Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Trasforma la scienza in arte

La natura è il punto di partenza per molte delle opere nel laboratorio dell’artista visiva e artista grafica Eileen Karen Malum. Ghiacciai, rocce e alghe sono tra le fonti di ispirazione.

Per quasi 20 anni ho lavorato a stretto contatto con ricercatori sul campo e di laboratorio. Sono stato ispirato da tutto, sia i microscopi elettronici che quelli satellitari, che sono diventati mostre sia in Norvegia che all’estero.

Tutto è iniziato con i geologi dell’Università di Oslo (UiO).

L’inizio potrebbe essere stato un po’ casuale, ma deriva dal mio interesse per la natura, dice Mallum.

L’interesse per la scienza è stato suscitato durante il soggiorno a Ny-Olsund nelle Svalbard. Era lì come artista visiva, ma condivideva una mensa con tutti i ricercatori che avevano come base un piccolo insediamento.

Mi sono avvicinato molto ai ricercatori e mi sono unito a loro durante le gite di un giorno quando erano fuori per il lavoro sul campo nella zona, dice Mallum.

Diversi modi di monitoraggio

All’inizio è stata la curiosità a spingerla, ma alla fine anche l’artista visivo si è svegliato. Poi è stata invitata in una spedizione a nord delle Svalbard con il progetto di ricerca Fisica dei processi geologici.

– Sono stato con i ricercatori per due settimane in una natura indescrivibilmente interessante. Ho preso in prestito un microscopio portatile. Alla fine, la curiosità per questi processi naturali è diventata un progetto artistico, dice Mallum.

Il progetto di ricerca è stato guidato da Bjørn Jamtveit, che è attualmente Vice Decano per la Ricerca presso la Scuola di Matematica e Scienze Naturali presso l’UIO.

Quando abbiamo iniziato il progetto come centro di ricerca illustre, eravamo preoccupati che il mondo intorno a noi avrebbe dovuto vederci, preferibilmente attraverso forme un po’ non convenzionali di divulgazione della ricerca, afferma Jamtveit.

READ  Sport alpini | Sdraiato su supporto ospedaliero - condivisione di una stanza con un concorrente ferito

Pertanto, un fotografo del primo volo era con loro. Quando Jamtveit scoprì tramite conoscenti l’interesse di Mæhlum per le Svalbard, invitò anche lei.

– Non sapevamo bene cosa avremmo potuto ottenere da questa collaborazione, ma ci sono state molte mostre nel tempo. Penso che la cosa più importante per noi ricercatori sia diventare più consapevoli del processo di osservazione: quanto è soggettivo, quanto bene vengono filtrate le impressioni e che è possibile filtrare le osservazioni in altri modi, afferma Gametvet.

Impressioni della natura

Al cercatore piace cercare certe cose di fronte alla natura. Qualcosa che sanno, qualcosa che possono riprendere e lavorare per cercare di capire.

Un artista che guarda la stessa natura, filtra le impressioni in modo diverso. Questo faceva parte della nostra esperienza. Quello che ne è uscito, dice Jametveit, è stato il prodotto di due modi di osservare e digerire la natura.

Noi ricercatori possiamo ordinare inutilmente in modo aggressivo. Cerchi qualcosa di molto specifico ed è facile perdersi in tutto il resto. È molto importante che il ricercatore sia aperto su ciò che è là fuori e su ciò che potrebbe essere interessante. Probabilmente raccogli più dati di quanto pensi veramente di aver bisogno. Chissà, una bella giornata potrebbe essere divertente.

Molte persone possono vedere l’arte e la ricerca come opposti incompatibili. Jamtveit ritiene che ci siano anche molte somiglianze e che artisti e ricercatori possano imparare gli uni dagli altri.

Noi ricercatori abbiamo regole oggettive più rigide e dobbiamo seguire le leggi della logica. Gli artisti sono più liberi, ma abbiamo anche una cosa in comune. Sia nella ricerca che nell’arte, è possibile che quando inizi un progetto, non sempre sai dove finisce, dice Jamtveit.

Qui, una delle opere di Mæhlum della serie “Geotrykk” è in preparazione per la Conferenza internazionale di geologia a Lillestrøm.

modelli della natura

Per me, inizia con l’esperienza della natura stessa e con l’osservazione, dice Mallum.

READ  Gestione dell'anidride carbonica: la conferenza di Trondheim viene organizzata digitalmente per la prima volta

– Fotografo e prendo impressioni. Fare domande e acquisire conoscenze. A casa, in officina, ricevo più materiale dai geologi, comprese immagini satellitari, foto aeree e immagini da un microscopio elettronico.

