Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un incontro con Dio nelle storie

Potrebbe sembrare che il mondo abbia guadagnato un rinnovato interesse per le storie. Non fraintendetemi, lo scienziato è sempre stato interessato alle storie, ma si può subito sospettare che le voci dei nuovi atei e postmoderni che hanno dominato il pubblico negli ultimi decenni abbiano ben poco lasciato per le storie.

Per il nuovo ateismo, le narrazioni furono sacrificate nella loro lotta contro la religione e la superstizione. La scienza e una forma di oggettività razionale sono tutto ciò di cui una persona ha bisogno per navigare nel caos della realtà. Nella decostruzione dell’identità postmoderna e nel rifiuto dei costrutti universali, il vero significato e scopo dei romanzi diventa impossibile.

Naturalmente, un tale sviluppo avrebbe conseguenze per gli esseri umani moderni. Perché il mondo è fatto solo di storie. Il mondo è fatto anche di cose, ovviamente, ma ci sono storie che supportano il mondo. La nostra percezione della realtà è presente in uno schema, come la narrazione è in uno schema, e non possiamo evitarlo. Non possiamo sfuggire alla necessità della storia.

Quale sarebbe il risultato di un futuro così miserabile senza un account? Un futuro senza obiettivi e significato? Friedrich Nietzsche ha descritto il nichilismo come una vita senza scopo, senza verità e senza “cose ​​in sé”, e soprattutto ha descritto il nichilismo come una vita senza risposta alla domanda sul perché. In altre parole, una domanda di opinione a cui non è stata data risposta.

Tradizionalmente, la chiesa è stata il luogo in cui le persone cercano e trovano un significato. Riempiendo la liturgia, si sottoscrive qualcosa di più grande e si è profondamente coinvolti nell’interpretazione della realtà stessa.

Per la maggior parte delle persone, questo non è più il caso. Per la stragrande maggioranza, il cristianesimo è irrilevante e lussuoso. Viviamo in molti modi in una società post-cristiana. Come cristiano, potresti sentirti un po ‘triste per questo fatto, ma qui c’è ancora qualcosa di particolarmente eccitante.

READ  La sinistra vuole togliere il limite di assenza - gli studenti applaudono violentemente - VG

La cosa eccitante è che il mondo sembra aver guadagnato un rinnovato interesse per le storie. Non come nelle culture tradizionali o nella pienezza della narrazione cristiana, ma come nell’intrattenimento. Stiamo consumando più film e serie che mai. Stiamo giocando a più videogiochi che mai. Ci piace vedere storie di persone che si sacrificano per gli altri, combattono il male o superano la sofferenza. Troviamo significato e verità nel regno della finzione.

Questo intenso interesse rivela qualcosa sulla struttura di base su cui è costruita la società, o se andiamo oltre: la struttura di base della realtà. Non possiamo separarci dalle storie. È come se la scomparsa del cristianesimo rivelasse qualcosa sulla realtà, e allo stesso tempo rivelasse il bisogno di ciò che abbiamo perso, il cristianesimo stesso.

Nel periodo post-cristiano, in assenza della “luce del mondo”, saranno visibili piccoli lampi di luce sparsi nell’oscurità. Lampi di luce probabilmente non avremmo visto se non fosse stato per la grande perdita di luce. Ci stringiamo intorno a queste piccole luci e troviamo risposte frammentarie sul significato e sulla verità.

Il fatto che altre storie possano fornire significato e verità può essere controverso per alcuni cristiani. Cosa impedisce allora ad altre narrazioni di prendere il posto di quella cristiana, e come si relaziona realmente la tradizione cristiana a questo? Una risposta a questa domanda può essere trovata in uno dei primi difensori del cristianesimo nell’antica chiesa, San Giustino Martire (100-165 d.C.).

“In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio”. Inizia così l’introduzione al vangelo di Giovanni. La maggior parte dei cristiani conosce il termine logos, o in greco, come soprannome di Cristo. I loghi sono ciò che mantiene il mondo sin dal suo inizio. Si potrebbe anche dire che la parola è la lingua principale del cristianesimo. È difficile sopravvalutare il significato del termine logos nella tradizione cristiana, e san Giustino il martire usò questo termine quando sviluppò la dottrina dello sperma del logos.

READ  Il futuro si è svegliato?

San Giustino il Martire era un esperto di filosofia pagana e della letteratura dominante del tempo, ed era dell’opinione che si potessero trovare tracce di verità nella filosofia e nella letteratura pagane. Questo pose le basi per la dottrina del logos spermatikos, che significa “la parola che porta il seme”. Non rifiutava la letteratura pagana, ma la considerava il seme della verità. Parti frammentate di qualcosa di più grande.

Per san Giustino martire, era chiaro che la pienezza della verità era solo nel racconto storico di Gesù Cristo. Il fatto che ci siano semi di verità e significato al di fuori della narrativa cristiana non cambia il fatto che Cristo è la verità perfetta.

La storia di Cristo è la base di tutte le storie e non si può sfuggire. Tutto ciò che Cristo fa e dice si manifesta come un’eco nella percezione della realtà da parte di una persona. Pertanto, non è che andiamo necessariamente oltre la narrativa cristiana quando vogliamo guardare un film con verità e significato, ma che scopriamo il Cristo del cristianesimo in ogni cosa.

Tutta la verità è la verità di Dio ovunque la si trovi. Possiamo incontrare Dio in ogni cosa e dappertutto, proprio come San Gregorio Palamas (1296-1359 d.C.) ha parlato delle energie divine non create nascoste dietro i fenomeni.

Si può allora dire che film, serie o videogiochi siano buone alternative per vivere la storia cristiana? La risposta è no. Guardare film o serie o giocare ai videogiochi non sono buone opzioni. C’è una differenza fondamentale tra vedere Cristo nel mondo e partecipare all’interpretazione della realtà. C’è una differenza tra intrattenimento e vivere la vita.

READ  Il mistero del loft risolto: la storia di Henning

Come dicono San Giustino Martire e la tradizione cristiana, solo vivendo nella narrazione cristiana si partecipa alla pienezza del Verbo, Gesù Cristo, origine della verità. Allo stesso tempo, san Giustino martire, san Gregorio Palamas e la tradizione cristiana dicono tutti che possiamo incontrare Dio in ogni cosa e dappertutto. Quindi possiamo trovare tracce di verità anche nei film, nelle serie o nei videogiochi.

Purtroppo non posso dire di essere particolarmente ottimista sul futuro di una società post-cristiana, ma quello che posso dire è che le storie, le stesse storie che la società post-cristiana ha rifiutato, ci insegnano che i loghi torneranno in vita .

Le tenebre non hanno trionfato, e ci sarà sempre un sorgere del sole con nuova vita, come lo descrive San Giovanni Crisostomo nell’omelia di Pasqua: “Dov’è il tuo pungiglione, o morte? (…) perché Cristo è risorto mentre eri morto. i malvagi sono scacciati, gli angeli si rallegrano e la vita è liberata Cristo è risorto e la tomba è morta.