Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un messaggio chiaro dal dottore dopo un weekend terrificante

La disperazione dell’assistente direttore della clinica Marian Reimers nel reparto di accoglienza dell’Hauckland University Hospital che i lavoratori nel fine settimana in poche ore sono passati dal 70 al 60 per cento dopo la malattia e le rigide regole di quarantena.

– Non riesco a capire tutte le regole che arrivano in un giorno, perché devo solo trovare persone che possano prendere il posto delle guardie.

Evita i rischi

Questo fine settimana, lo stesso Reimers ha ricoperto il ruolo di chief medical officer per i pazienti con coronavirus, malattie e lesioni. Ha una preghiera urgente per le prossime settimane difficili:

Evita ciò che sai che avresti dovuto fare. Vacci piano, non rischiare di cadere in un pendio scivoloso, mangia bene ma non bere troppo.

Non c’è posto per tutti i pazienti

I medici prescrivono un sistema sanitario in ginocchio. Reimers sottolinea che non si tratta solo di misure di controllo delle infezioni, ma anche che la maggior parte delle persone agisce con saggezza per evitare infezioni che richiedono risorse significative dal sistema sanitario. In reception venerdì non c’era posto per tutti, diverse ore in attesa del dottore.

CODA: Se finisci in reception, dovrai aspettare molto tempo. Foto: Matthias Cleveland

“Ho appena parlato con un paziente che sta aspettando da due ore e non è ancora arrivato a letto”, spiega Reimers, che cammina con passi angusti davanti ai pazienti che devono aspettare nel corridoio.

brutta sensazione

– È brutto quando non hai tempo per tutti. Forniremo servizi sanitari sicuri, ma ora stiamo combattendo gli incendi, cercando di trovare persone e non abbiamo abbastanza tempo per tutti.

Per evitare uno stress ancora maggiore, ci ha esortato a fare molta attenzione.

Goditi il ​​tuo tempo, incontra gli altri ma fallo con calma e attenzione. Non prendete grandi eccessi, ma tornate a casa presto e con attenzione.

READ  L'informazione e la formazione per i giovani con narcolessia o ipersonnia rimane idiopatica