Lì trovi modelli interessanti su diverse scale.

I modelli sembrano gli stessi. Lo metto in funzione e alla fine trovo qualcosa con cui posso andare avanti. Provo con colori diversi e do molte prove. Mæhlum dice che è un lungo processo prima di ottenere un lavoro che posso offrire.

– Fotografo e prendo impressioni. Fare domande e acquisire conoscenze.

Ellen Karen Mullum

La sua funzione non è quella di documentare la ricerca, come facevano gli artisti due secoli fa. E gli scienziati non si appendono sulla sua spalla a guardare.

“Nel progetto di geografia, non mi sentivo vincolato dalla scienza, ma penso che un geologo possa identificarsi nelle cose che ho fatto e negli schemi che ho usato”, afferma Mallum.

Mæhlum ha anche collaborato con biologi marini dell’Università di Bergen, che è stata presentata a Ny-Ilsund. Ciò ha portato a una serie chiamataImmagini di plancton».

– Ero molto affascinato dagli scheletri di plancton unicellulare e in questo progetto stavo cercando qualcosa di invisibile e inaccessibile alla maggior parte delle persone.

Il lavoro ha portato a una serie di mostre e progetti scolastici. Sarebbe una forma di pubblicazione della ricerca diversa da quella che fanno i ricercatori.

Ha raggiunto un pubblico diverso da quello dei ricercatori. Come artista visivo, ho un’attitudine visiva diversa da loro, che mi rende più facile aggiungere sentimenti ed esperienze che possono dare una dimensione diversa alla ricerca dei fatti, dice Mæhlum.

I geologi Bjorn Gammtveit (a sinistra) e François Renard sono tra i ricercatori con cui ha lavorato Eileen Karen Malum.  All'inizio di quest'anno Physics Today ha scritto in prima pagina di una collaborazione con uno dei lavori di Mallum.

I geologi Bjorn Gammtveit (a sinistra) e François Renard sono tra i ricercatori con cui ha lavorato Eileen Karen Malum. All’inizio di quest’anno Physics Today ha scritto in prima pagina di una collaborazione con uno dei lavori di Mallum.

Partecipazione climatica

Mæhlum ha lavorato con ricercatori di diverse discipline e ha visto in prima persona come sta cambiando il mondo. Durante i miei 20 anni alle Svalbard e in diversi viaggi in Groenlandia, ho visto sciogliersi i ghiacciai e i fiordi diventare privi di ghiaccio.

READ  - Non c'è posto per cucire - Dagsavisen

Penso che sia molto importante per gli artisti collaborare con i ricercatori se vogliono avere voce nel dibattito sul clima, afferma Mallum.

Una delle pareti del workshop è ricoperta da un’opera su un ghiacciaio lunga cinque metri che sarà esposta nella sua prossima mostra personale, Icescapes, a Ipsenhuset a Skien.

Sta anche collaborando con Anders Malthe-Sørenssen presso il Center for Computing in Science Education (CCSE), la ricercatrice sul cervello Marianne Finn del Dipartimento di Scienze della Vita. Sto ancora studiando geologi all’Università di Oslo. Questa volta attraverso François Renard, leader NJORD – Centro di studi geofisici.

Queste fotografie sono tra le opere scaturite da una collaborazione tra Mæhlum e Renard.

Queste fotografie sono tra le opere scaturite da una collaborazione tra Mæhlum e Renard.

– Alcune delle stesse operazioni

Nei primi incontri con Mæhlum, Renard ha portato immagini da esperimenti che aveva condotto presso la European Synchrotron Radiation Factory a Grenoble, in Francia. Durante tre anni di collaborazione, ne sono derivate 15 stampe firmate da Mallum.

– Durante la procedura, le pressioni sembravano sempre meno sperimentali e mi piaceva. Mæhlum non solo fa bella arte con le esperienze, ma va oltre. Amo il processo che inizia con un’esperienza e finisce con qualcosa che non riconosco, dice Renard.

L’importante è il processo creativo. Sia che tu stia creando arte o creando ricerca, questi sono alcuni degli stessi processi.

Renard sta anche portando Malum con sé nel suo prossimo importante progetto di ricerca, dove esaminerà, con il supporto del Consiglio europeo della ricerca, la previsione dei terremoti.

Questo aggiunge agli esperimenti qualcosa che non vediamo nelle pubblicazioni scientifiche. Inoltre, amo l’arte che ne deriva. E François Renard dice che possiamo appenderlo alle pareti e metterlo in mostra quando abbiamo visitatori.