Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un viaggio nella storia del vino in Cile

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta da viaggio nella capitale.

Il pavimento scricchiola mentre ci muoviamo nel lungo corridoio. La storia ci parla dalle pareti e da ogni mobile che sembra essere sopravvissuto al lungo viaggio fin dalla sua nascita nel XIX secolo. All’esterno si profuma del bel giardino che abbraccia l’antico palazzo, allestito da architetti paesaggisti in vero stile rinascimentale e ricco di piante esotiche.

Una delle nostre prime tappe del viaggio attraverso le regioni vinicole più famose del Cile è a soli 45 minuti dalla capitale, Santiago. Questo la rende una delle cantine più accessibili della Valle del Maipo, culla della produzione di vino in Cile e regione vinicola più famosa del paese.

(l’articolo continua sotto)

Ricca di storia: come il Cile, l’azienda vinicola Santa Rita è ricca di storia, con cantine utilizzate come rifugio durante la Guerra d’Indipendenza del XIX secolo, una sontuosa cappella neogotica e un palazzo di 200 anni utilizzato oggi come azienda vinicola . Albergo di lusso. Foto: Ingrid Eller/Capital

Un boutique hotel in una villa di 200 anni

La generosità aristocratica di Santa Rita è di per sé una storia. Una storia strettamente legata al viaggio del vino cileno, iniziato quando gli spagnoli portarono con sé i vigneti di Vitis vinifera quando colonizzarono la zona nel XVI secolo.

Non a caso Santa Rita – monumento culturale cileno protetto – è stata insignita per dieci volte di seguito del prestigioso titolo di “Cantina dell’anno” dalla prestigiosa rivista “Wine & Spirits”. Con le sue storiche cantine, note per essere state un rifugio per i soldati cileni durante la loro lotta per l’indipendenza dalla Spagna, la proprietà è tra le destinazioni battute dal vento più interessanti del continente.

Foto: Ingrid Eller/Capital

Foto: Ingrid Eller/Capital

Per l’esperienza completa di Santa Rita, prendi in considerazione la possibilità di soggiornare a Casa Real, un boutique hotel neoclassico di 16 camere situato accanto a una chiesa neogotica – altamente desiderabile a causa della fascia di prezzo che la maggior parte di noi può solo sognare. L’imponente edificio che ospita l’hotel è stato perfettamente conservato da quando è stato costruito per il famoso patriota cileno Doña Paula Yaracomada più di 200 anni fa.

Da qui, puoi fare una piacevole passeggiata nel parco fino al nuovo Museo Andino della struttura, con la sua collezione di opere d’arte e sculture precolombiane provenienti dall’Isola di Pasqua. Tuttavia, prenditi il ​​​​tempo per ottenere un po’ di “selvaggio” lungo la strada, poiché il parco di 40 ettari riccamente paesaggistico offre molte gemme nascoste. Come l’antico bagno “romano”. Un luogo perfetto per godersi il libro che non hai mai letto, mentre ascolti l’acqua della fontana, il fruscio del vento tra gli alberi soprastanti e, se sei fortunato, il fischio del cigno nero in cui il vicino il lago nuota.

(l’articolo continua sotto)

Industria importante: il vino contribuisce in modo significativo all'economia cilena.  Rappresenta il mezzo percento del prodotto interno lordo del paese e impiega più di 100.000 persone, il 53 percento delle quali lavora nei vigneti.  Foto: Visita il Cile

Industria importante: il vino contribuisce in modo significativo all’economia cilena. Rappresenta il mezzo percento del prodotto interno lordo del paese e impiega più di 100.000 persone, il 53 percento delle quali lavora nei vigneti. Foto: Visita il Cile

Il vino non è l’unica attrazione

Per i cileni, una visita a una cantina è un modo attraente per trascorrere una domenica, twittato dalla nostra guida locale, Rodrigo Villablanca.

Forse non troppo strano, dato che il Cile ha ben 14 regioni vinicole che si estendono a nord fino a San Pedro de Atacama e terminano a sud di Los Angeles nella regione del Bio-Bio.

Uno dei luoghi più popolari da visitare, sia per la gente del posto che per i turisti, dice Blablanca, si trova a circa due ore e mezza a sud di Santiago, nella valle di Colchagua, nota per i suoi aromi profondi e speziati di Carmenere, l’onnipresente uva cilena.

— Ma il vino in sé non è l’unica attrazione, sottolinea Villablanca.

Le regioni vinicole del Cile offrono una serie di vigneti di ispirazione coloniale circondati, da tutte le angolazioni, da linee perfette di vigneti, ville con ampie terrazze e ristoranti di prima classe. Questo lo rende perfetto per trascorrere un pomeriggio sgranocchiando cibo e vino deliziosi.

