Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Wall Street in rialzo dopo un primo tempo difficile – Olaf Chen avverte: – Non osiamo comprare quando accade troppa negatività

Alla chiusura delle contrattazioni, per i principali indici di Wall Street sembrava così:

  • Il Dow Jones Industrial Average, che è composto da 30 titoli selezionati con cura e presumibilmente importanti, è aumentato dell’1,05%.
  • L’indice S&P 500, che comprende 500 delle più grandi società quotate negli Stati Uniti, è aumentato dell’1,06%.
  • L’indice Nasdaq Composite, che è dominato dalle società tecnologiche, è salito dello 0,9%.

Il rally arriva dopo che il principale indice S&P 500 ha registrato il suo primo semestre peggiore dal 1970 con un calo di oltre il 20%. Certo, il mercato azionario ha raggiunto il picco intorno al nuovo anno, dopo due anni di rendimenti incontrollati. Ciò non cambia il fatto che valori per gli azionisti di oltre 80.000 miliardi di NOK siano stati eliminati dalle società incluse nell’indice finora quest’anno.

Il tasso di interesse sui titoli di stato statunitensi a dieci anni, spesso citato come il più importante al mondo per il suo impatto su altri tassi di interesse e variabili finanziarie in tutto il mondo, è ora del 2,9 per cento. I tassi di interesse sono scesi e hanno fluttuato bruscamente venerdì, ora in ribasso da un picco vicino al 3,5% a metà giugno.

– Era il discorso del giorno. È semplicemente per paura della recessione, dice telefonicamente dalla Sicilia Olaf Chen, capo dell’allocazione globale e dei tassi di interesse di Storebrand.

Distacco tecnico

Venerdì sono stati ricevuti numerosi titoli deludenti per la più grande economia del mondo. Tra l’altro, l’indagine ISM, un indicatore basato sulle aspettative dei responsabili degli acquisti statunitensi sul livello di attività, è risultata inferiore alle attese.

READ  Maserati Mistral - la più elegante degli anni Sessanta?

– Non c’è dubbio che ora sia uno scenario impegnativo. Christian Lee, capo stratega di Formue, afferma che le banche centrali devono stringere in un’economia in cui la crescita è in ritardo, a parità di altre condizioni, e non c’è ricetta per il successo, e continua:

Chief Strategist presso Formue Management Christian Lee.

Chief Strategist presso Formue Management Christian Lee. (Foto: Dedrick Linerod Arnesen)

Si può avere una situazione in cui l’unico modo per abbassare l’inflazione e le aspettative salariali è un mercato del lavoro più rilassato. La banca centrale dovrebbe ridurre il numero di posti vacanti senza aumentare troppo la disoccupazione, il che è un delicato atto di equilibrio. Quello che si osserva dall’indicatore ISM è che la componente occupazionale è in calo, e questo rende il tutto più difficile.

I numeri deludenti dell’ISM hanno guidato l’indice GDPNow della Federal Reserve di Atlanta, che stima costantemente l’attività economica negli Stati Uniti sulla base di numeri chiave e ora stima una crescita annua negativa del 2,1% nel secondo trimestre. La crescita annuale è la crescita che otterresti se la modifica trimestrale durasse per un anno intero.

L’economia statunitense si è contratta dell’1,6% nel primo trimestre. La semplice definizione di recessione è due trimestri consecutivi di crescita negativa. Dopo aver aggiornato il GDPR ora, mi dice:

– Se questo si rivela vero, allora c’è già una recessione tecnica nell’economia statunitense.

Tuttavia, è stato il National Bureau of Economic Research (NBER) a stabilire ufficialmente le recessioni negli Stati Uniti. L’agenzia governativa utilizza la definizione di “un calo significativo dell’attività economica che abbraccia l’intera economia e dura più di pochi mesi”.

– Si sta dirigendo verso una crescita più bassa. Penso che si possa avere una recessione tecnica con due trimestri consecutivi con una crescita del PIL negativa, ma non credo che ci sarà una recessione fino a quando non ci sarà un forte aumento della disoccupazione. Storicamente, un atterraggio morbido è stato molto difficile da raggiungere, ma non credo ancora che la disoccupazione negli Stati Uniti aumenterà di 1-2 punti percentuali nei prossimi sei-12 mesi, afferma Chen.

La bugia riconosce anche che non c’è modo di aggirare la bassa crescita.

Penso che ci siano tutte le ragioni per aspettarsi che l’economia si indebolisca più di quanto non abbia già fatto. Nei prossimi mesi, le stime sugli utili, che ora appaiono relativamente ottimistiche, saranno probabilmente abbassate. Aggiunge che è difficile immaginare che la situazione finanziaria non peggiorerà finché non migliorerà.

– era boom

Chen ha anche osservato a Storebrand che il mercato prevede che l’aumento del tasso di riferimento chiave sarà inferiore e che i tagli dei tassi arriveranno prima di quanto gli stessi membri della Fed stimassero a giugno. Il mercato prevede un picco di poco meno del 3,5% all’inizio del prossimo anno e poi riduzioni graduali durante tutto l’anno.

La Federal Reserve è un ambiente analitico, che fa stime e opinioni. Il mercato a reddito fisso rappresenta tutti i partecipanti al mercato. Allo stesso tempo, sappiamo che la Fed ha commesso un grave errore l’anno scorso. La Fed credeva che l’inflazione fosse temporanea, e va detto che è il boom dei tempi. Sulla base di ciò, penso che il mercato del reddito fisso non sia necessariamente peggiore quando si tratta di analisi, afferma Chen.

L’interpretazione del mercato del tasso di interesse potrebbe indicare che ritiene che la Fed inasprirà così forte che l’economia subirà danni significativi e che i tassi di interesse cadranno di nuovo più velocemente del previsto. Non fa ben sperare per le azioni a breve termine. Pertanto, Chen e Storebrand hanno ora effettuato una valutazione tattica e sono passati dal sovrappeso al peso normale sui titoli globali fino a luglio.

– La quota del titolo è diminuita con la diminuzione del valore, ma non abbiamo restituito il saldo. Non osiamo comprare quando ci sono molti eventi negativi, dice Chen.

Pensa anche, come Lee, che le stime degli utili sembrino troppo alte. In questo caso, potrebbe esserci ancora un calo significativo delle azioni che ora sembrano “più economiche” dopo il calo dei prezzi di quest’anno.

– Penso che le stime degli utili dovrebbero scendere. Ci concentriamo sulla macroeconomia e guardiamo molto ai macro audit e le stime degli utili sono in ritardo e sembrano troppo alte”, afferma Chen. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.