Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Tempi nazisti, Arte | Da Hitler timorato di Dio agli artisti democratici

378 artisti erano nella lista dei “timorati di Dio” di Adolf Hitler – e vivevano grassi a spese dello stato nazista. Una nuova mostra a Berlino mostra che hanno continuato ad essere popolari dopo la guerra.

Commenti Esprime l’opinione dell’autore.


I timorati di Dio venivano regolarmente acquistati dallo stato, oppure venivano loro assegnati incarichi ben pagati per decorare edifici pubblici – così evitavano di rischiare la vita come soldati al fronte.

La mostra “Honorable List” ha aperto questo fine settimana al Museo di storia tedesco di Berlino con 300 opere di 114 scultori e pittori. Le loro carriere non finirono in alcun modo con gli sforzi dello stato totalitario. Dopo la guerra, la maggior parte di loro divenne nomi famosi nella giovane e democratica Repubblica Federale.

La stessa cosa è successa con molti scrittori e compositori. Hanno continuato a comportarsi come se nulla fosse, ma si sono assicurati di esprimersi come ci si aspetterebbe nella nuova democrazia.

Contribuisci fortemente

“Tutti” conoscevano il passato bruno di questi artisti, senza che ciò portasse a grandi difficoltà professionali. Erano ancora ingaggiati per realizzare arredi monumentali per municipi o statue per decorare giardini e piazze.

Clicca qui per iscriverti alle newsletter di The Norwegian Discussion

“Né gli artisti né la concezione nazionalsocialista dell’arte sono scomparsi dopo il 1945”, osserva il curatore Wolfgang Bruniss nei materiali di stampa preparati. Brauneis sottolinea che nel corso di 12 anni questi artisti non solo sono stati dotati di tutti i tipi di vantaggi, ma hanno contribuito notevolmente alla percezione dello stato del NS e dei suoi edifici monumentali.

Il preferito di Hitler

Il miglior esempio è lo scultore, architetto e grafico Arno Brecker (1900-1991). Hitler lo vide presto e si assicurò che – in disposizioni costose – gli venissero ordinate molte statue colossali.

Forse la sua opera più famosa furono i due uomini giganti – seminudi – che sorvegliavano l’ingresso dell’edificio in acciaio della Neue Staatskanzelei a Berlino. La spada era chiamata Wehrmacht e l’altra – con una torcia in mano – era chiamata Partito. Quest’ultimo è sopravvissuto ai violenti atti di guerra dei giorni scorsi intorno al Driver’s Bunker nel parco e oggi può essere ammirato all’ingresso del Deutsches Historisches Museum. (A pochi metri di distanza c’è una statua altrettanto grande di Lenin.)

READ  Ørsted spenderà 478 miliardi di NOK in energie rinnovabili - E24

“compagno”

Quando l’Armata Rossa si presentò a Berlino nella primavera del 1945, Arno Brecker si assicurò di salvare se stesso e alcuni dei suoi affari più importanti in un ambiente più sicuro vicino a Düsseldorf. Giustamente è stato definito “complice” dal Tribunale per la denazificazione e ha dovuto pagare una pesante multa. Ma non passò molto tempo prima che le missioni iniziassero ad affluire dalle molte città bombardate che dovevano essere ricostruite. Alcuni hanno parlato con disprezzo di “brekificazione”.

Leggi anche: I diari di Hitler sono quasi del tutto reali

Come molti dei suoi colleghi, Bricker si è anche allenato molto con soldati caduti, madri in lutto, uomini ben educati con muscoli extra e donne gentili con cosce larghe e grandi seni, quasi le macchine per l’alimentazione della “razza ariana”. Questa alternativa era richiesta anche per molti anni del dopoguerra e molte persone timorate di Dio potevano continuare a raccogliere incarichi e buoni salari.

anche ad est

Nel 1945, i sovietici avevano un piano per impadronirsi di Arno Bricker, in modo che potesse progettare il Monumento alla Vittoria proprio di fronte alla Porta di Brandeburgo. Credevano che la persona che avrebbe potuto rendere felice Hitler con le sue statue, dovesse essere anche al centro dei riflettori per Joseph Stalin. Ma l’uccello volò via e gli fu assegnato un altro incarico.

Le opere di Breker furono raccolte da tutta Berlino e riposte in un magazzino sovietico, insieme ad altre opere d’arte naziste. Negli anni ’50 furono ripresi e usati per decorare gli impianti sportivi sovietici intorno alla DDR, senza che nessuno pensasse alle loro origini.

Molti artisti della lista di Hitler sono finiti nella Germania dell’Est. Erano necessari anche nel paese comunista, solo finché si conosceva il loro background. Lo stesso vale per i colleghi austriaci.