(l’articolo continua sotto)

Vines on Vines: Le regioni vinicole del Cile offrono una varietà di vigneti di ispirazione coloniale circondati, da tutte le angolazioni, dalle linee perfette delle viti.  Fate un giro con un tradizionale cavallo e carretto per vedere la fabbrica che ci regala le preziose gocce.  Foto: Svein Lindin / Finansavisen

Vines on Vines: Le regioni vinicole del Cile offrono una varietà di vigneti di ispirazione coloniale circondati, da tutte le angolazioni, dalle linee perfette delle viti. Fate un giro con un tradizionale cavallo e carretto per vedere la fabbrica che ci regala le preziose gocce. Foto: Svein Lindin / Finansavisen

Scheda informativa sulla capitale di Safar: Cile

  • Capitale: Santiago del Cile
  • Popolazione: ca. 18 milioni
  • BNP: 277 miliardi. dollari USA (2017)
  • Export: rame, frutta e verdura, vino, polpa, carne e pesce
  • Forma di governo: Repubblica Democratica
  • Religione: Cristianesimo cattolico
  • Valuta: Peso di Chelinsk (CLP)
  • Lingua ufficiale: spagnolo
  • Visti: i cittadini norvegesi non hanno bisogno di un visto per soggiorni fino a 90 giorni
  • Viaggio: il volo più veloce da Oslo a Santiago include scali ad Amsterdam o Londra rispettivamente con KLM o British Airways

Fonti: Banca Mondiale, Store norske leksikon, UD e Finn.no

Questo è particolarmente vero per Santa Rita. Una visita qui non si limita all’esplorazione dei vigneti, del museo, dei giardini idilliaci, delle cantine storiche e del magnifico palazzo. Prendetevi un po’ di tempo in più per concedervi un pasto abbondante alla Doña Paula dell’azienda vinicola o fate una pausa al Café La Pañaderia, che alla fine del XIX secolo era un panificio la cui produzione era esclusivamente dedicata alla produzione di pane locale per i lavoratori e i loro famiglie.

Giornata del vino

Operazioni biodinamiche: in Cile sta emergendo una nuova generazione di produttori di vino dinamici, come la Koyle, a conduzione familiare.  Qui rappresentato è Cristóbal, meglio conosciuto come Toti, il primo enologo nelle cinque generazioni della famiglia Undurraga che gestiva il vigneto.  Foto: Svein Lindin / Finansavisen

Operazioni biodinamiche: in Cile sta emergendo una nuova generazione di produttori di vino dinamici, come la Koyle, a conduzione familiare. Qui rappresentato è Cristóbal, meglio conosciuto come Toti, il primo enologo nelle cinque generazioni della famiglia Undurraga che gestiva il vigneto. Foto: Svein Lindin / Finansavisen

Negli ultimi decenni sono successe molte cose nella produzione vinicola cilena. All’inizio degli anni ’80 inizia il rinascimento con l’introduzione di tini di fermentazione in acciaio inox e l’utilizzo di botti di rovere per l’invecchiamento. A quel tempo, le esportazioni di vino crebbero rapidamente con l’aumento della produzione di vino di alta qualità e oggi il Cile è il quinto esportatore di vino al mondo e il settimo produttore.

I cileni ne sono così orgogliosi che impiegano un’intera giornata per apprezzare il loro vino. Il 4 settembre di ogni anno, la Giornata del vino, puoi sperimentare musica, balli e feste in tutto il Cile. Anche i cileni non sono meno orgogliosi della loro storia e hanno riservato una giornata per apprezzare le loro reliquie storiche e culturali. Durante il Día del Patrimonio Cultural del Cile (Giornata della Lingua Norvegese) il 28 maggio, le attrazioni culturali del paese, tra cui Santa Rita, sono aperte a tutti.

Altre cantine cilene che meritano una visita

Mattec, Casablanca Famoso per la sua attenzione alla sostenibilità, attività entusiasmanti e una bellissima atmosfera

Silva House, Colchagua – Un’azienda vinicola a conduzione familiare nota per servire costantemente vini di alta qualità

Montes, Colchagua – Cena al Fuegos de Apalta dal famoso chef Francis Mallmann

Quill, Colchagua – Un produttore di vino a conduzione familiare noto per il suo processo biologico e i vini naturali

View Manant, Colchagua – Tra i primi e leader in Cile

Per un’esperienza davvero unica, pianifica una visita tra marzo e aprile poiché le feste della vendemmia si svolgono in tutto il paese. Le opzioni non mancano, dato che il Cile ha più di 330 vigneti sparsi in tutto il suo bel paese. Dagli ‘Stivali’ di 200 anni ai nuovi e moderni produttori di vino.

