Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Un po’ di paura – VG

Il ritorno: Mira Craig sta provando ancora una volta a raggiungere la finale norvegese al Melody Grand Prix, 14 anni dopo aver vinto come cantautrice per Maria Haucas Mettet.

Sabato prossimo, Mira Craig, 39 anni, tornerà al Melody Grand Prix Circus. Un po’ spaventoso, ammette.

Sono passati 14 anni da quando Craig ha vinto la finale norvegese del MGP come cantautore di “Hold On, Be Strong” di Maria Haucas Mettets. Si è classificata quinta al concorso internazionale Eurovision e Mira Craig non ha avuto obiezioni a ripetere la compagnia e rappresentare la Norvegia a Torino a maggio.

– Ma allora non sono solo per la competizione, sono anche pronta a divertirmi un sacco, dice.

– Amo le presentazioni e amo fare presentazioni. Myra Craig afferma che MGP è una scena perfetta, descrivendo la sua canzone “We’re Still Here” come “uptempo e melodica, con un ritornello orecchiabile e alcuni ritmi norvegesi alla fine”.

– E poi mi piacciono i titoli delle canzoni che hanno molti significati. “Siamo ancora qui”, spiega, probabilmente si adatta un po’ di più a quello che abbiamo passato negli ultimi anni e che dobbiamo festeggiare che siamo ancora qui.

Negli ultimi due anni, Mira Craig ha lavorato al suo settimo album. È stato anche questo record che l’ha portata all’idea di abbonarsi nuovamente al servizio MGP.

– Mi sono seduto e ho guardato l’anno scorso e ho pensato che questi ragazzi, devono essere stati intelligenti quando si sono iscritti! Era un arresto e non un posto dove esibirsi, quindi ho pensato che forse avrei dovuto fare lo stesso quest’anno. Ma all’epoca non avevo canzoni, ammette.

READ  Iselin Guttormsen: - Colpisci forte contro il calore corporeo

Mi ci sono voluti poco più di sei mesi prima di trovare una canzone che pensavo potesse funzionare in Norvegia e all’estero, allo stesso tempo perché era qualcosa su cui potevo garantire e poteva essere qualcosa di specifico per il Melodi Grand Prix, dice Mira Craig.

Vuole vincere: Christian Ingbrigtsen ha il sogno di lunga data di rappresentare i colori norvegesi all’Eurovision.

Diversi vincitori precedenti del concorso Melodi Grand Prix di quest’anno sono stati rivelati lunedì pomeriggio. Christian Ingbrigtsen (44) era uno di loro. Insieme a Kjetil Mørland – un doppio vincitore che quest’anno è apparso anche come cantautore – ha scritto il contributo vincente di Ulrikke Brandstorp, “Attenzione”, nel 2020.

Come è noto, non ha mai raggiunto la finale dell’Eurovision, poiché è stata annullata a causa del virus Corona.

“Wonder of the World” Ingebrigtsen deve difendere se stesso.

– E’ stato contestato. Se vuoi continuare a essere un artista e fare musica, devi anche tirare fuori la testa. Devo ammettere che non amo tutta la stampa e i dadi che girano intorno a MGP, quindi mi trovo bene come autore di canzoni. Ma come ho detto, anch’io voglio essere un artista, dice.

Christian Ingebrigtsen scuote la testa con un sorriso quando gli chiediamo cosa avesse in mente quando l’Eurovision è stato cancellato nel 2020, che la sua canzone vincitrice e la canzone di Kjetil Mørland di Ulrik Brandstorp non hanno mai avuto la possibilità di fare a livello internazionale.

– È stato un lungo periodo di delusioni… ma il sogno di rappresentare la Norvegia in Europa è ancora vivo, un sogno nato quando finalmente mi è stato permesso di svegliarmi tutta la sera e guardare Rolf Loveland e Bobbisocks vincere nel 1985, dice.

READ  Hans-Erik Dyvik Husby è sepolto dalla chiesa di Lillestrøm - VG

L’amico di A1 Ben Adams è anche il cantautore di quest’anno.

– In realtà sono stato io a invitarlo al campo di cantautori. Nessuna delle mie canzoni è durata, ma erano le sue canzoni. Così stanno le cose, dice sorridendo Ingbrigtsen, perché lui stesso è ora prequalificato per la finale.

Ci vediamo di nuovo: il contributo di Alexandra Joner al MGP di quest’anno è stato chiamato, anche se in spagnolo; “Addio”!

Possiedo la canzone da diversi anni e sapevo che prima o poi sarebbe diventato un singolo, dice Christian Ingbrigtsen.

Il gruppo di ballo Alexandra Joner (31)—che tra l’altro ha suo padre l’artista Sverre Indris Joner alla fisarmonica nel suo contributo—era anche tra gli artisti MGP presentati lunedì. Era il 2015 e può dire che era “sì… nervosa” in quel momento.

– Garantisco anche quest’anno! Ma MGP è un’opportunità così unica per raggiungere così tante persone che è sciocco dire di no, è fantastico ottenere un po’ di trazione. Ci sono un numero incredibile di artisti forti quest’anno, ma penso che sarà molto divertente.