sabato, Giugno 22, 2024

Thomas (45 anni) è stato cacciato dalla polizia durante l’Eurovision: – Molto disgustoso

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

– La polizia ha agito violentemente. “Ho pensato che fosse così disgustoso”, dice Olsen a VG.

Dice che stava navigando sul suo cellulare quando due agenti di polizia in borghese lo hanno afferrato durante un esame semifinale lunedì.

La prova era uno degli spettacoli per i quali il pubblico poteva acquistare i biglietti. Olsen aveva un biglietto sul pavimento e si appoggiava a una ringhiera sulle panchine dell’arena.

– Stacco gli occhi dal telefono e vedo davanti a me due agenti di polizia in abiti civili. Mi hanno preso e hanno detto che avevo un aspetto sospetto e che dovevo presentarmi per una visita medica, dice.

Era il giornale Suggerimenti Chi per primo ha menzionato il caso, da allora il caso ha ricevuto un’ampia copertura da parte dei media svedesi. A Svezia meridionale Björk Olsen dice che c’è stata una cosa in particolare che la polizia ha detto che mi ha colpito in seguito: “Questa è una festa, qui dobbiamo essere felici”.

– Sì, l’hanno già detto, dice a VG.

READ  La Corea del Nord giura vendetta

Olsen è riuscito a filmare solo un breve filmato, prima che venisse mostrato lontano dall’area. Immagine: privata

La polizia deve averlo portato dietro le quinte.

– Mi hanno strappato la giacca, mi hanno tolto l’abaya e hanno gettato a terra i miei indumenti esterni. Chiedo fino in fondo: “Cosa hai fatto e perché mi hai riportato qui?” Nessuno risponde, dice Olsen.

-L’unica cosa con cui posso identificarmi è che pensano che sembro sospettoso.

È stato portato al centro di detenzione

Olsen dice di essersi sentito frustrato quando l’ufficiale di polizia gli ha chiesto ripetutamente il suo nome dopo averlo scritto. Poi ha detto alla polizia che non avrebbe detto altro.

-Poi chiamano la stazione di polizia e decidono di portarmi al centro di detenzione, perché pensano che sia molto ubriaco.

Ma Olsen si è astenuto dal voto.

– Non bevo alcolici, mi astengo completamente. Non fumo e non mi drogo. Sembra che abbiano dovuto inventarsi qualcosa per avere un motivo per rimuovermi.

Immagine: privata

Egli stima che la polizia lo abbia trattenuto per circa un’ora, prima che un altro agente di polizia gli dicesse che poteva andarsene.

– Ha detto che non avevano motivo di trattenermi lì. Poi mi ha lasciato andare.

-Non ho molta voglia di andare

Il giorno successivo, Olsen ha provato a riscattare i biglietti.

-Non voglio più andarci davvero.

Dice che mentre cercava informazioni, la sera prima è stato avvicinato da un agente di polizia.

– Ha detto che voleva solo vedere come andavano le cose e che doveva fare una perquisizione corporale.

Foto: privata

Secondo quanto riferito, il poliziotto ha poi detto che doveva scattare una foto a Olsen.

– Questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso per me. Non capivo perché mi stessero perseguendo di nuovo, visto che ero stato rilasciato il giorno prima senza che fosse stata mossa alcuna accusa contro di me.

READ  La coppia del principe ereditario di Danimarca riceve critiche

Olsen dice di essersi messo la mano davanti al viso quando l’ufficiale ha scattato la foto. Quando finalmente si lasciò fotografare, sorrise.

– Poi si arrabbiò. Sono stato portato via di nuovo e detenuto.

Olsen ritiene che la polizia sia stata brutale quando lo hanno portato via.

– Mi hanno messo le braccia sulla schiena e mi hanno tenuto stretto. Come se stessi cercando di scappare. Hanno speso molte risorse per controllarmi.

– Umore aggressivo

Il portavoce della polizia della regione meridionale, Philip Annas, ha confermato a VG che qualcuno è stato trasferito dalla piazza.

– C’è una persona che si è comportata in modo anomalo all’interno dell’arena. Quando veniva controllato, si manifestava uno stato d’animo aggressivo. Poi ci penseremo noi, ha scritto in un’e-mail a VG.

La polizia non ha risposto alle domande di VG su cosa abbia portato il comportamento di Olsen a considerarlo aggressivo.

– La polizia, insieme all’organizzatore, è responsabile della sicurezza durante l’Eurovision e in alcuni casi dobbiamo effettuare dei controlli.

-C’è qualcosa che potresti aver fatto per cui la polizia ti ha considerato aggressivo?

-Mi sono arrabbiato molto quando non ho capito il motivo. Ma sono sempre stato attaccato a quello che mi chiedevano di fare. “Non ho provato a scappare e non sono stato violento”, conferma Olsen.

Olsen portava al collo una sciarpa di H&M a quadretti bianchi e neri, che ricordava la sciarpa palestinese.

Foto: privata

– Forse era perché indossavo una sciarpa bianca e nera. Ma avrebbero potuto chiedermelo. Nessuno ha detto nulla entrambe le volte che ho passato i controlli di sicurezza. Non l’ho indossato per essere provocatorio.

READ  L'attacco americano e britannico nello Yemen

Alta prontezza

Olsen dice che la polizia gli ha detto che gli era stato vietato di entrare nell’arena.

-Non ho più una storia d’amore con l’Eurovision. In realtà tutto è iniziato con il coinvolgimento di Israele, e penso che sia un problema.

Più di 1.000 agenti di polizia, elicotteri, cani da bomba e cecchini sono stati chiamati quando più di 30.000 manifestanti si sarebbero radunati nelle strade di Malmö per protestare contro la guerra israeliana a Gaza.

Leggi anche: Malmö trattiene il fiato davanti alle proteste dell’Eurovision

– Capisci che la polizia sta prendendo precauzioni vista la situazione attuale?

– Assolutamente. Lo capisco molto bene. Capisco che vogliono controllarmi. Rimasi lì da solo, senza indossare paillettes luccicanti, ma scorrendo il cellulare e forse senza sembrare molto impegnato. Penso che la soglia dovrebbe essere bassa per coloro che la controllano. Ma non devono essere così crudeli.

More articles

Latest article