lunedì, Luglio 22, 2024

Un pezzettino di Cina in Italia

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Questo mese l’Italia ha chiesto aiuto alla Cina per affrontare la crisi economica. Ma nella città tessile di Prato, in Toscana, i rapporti con i cinesi sono arrivati ​​a un punto di congelamento.

Leggi anche

I giovani italiani vengono formati per la disoccupazione

Gli stracci sono sparsi lungo i marciapiedi nell’area dello stabilimento Macrolotto a Prato, non lontano da Firenze. Nel sole della sera, camion piccoli e grandi passano accanto a cartelli luminosi in cinese e italiano: “Pronto Moda”. Moda veloce.

Qui, nella pianura nel cuore della Toscana, si trova la più grande comunità cinese d’Europa. Nessuno sa esattamente quanti siano qui, ma le stime tendono ad essere circa 40.000. La maggior parte di loro è arrivata qui illegalmente.

Cuciono e cuciono.

Con il “Made in Italy” i cinesi si sono fatti avanti. Da tutto il continente, soprattutto dall’Europa dell’Est, stanno accorrendo i rivenditori di abbigliamento. Riempiono le loro auto di vestiti economici, spesso sfornando rapidamente copie delle ultime tendenze delle catene di moda più famose.

“Di notte sembra un mercato arabo”, dice Riccardo Marini, presidente locale di Confindustria.

Perché mentre i cinesi cuciono, gli italiani si strappano i capelli. Non sono solo gli immigrati più esperti a trarre vantaggio dal marchio italiano. Inoltre sfruttano appieno tutte le debolezze che hanno esacerbato la crisi del debito italiano: debole controllo su tasse e tasse. Impossibilità di pulire, anche se i problemi aumentano.

Senza tasse costose e con dipendenti che lavorano con contratti quasi di schiavitù, i cinesi sono stati in grado di costruire le loro attività multimiliardarie in Italia negli ultimi due decenni.

READ  Abbiamo visto bandiere arcobaleno e sharia in buona compagnia ai Mondiali del Qatar?

-Crediamo che il fatturato si aggiri intorno ai 15 miliardi di corone norvegesi all’anno, afferma la giornalista Silvia Peracini su Il Sole 24 Ore.

assedio

Sono cresciuto a Prato, con l’ascesa dei cinesi come vicino di casa. Nel 2008 ho scritto il libro “L’assedio cinese”.

– Molti lavoratori devono pagare il viaggio qui. Dice che lavorano dalle 14 alle 16 ore al giorno e ricevono solo cibo e una piccola stanza.

Il libro è stato il primo studio approfondito di questa società che opera quasi interamente sotto il radar del governo.

Da allora, la polizia e altri enti pubblici hanno rafforzato la sorveglianza. Condizioni di lavoro inadeguate vengono denunciate settimanalmente, per così dire, nessuno paga le tasse che dovrebbe. Le perdite di gettito fiscale per il solo comune sono stimate a circa 1,5 miliardi di corone norvegesi all’anno. Ma le imprese ricompaiono non appena chiudono. Ad ogni nuovo controllo, il rapporto tra cinesi e italiani diventa più freddo. E le bocche si chiudono.

Silenzioso

Come accade davanti alla salumeria di via Pistoiese, a poche centinaia di metri dal centro storico di Prato. Decine di giovani e anziani stanno in silenzio davanti all’ingresso. Fumano e fissano. Periodicamente sugli schermi davanti a lei appaiono nuovi numeri di telefono e offerte di lavoro. Lavorare in una fabbrica di scarpe, sarte.

L’Aftenposten sta cercando di convincere le persone in cerca di lavoro a parlare. Le indicazioni vengono sventolate con noncuranza.

– Puoi ringraziare i tuoi colleghi italiani, spiega Ye Huiming.

Non lontano dalla salumeria gestisce la sua piccola attività di consulenza per clienti cinesi e italiani. Yi dice che i cinesi sono stanchi di essere commentati sui giornali italiani.

READ  Messi avrebbe dovuto decidere

Manda a casa

Sono anche stanchi del fatto che gli italiani facciano affidamento esclusivamente sulla quantità di denaro inviato a casa in Cina, che deve essere di circa 9 milioni di corone norvegesi al giorno, piuttosto che vedere la somma rimasta per l’affitto, l’acquisto di un’auto e la spesa a Prato. Che chiedono che tutte le tasse vengano pagate come per magia, piuttosto che le aziende e le autorità possano concordare un approccio graduale alle tasse e ai dazi occidentali.

Non capiscono che i cinesi preferiscono lavorare molto piuttosto che prendersi quante più vacanze possibile.

-I cinesi vengono qui a causa della povertà. Pensano di dover lavorare per 4-5 anni in modo da poter passare dal lavoro alla gestione della propria attività. Dice che gli italiani più anziani devono aver dimenticato com’erano ai vecchi tempi.

Fiammeggiante

Teme che possa esplodere se si ripresentasse una situazione di tensione tra i cinesi e la polizia durante i numerosi raid. In passato, i conflitti venivano evitati attraverso la richiesta di aiuto da parte dei leader delle comunità migranti. Il clima sfavorevole ha portato molti a cercare opportunità a Varsavia e Atene, o nel loro paese d’origine, che ha una forte crescita. I cinesi si sentono vessati, mentre il Paese è inondato di evasori fiscali di origine italiana.

Berlusconi è un ottimo esempio di evasore fiscale, ritiene Yee.

Si chiede anche se le autorità osano davvero sfidare migliaia di aziende cinesi. In altri comuni sono stati sfrattati già da tempo.

Ma con il declino della tradizionale industria tessile italiana che costituiva il sostentamento della città, le aree industriali di Prato potrebbero sembrare una città fantasma – se non fosse per i nuovi inquilini. Nota che il denaro dell’affitto va ai vecchi proprietari delle fabbriche.

READ  Honda e: Ny1 - Ora il popolare SUV è elettrico

tumore

Il presidente di Confindustria Riccardo Marini è tra coloro che ancora tessono tessuti anche nei luoghi di lavoro. Con l’oro al collo e ai polsi, ampliò l’azienda fondata da suo padre nel 1946.

– È come un tumore canceroso a cui viene permesso di crescere, dice dei suoi nuovi colleghi del settore.

Confindustria teme che siano necessarie almeno sei o sette diverse agenzie governative per eliminare gli illeciti. Non collaborano bene. Pertanto, gli stessi controlli vengono eseguiti più e più volte, senza risultati significativi. E così continuerà. Solo un’impresa cinese ha aderito all’Organizzazione dei datori di lavoro a Marigny. Se dovesse inserire un altro cinese nella lista dei membri, il leader dell’Unione Nazionale ha promesso di fargli visita.

Si ritiene che un controllo debole indebolisca il mercato interno europeo. Grazie alle frontiere aperte, questa industria nera può diffondersi in tutto il continente. Non solo è una questione di evasione fiscale, ma nessuno sa quanto gli indumenti contengano sostanze nocive vietate in Occidente.

Marini ci guida in un tour della fabbrica.

I cinesi non hanno ancora superato i prodotti italiani più premium. Nelle gallerie le collezioni sono pronte per una fiera a Parigi. Tra i clienti figurano case di moda come Armani, Hermès e Dolce & Gabbana, e nel magazzino ci sono scatole di cartone alte tre metri.

Riccardo Marini ha appena ricevuto nuovi tessuti. – Vengono dalla Cina, sorride.

More articles

Latest article