Schwerin

Nel 2006, 70 delle opere di Arno Brecker della guerra – e successive – sono state esposte in una galleria pubblica di Schwerin. L’evento è stato inizialmente accolto con clamore, ma nessuna delle minacce di bombe è stata realizzata. Il mio migliore amico, lo scultore Kurt Koch, era solito imprecare nel pub ogni giorno e pensava che avrebbe dovuto dare un’occhiata più da vicino alle sculture di cinghiale naziste. Aveva partecipato alla manifestazione nel 1981, quando Bricker ha aperto una mostra del proprio lavoro a Berlino Ovest.

READ  Suggerimenti FPL Round 32: L'esperto dell'occhio obliquo promette ancora di essere il più alto

Alla fine, ho accettato di essere un compagno di viaggio. Ma pongo una condizione: agisci educato e prometti che non ci sarà scandalo. E Kurt ha giurato – così il giorno dopo abbiamo preso il treno verso nord.

mostra

Non è stata una sorpresa che lo spettacolo fosse davvero bello. Dopo essermi voltato da solo, ho sentito improvvisamente il suono di un mio amico che mi ha fatto rizzare i capelli lungo la schiena. Non solo Bricker era uno sciocco nazista fino alla sua morte nel 1991, ma questo dannato ragazzo era anche un umile artigiano, l’ha dosato.

Leggi anche: 60 anni fa sorgeva il muro: l’intelligence tedesca dormiva quando il muro fu costruito – e anche quando cadde

Kurt era in piedi di fronte a una grande figura femminile con le mani alzate al cielo, circondato da dozzine di ascoltatori interessati. Kurt ruggì “nave miserabile”. “Che presumibilmente estende le sue braccia verso l’alto, in realtà sembra essere appesa alle sue braccia”.

persistenza della popolarità

Se avesse fatto qualcosa di simile solo 15-20 anni fa, il mio amico sarebbe stato colpito subito, prima che qualcuno avesse il tempo di dire una torta. Ma ora, la folla in erba si alzò in piedi e annuì. E i due giovani con croci di ferro al collo avrebbero potuto pensare di appartenere a una minoranza così potente che sarebbe stata una buona idea tacere del tutto.

La mostra ha mostrato che l’élite della politica, della cultura e del grande capitale del dopoguerra ha continuato a utilizzare Bricker come scultore preferito. I primi due cancellieri – Konrad Adenauer e Ludwig Erhard – modellarono le loro teste. Ma anche una star mondiale come Salvador Dalì non ha fatto di tutto per essere interpretato dallo scultore preferito di Hitler.

READ  Seadrill si trova in gran parte in una borsa vulnerabile - E24

Documentazione

La mostra che si apre oggi al Museo di Storia tedesco (venerdì) funge anche da riferimento per la rassegna dei primi eventi di documentazione a Kassel, che da questa primavera hanno luogo allo stesso indirizzo.

Leggi altre recensioni di Asbjørn Svarstad

Il fondatore risulta essere un ex ufficiale delle SS che spesso si vantava di come torturasse a morte civili italiani durante la guerra. Pertanto, non sorprende che molti artisti che sono stati ritratti dal 1955 come distinti rappresentanti della moderna Germania occidentale, abbiano spesso avuto il tempo di agire come strenui sostenitori del nazismo.

OL-Stadio

Nello Stadio Olimpico di Berlino, ci sono ancora 12 sculture realizzate dagli artisti preferiti di Hitler e Albert Speer dei Giochi estivi del 1936. La polemica infuria ancora, ma tutti i segni del sole sono in piedi – perché quest’estate il governo della città ha speso 200 milioni di corone per ripristinare il ” pedana di guida” su cui si trovava Hitler.

Pochi giorni dopo il viaggio a Schwerin, Kurt ed io siamo andati a cercare sculture naziste a Berlino. Il mio insegnante si è fatto le ossa sul monumento nel cortile dietro il Ministero della Difesa, dove il colonnello Claus von Stauffenberg e i suoi complici furono fucilati dopo il tentato omicidio di Hitler il 20 luglio 1944. La statua fu inaugurata nel 1953 ed è stata realizzata da Richard Schebe – uno scultore che si trovava in una lista dei pii.

La svastica perduta

Ma mentre passavamo davanti all’ufficio delle tasse in Bismarck Street, stavamo entrambi scoppiando a ridere. Sopra l’ingresso esplosivo dell’edificio, un’aquila orgogliosa scolpita nelle torri di pietra.

Leggi di più dalla discussione norvegese

Non c’è dubbio che questa fosse la caratteristica “aquila nazionale” dei nazisti: fino al 1945 aveva una svastica tra gli artigli. Ma nella cerchia di oggi, il numero è 48, non un codice segreto, ma il numero civico.

Pertanto, anche percorsi spiacevoli possono essere evocati.