Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Una voce audace per i valori cristiani fondamentali

PDK è preoccupato per gli affari norvegesi, l’intolleranza climatica, l’assistenza all’infanzia impropria e la lotta contro l’aborto radicale intrapreso nel paese.

Quando il Partito cristiano (PDK) ha sviluppato il suo primo programma di lavoro per la legislatura 2013-2017, era lungo 40 pagine. Questa volta sono oltre 70 pagine.

– Dimostra che l’agenda sta crescendo e raggiungendo nuove dimensioni e prendendo sempre più aree che rendono la parità in quanto tale più ampia e stabile di quanto non sia mai stata, ma nella chiara culla ideologica in cui siamo nati, afferma il leader del partito Eric Selle in Norvegia oggi.

Quali saranno le questioni più importanti per te in campagna elettorale?

Ciò che è importante per il PDK ora è concentrarsi sulle conseguenze dell’intolleranza climatica sugli affari e sull’industria norvegesi che vediamo guidare i conservatori e la KrF man mano che diventano più o meno uso degli obiettivi di sviluppo del millennio, afferma Selle.

Cavallo e macchina

– Cosa intendi?

La gente non ha iniziato a guidare le auto perché qualcuno ha vietato i cavalli, ma perché qualcuno ha inventato l’auto e quindi si è risolta da sola. Non possiamo giocare il passaggio verde. Seele crede che rimettere il rubinetto del petrolio sia una delle cose più irresponsabili che abbiamo visto nella politica norvegese dalla seconda guerra mondiale.

Si ritiene che gli elettori in Norvegia non abbiano preso sul serio la disputa tra i partiti.

Non è che il futuro sarà luminoso e bello, non importa chi governa. I politici gestiscono le risorse. Si tratta di opzioni di standby e valore. Qual è il percorso che intraprendiamo per i nostri figli? Una nazione che non paga premi assicurativi per garantire i suoi futuri residenti è un paese serio, afferma Sealy con entusiasmo e continua.

READ  Keyserløkka ragazzo che è diventato un professore di tempo e vento

Sono passati dieci anni dal 22 luglio. Era chiaro che i conservatori e l’IRNA erano andati alle urne contro Stolteberg e il Partito laburista per una migliore preparazione. Erna Solberg non l’ha fatto, e non è così che possiamo ottenerlo. Non vogliamo più il terrorismo in Norvegia. I politici devono dare la priorità alla preparazione.

Ora siamo nel bel mezzo di una pandemia. Dall’ultima pandemia, che è l’influenza suina, ci sono stati buoni comitati e rapporti che sono finiti chiaramente in un cassetto dell’ufficio. cosa abbiamo imparato? Niente. Il governo non ha fornito nulla e questo dovrebbe deludere i suoi elettori. Sealy crede che ci debba essere un cambio di regime nella politica norvegese.

Il leader del partito dice che sono contro l’energia eolica e ciò che crede sia l’isteria climatica.

Le auto diesel oggi sono molto pulite. Siamo per la nuova scienza e tecnologia. Siamo per la ricerca e lo sviluppo. Ma la transizione verde dovrebbe arrivare come risultato della ricerca e dello sviluppo, non perché gli Obiettivi di sviluppo del Millennio vogliono che tutti nell’industria petrolifera guidino un autobus a Oslo.

Vogliamo un taglio netto del bilancio per gli aiuti allo sviluppo. Non possiamo versare miliardi alla Fondazione Clinton, al nucleare cinese, alle organizzazioni antisemite, all’intolleranza climatica e ai progetti che sono morti quando i soldi finiscono. Non possiamo avere una politica il cui obiettivo sia che i politici abbiano una buona coscienza per dare più dei risultati dove vengono dati. Sealy dice che il budget per gli aiuti allo sviluppo non dovrebbe essere un’estensione della politica estera progettata per creare le posizioni di governo più alte del mondo.

READ  Ha ricevuto 100 suggerimenti per puzzle loft

Le aspettative per le elezioni sono alte

Quali sono le tue aspettative sul risultato elettorale?

Ci aspettiamo un buon risultato elettorale, non solo ce lo aspettiamo, ma pensiamo che sia necessario. Se voti proprio come l’ultima volta, otterrai la stessa cosa dell’ultima volta, dice Selle, che pensa che il PDK sarà una voce chiara e audace per sostenere i valori cristiani di base in Norvegia.

Sono questi valori che hanno sviluppato e preservato la Norvegia per diventare la nazione libera e sicura che siamo oggi. Ci occuperemo dello sviluppo del lavoro di Hans Nielsen Haug e della lotta per la libertà, del buon liberalismo di John Locke e della lotta di William Wilberforce per un conservatorismo individuale ed equilibrato. Il PDK vuole far uscire la Norvegia dall’accordo di Parigi, dallo Spazio economico europeo e dall’accordo di Marrakesh. Il benessere dei bambini è un altro problema che coinvolge il partito e in particolare Eric Seeley.

Ci sono bambini in Norvegia che subiscono abusi e maltrattamenti e dobbiamo prenderli sul serio e fornire loro una vita quotidiana sicura, ma ci sono anche molti che hanno segnalato abusi significativi dal servizio di assistenza all’infanzia. Qui vogliamo passare dall’assistenza all’infanzia al benessere familiare.

– Se verrò in Parlamento, garantirò che sarò una voce personale per loro. La più grande differenza tra PDK e KrF sarebbe evidente se tu fossi Ministro della Famiglia. Fin dal primo giorno, volevo creare la Commissione Mandela, prendere sul serio le sentenze contro la Norvegia a Strasburgo e trasformare la protezione dei bambini in protezione della famiglia, afferma Sealy.

Conclude che il voto per il PDK sarà un voto di libertà e sicurezza.

READ  Il miliardario che potrebbe non aver mai viaggiato nello spazio - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Non dobbiamo nulla a nessuno senza essere fedeli ai nostri elettori e al nostro programma, quindi siamo aperti a cooperare con tutti coloro che desiderano la Norvegia nella giusta direzione.

– La decisione che SV ha preso al suo incontro nazionale sull’aborto è tutt’altro che orribile fino alla 22a settimana. Mancano solo due settimane alla possibilità di salvare i bambini prematuri per la sopravvivenza. Speriamo di trovare cooperazione a tutti i livelli in caso di aborto e che KrF inizi a vedere il PDK come un partner anche nella politica municipale, avendo una strada da percorrere, conclude Erik Selle.