Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Tutti parlano del super duello di Warholm, ma ora le macchie stanno sfidando i suoi denti

Carsten Warholm ha riso quando gli è stato chiesto se fosse stanco delle domande sul suo più accanito concorrente, Ray Benjamin.

Si era seduto sul podio nella sala conferenze stampa del Villaggio Olimpico e ha risposto alle domande per più di 20 minuti. Una domanda su tre ruotava attorno all’uomo che avrebbe dovuto dare a Sonmoringen la più dura battaglia per l’oro nei 400 metri.

Seguì un lungo ed eloquente “sì” prima che si riprendesse un po’.

entrambi e . Ray ed io abbiamo avuto duelli prima, e probabilmente ne avremo molti altri nei prossimi anni. Meglio farci l’abitudine. Per motivi di interesse, è bello avere qualcuno che litiga in questo modo con me.

Incontro con la stampa: Karsten Warholm e Leif Olaf Allens Foto: Vegard Wivestad Grøtt / BILDBYRÅN

Per me come atleta, rende alcuni dei miei obiettivi più difficili da raggiungere, ma allo stesso tempo pende più in alto e si affina un po’, perché c’è qualcuno che ti respira nel collo. È positivo in molti modi. Naturalmente, non vedo l’ora di un altro duello.

All’inizio di quest’anno, il norvegese ha stabilito un record mondiale di distanza (46,70), poco dopo che Benjamin ha corso 46,83 – cinquecento in più rispetto al record mondiale dell’epoca.

preparato
Warholm è arrivato al Villaggio Olimpico martedì, ma ha risparmiato parole gentili sulla zona giorno degli atleti olimpici il giorno successivo. La posizione e le strutture ottengono il massimo dei voti da Sunnmøringen, che rende omaggio anche alla vista sul mare dal letto dell’hotel.

Ma non vide il naso di Benjamin.

Tuttavia, il fenomeno dell’allevamento norvegese prevede che quando lo vedrà per la prima volta, scomparirà.

– Sono disposto a venire qui in buona forma. Penso che andrà con lui in fretta.

Passa l’altra gamba. Sarei sorpreso se ricevesse più passaggi di me. È veloce per natura e fisicamente buono. Warholm dice che non ho dato un’occhiata a come gestisce tecnicamente le siepi.

– Mi piace molto una soluzione. È un po’ più lungo. Spesso trovano un po’ più facile in questo modo. Penso di avere un modo efficace per aggirare le siepi. Quando si tratta di usare la velocità massima sugli ostacoli, ho un punteggio alto.

– Chi è il migliore, il simpatico esperto?

– Questo è quello che non vediamo l’ora di scoprire in quel momento, e anche molti altri. L’interesse per la scherma è stato creato ed è un ottimo posto per noi.

So Close: Ray Benjamin dopo il suo terzo miglior tempo di sempre nei 400 m ostacoli.

So Close: Ray Benjamin dopo il suo terzo miglior tempo di sempre nei 400 m ostacoli. Foto: Steve Chambers

Sfide pronte
Potrebbe sembrare così. Benjamin non è l’unico concorrente di Warholm. Il brasiliano Alisson dos Santos ha mostrato un grande miglioramento in questa stagione

– Ho sentito una bolla nel sangue e ho pensato: “Fanculo!”

A differenza della sua rivale norvegese, dos Santos ha sfidato le code degli autobus e si è recata all’Olympic Arena per testare i tetti e le strutture. Dopodiché, strinse i denti con un discorso contro i contendenti.

Altri funzionano in 46 secondi e ci sono vicino. Voglio correre a 40 anni, ed è per questo che mi alleno. Questi giochi sono un’altra opportunità per correre molto velocemente. La concorrenza è spietata, ma fa bene solo a noi atleti. Voglio stare meglio, disse dos Santos.

Ha aggiunto che era eccitato e ispirato a correre con il caldo quando Warholm ha stabilito un record mondiale a Bislet.

Dos Santos ha quindi corso a 47,38, ma ha fatto settecento più velocemente. Ha migliorato, mentre Benjamin e Warholm non hanno ottenuto il loro meglio, il 21enne fino in fondo.

Avversari: Karsten Warholm vs Alison dos Santos a Monaco.

Avversari: Karsten Warholm vs Alison dos Santos a Monaco. Foto: Clement Maho

Due pensieri nella mia testa
La prova di venerdì sarà la prima occasione per verificare il livello dei riproduttori concorrenti.

Cercheremo, ovviamente, di recuperare. È possibile avere due pensieri in testa contemporaneamente. Ci sono molte donne che conosco che affermano di essere multitasking, afferma Leif Olaf Alness in modo distintivo.

– Ma siamo più interessati a fare quello che dovremmo fare. Se fai del tuo meglio e qualcuno è migliore, non puoi farci niente.

Il suo allievo crede che si possa comunque leggere un po’ del calore dell’esperienza, anche se afferma caparbiamente di non darla per scontata.

Senza incidenti, Karsten Warholm passerà, ovviamente. La prova di calore continua fino a venerdì sera.

READ  Il ritorno di Griezmann all'Atlético - Dagsavisen