accadendo in Ucraina è molto triste e speriamo che finisca presto.

Vuoi rimuovere lo stigma

L’ultimo dei quattro in cima alla lista, bisogna credere ai bookmaker, è Sam Ryder. Forse il più grande shock di quest’anno, perché il Regno Unito tende a fare molto male in concorrenza. L’anno scorso gli inglesi hanno ottenuto 0 punti.

Dice che è bello essere in cima alla lista delle scommesse degli esperti, ma non ci pensa troppo:

– È bello, ma ascolta qui: parla di cosa puoi fare con la piattaforma che hai la fortuna di possedere. Per un breve periodo, si tratta di ciò che fai e del messaggio che vuoi trasmettere. Si potrebbe essere indotti a pensare che questi siano i tre minuti alla fine dello spettacolo, ma non si tratta di questo. Te lo prometto. È molto più grande di così. A casa, c’è uno stigma intorno all’Eurovision. Non mi sono mai sentito più sicuro di niente, del nostro lavoro è cercare di rimuovere quello stigma e portare un po’ di positività in quella storia.

Anche l’Orchestra Kalush ucraina ha rilasciato una lunga intervista a TV 2. Hanno raccontato come uno dei membri della troupe sia rimasto e abbia difeso il proprio paese, che le loro famiglie sono state lasciate in Ucraina, cosa significa supporto internazionale e come ci si sente a essere un favorito. Vedi l’intervista qui sotto.

READ  Non cose più strane - VG