Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Tasso di natalità in Italia in caduta libera

Adesso ci sono almeno 18-20 studenti per classe, spesso solo 15-16 studenti, dice Vicino, un’insegnante di scuola elementare a Caltagiron, in Sicilia.

L’Italia ha sempre avuto uno dei tassi di natalità più bassi d’Europa, ma la situazione è ulteriormente aggravata dalla pandemia Corona.

L’anno scorso, la popolazione italiana è diminuita da circa 400.000 a 59,3 milioni. È una grande rovina come tutti i fiorentini.

Lo sfondo del forte calo è una combinazione di alti tassi di mortalità, bassi tassi di natalità e bassa immigrazione.

Il futuro è in pericolo

In una conferenza a Roma venerdì, dove era presente anche Papa Francesco, il premier Mario Draghi ha affermato che l’aspettativa di vita media in Italia è di 47 anni, la più alta in Europa secondo lui.

“L’Italia senza bambini è l’Italia che non ha posto nel futuro, è l’Italia che lentamente non esiste più”, ha detto Draghi.

Gli esperti dicono che meno bambini oggi significa meno futuri contribuenti. Ciò si traduce in una bassa produttività nel paese e in una debole capacità di assistenza agli anziani nel paese.

La crescita più lenta in Italia

Questa è stata a lungo una preoccupazione nella maggior parte dei paesi occidentali, ma la minaccia è particolarmente grave in Italia, che ha già la crescita più lenta tra i paesi del G7.

Draghi ha promesso più asili nido, un migliore sostegno alle donne al lavoro e assistenza con prestiti per la casa per giovani coppie come parte di un piano finanziato dall’UE per l’Italia per la ricostruzione post-pandemia.

Oggi il sistema previdenziale italiano favorisce gli anziani. Il bilancio sanitario e pensionistico costituisce la parte più consistente del bilancio sociale.

READ  La guardia costiera libica ha aperto il fuoco su una barca di profughi

A giudicare dalla crisi

Caltagirone è famosa per le sue ceramiche e architetture barocche protette dall’UNESCO. Ma come in molti posti in Italia, l’economia va male e la città è un esempio di crisi demografica.

Il numero di nascite annuali nella città si è dimezzato tra il 1999 e il 2019, da 532 a 265. Ciò colloca la città tra le dieci città in Italia con il tasso di natalità in più rapida diminuzione.

Questi numeri non sorprendono, afferma il sindaco Gino Ebollo, ma indicano anche fattori esterni, come il fatto che un campo di immigrati nelle vicinanze sia chiuso. Le donne hanno utilizzato la clinica femminile di Caltagiron.

Tuttavia, il calo demografico è evidente alla Scuola Elementare Ficino, dove cinque studenti lasciano la quinta elementare quest’anno e solo due verranno sostituiti l’anno prossimo.

Lascia la città a frotte

In un’altra scuola, il preside Franco Pinitaro afferma che il numero di studenti è diminuito di un terzo negli ultimi 15-20 anni. Dice che i giovani hanno lasciato la città a frotte a causa della mancanza di prospettive future.

Il 27enne Luca German è un’eccezione. Dice che il 90 per cento dei suoi compagni di scuola superiore ha lasciato la città e solo uno su trenta ha figli.

È legato alla generale contrazione dell’economia negli ultimi vent’anni. Dice le difficoltà di trovare lavoro, ottenere uno status stabile e tutto ciò che è necessario per mettere su famiglia.

Il più basso in 150 anni

Nel 2012, il tasso di natalità è sceso al livello più basso da quando l’Italia era un paese nel 1861. A quel tempo sono nati 534.000 bambini, ma da allora il numero è diminuito ogni trimestre. L’anno scorso, quando si è diffusa la pandemia Corona, il numero è sceso a 404.000.

READ  Nostalgia per il bar principale - Diretto

Per il 2021, gli esperti prevedono un altro calo tra 384.000 e 393.000 nuovi bambini, in linea con la tendenza globale a seguito della pandemia.

A dicembre e gennaio, nove mesi dopo la diffusione dell’epidemia in Italia, il tasso di natalità annuo è sceso rispettivamente del 10 e del 14 per cento.

Iniziativa familiare

Come parte dell’inversione di questo declino, il governo sta pianificando quella che viene chiamata un’iniziativa familiare che includerà migliori assegni familiari, congedo di paternità più lungo e altri incentivi.

Il piano è ben accettato dagli esperti, anche se potrebbero essere necessari diversi anni prima che inizi a dare risultati.

Un esperto rileva che le coppie italiane in vari sondaggi affermano di voler avere due figli, nonostante nel 2020 il tasso di natalità scenderà a 1,24 nascite per donna.

C’è un divario tra il numero di figli che vogliono avere e il numero di bambini che le persone hanno effettivamente, afferma Leonardo Pichetti dell’Università di Tor Vergata a Roma.

(© NPK)