Tra l’altro, in Cile sta emergendo una nuova generazione di produttori di vino biologico e biologico. Per la certificazione biologica, il produttore non può utilizzare pesticidi o fertilizzanti chimici, e per essere dinamici, dovrebbero essere usati anche preparati naturali e fertilizzanti della natura, le Koyle e Emiliana a conduzione familiare sono tra quelle degne di nota dietro l’orecchio.

(l’articolo continua sotto)

Tetto in titanio: I materiali utilizzati nella costruzione dell'hotel dell'imprenditore mezzo norvegese Alexander Vik, come titanio, alluminio, acciaio, cemento e vetro, sono stati scelti perché non richiedono molta manutenzione e hanno una buona durata nel tempo.  Foto: Viña Vik Winery

Tetto in titanio: I materiali utilizzati nella costruzione dell’hotel dell’imprenditore mezzo norvegese Alexander Vik, come titanio, alluminio, acciaio, cemento e vetro, sono stati scelti perché non richiedono molta manutenzione e hanno una buona durata nel tempo. Foto: Viña Vik Winery

lusso artistico

Uno dei protagonisti più giovani della scena vinicola cilena, che non solo offre vini di qualità, ma può anche tentarti con ottime strutture e attività, è in parte la Norwegian Winery in te.

L’uomo d’affari mezzo norvegese Alexander Vick e sua moglie Carrie stanno dietro questo gioiello di vigneto. Insieme, hanno creato un’esperienza enologica onnicomprensiva con il loro esclusivo vigneto di lusso, riservato a loro con portafogli audaci degni di nota. In alta stagione (prima di Corona), le tariffe per camera erano di circa 10.000 corone a notte.

L’hotel è forse più noto per il suo design assolutamente unico, dove ogni stanza e ogni mobile – sì, anche i più piccoli materiali utilizzati – hanno un’idea dietro di esso. Qui, nulla è casuale, e ogni stanza ha il suo tema, poiché l’artista era responsabile dell’arte che adornava le pareti e dove ogni mobile è stato progettato su misura e selezionato personalmente dalla stessa Carrie Vick.

Se ti senti lontano da casa tua in Sud America, forse la Norway Chamber può riportarti a casa? Sembra essere volato fuori da qualsiasi cabina norvegese. O che ne dici di una notte nella Retro Room, nella Rock ‘n’ Rio Room o nella Louisiana, dove grandi dipinti di guerra francese adornano le pareti?

(l’articolo continua sotto)

Il norvegese: l'imprenditore mezzo norvegese Alexander Vick e sua moglie Carrie hanno creato un'esperienza enologica onnicomprensiva con il loro esclusivo hotel di lusso Vick collegato all'omonimo vigneto.  Foto: Viña Vik Winery

Il norvegese: l’imprenditore mezzo norvegese Alexander Vick e sua moglie Carrie hanno creato un’esperienza enologica onnicomprensiva con il loro esclusivo hotel di lusso Vick collegato all’omonimo vigneto. Foto: Viña Vik Winery

Fare il bagno nel vino

Ma non sono solo le stanze ad essere seducenti. Qui puoi avere una vista attraente sui vigneti e sulla valle dove ti trovi. Rilassati all’aperto nel Giardino Zen, fai un tuffo nella piscina a sfioro o spendi un po’ di energia nei giochi o nella sala fitness.

Mettiti alla prova come uomo gaucho: non dimenticare di fare un giro con l'affascinante cowboy della vigna, gaucho in Cile.  Quindi ti avvicini ai vigneti, metti alla prova le tue abilità di equitazione e le abilità spagnole, perché questo cowboy non parla inglese.  Foto: Svein Lindin / Finansavisen

Mettiti alla prova come uomo gaucho: non dimenticare di fare un giro con l’affascinante cowboy della vigna, gaucho in Cile. Quindi ti avvicini ai vigneti, metti alla prova le tue abilità di equitazione e le abilità spagnole, perché questo cowboy non parla inglese. Foto: Svein Lindin / Finansavisen

Segue una visita all’eccellente wine spa dell’hotel, dove puoi essere sbucciato con i semi d’uva, massaggiato con unguenti al vino fatti in casa e immerso nel vino delizioso – sì, hai capito il disegno.

Forse il più memorabile, tuttavia, è il giro al tramonto con un gaucho nei vigneti, cowboy cileno. Poi ti avvicini ai vigneti, metti alla prova le tue abilità di guida e fai pratica con alcune parole spagnole, perché questo cowboy, “La Hablo Ingles”, non parla inglese.

Dopo una giornata di degustazione di vini in cantine incomparabili con il talentuoso enologo francese Christian Vallejo di Vik, dovresti concederti un pasto a Milla Milla, dove il menu cambia con la stagione e la disponibilità degli ingredienti. Questa è la ricetta per un viaggio nel vino che dimenticherai presto.

Kapital Reise era con Wines of Chile in un tour stampa nel gennaio 2020.

READ  No, gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Tina Pro non è scettica sul clima - E24