Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Combattere è utile – anche nelle aule di tribunale – Dagsavisen

La Corte di Giustizia Europea, conosciuta in gergo europeo come Corte di Giustizia Europea (ECJ), è un’istituzione molto privata. È una delle istituzioni più importanti dell’Unione Europea, ma è poco conosciuta e vive una vita appartata nel minuscolo Lussemburgo. Attraverso Tre articoli più lunghi nella London Review of Books Lo storico britannico Perry Anderson ha recentemente portato la corte fuori dall’ombra, in una serie che chiunque abbia un certo interesse per l’Unione europea e lo Spazio economico europeo dovrebbe leggere. Anderson descrive il ruolo indipendente che la Corte ha svolto all’inizio nello sviluppo di un’Unione europea federale e orientata al libero mercato e sostiene che nel mondo occidentale oggi è impossibile trovare un’istituzione legale ugualmente separata dal controllo e dalla responsabilità democratica.

La vittoria è stata molto significativa e potrebbe essere uno dei tanti punti di svolta rispetto agli sviluppi neoliberisti degli ultimi decenni.

La Corte di giustizia europea è composta da un giudice per ciascuno degli Stati membri dell’Unione europea. I casi vengono condotti a porte chiuse, i giudizi sembrano sempre unanimi e gli archivi sono di difficile accesso per i ricercatori. È una forma di istituzione del tutto unica, non solo nell’Unione europea, ma tra i tribunali in generale, “dotata di più potere di qualsiasi istituzione comparabile in una democrazia mai vista”.

La storica Vera Fritz (lussemburghese) è una delle poche che ha approfondito la storia antica della corte. Tra i primi sette giudici e il suo procuratore generale, trovò, tra gli altri, l’italiano Massimo Belotti, che era il rappresentante di Mussolini presso la Società delle Nazioni negli anni ’30. Quando si dimise nel 1937 partecipò alla celebrazione dell’occupazione dell’Etiopia. Successivamente, dopo l’annessione della Slovenia da parte di Mussolini, divenne capo della Corte Suprema del Paese. Il giudice tedesco della Corte di giustizia europea, Otto Riese, è stato un fedele membro del partito nazista tedesco fino al 1945. Il suo connazionale Karl Römer, che divenne uno degli avvocati della corte – il generale, trascorse la guerra a Parigi, rappresentando gli interessi del Terzo Reich; Dopo la guerra difese, tra l’altro, le Waffen SS accusate di aver commesso un massacro contro gli abitanti del villaggio francese di Oradour. Il secondo procuratore della corte, Maurice Lagrange, francese, aveva trascorso gli anni della guerra come alto funzionario del regime fascista di Vichy.

READ  Un milione è volato con SAS anche ad agosto - E24

Uno dei primi araldi del primato del diritto comunitario e delle forze di mercato nella legislazione dei parlamenti nazionali eletti è stato l’influente leader della Wissenschaftliche Gesellschaft für Europarecht, Hans Peter Ibsen. Aveva un passato sia in SA che in NSDAP, e all’età di 32 anni divenne professore nel libro “Politik und Justiz”, che trattava di come lo stato attraverso “azioni sovrane” potesse aggirare le considerazioni legali.

Già nel 1963 la Corte di Giustizia Europea ha emesso una sentenza in cui si affermava che la legislazione nazionale degli Stati membri deve conformarsi alle normative della Comunità Europea. Nelle aree in cui le regole sono in conflitto, la Corte di giustizia europea ha affermato che i tribunali nazionali hanno il dovere di dare priorità alle regole comuni del mercato. Lo storico olandese Luke van Midlar ha scritto nel suo libro On the Long Lines in the History of the European Union, «Il passaggio in Europa: come il continente è diventato una Confederazione » Ha descritto la sentenza come niente di meno che un “colpo di stato”. È ammirevole che sia inteso come un complimento – da un accademico formato sull’ex commissario UE Frits Polkestein, il politico olandese di estrema destra che era dietro la direttiva sui servizi dell’UE.

Dopo la prima sentenza decisiva della Corte di Giustizia Europea nel 1963, seguirono molte importanti sentenze. Era quasi sempre associato a piccole cose apparentemente banali, come quando la corte ascoltò il caso Cassis de Dijon nel 1979, che riguardava il diritto di vendere bevanda al ribes nero in qualsiasi altro stato membro. Nel decennio che seguì, fu in primo luogo la Commissione Europea a guidare dall’alto questo lavoro di integrazione europea, mentre il ruolo della Corte, secondo Anderson, fu quello di promuovere, piuttosto che guidare, le riforme del libero mercato. Tuttavia, dopo l’allargamento dell’Unione europea nel 2004, la Corte di giustizia europea ha ricevuto una “dose extra di adrenalina neoliberista”, quando i teorici del libero mercato appena salvati dagli Stati membri dell’Europa orientale sono arrivati ​​in massa in Lussemburgo. Ciò ha portato a diversi attacchi pubblici al movimento sindacale europeo e al diritto di sciopero, in quello che divenne noto come “Laval Quartet”. È iniziata con la sentenza contro il sindacato dei lavoratori edili svedesi nella sentenza Laval del dicembre 2007, ed è stata presto seguita da altre tre sentenze che hanno liberalizzato il mercato e si sono opposte ai sindacati. Per la Norvegia, il cosiddetto affare Holship si è davvero concluso dopo poco più di un decennio. Lì, la Corte Suprema ha stabilito che l’uso del sindacato provinciale dei lavoratori dei trasporti nel porto di Drammen era illegale, dopo che il tribunale dell’EFTA aveva inizialmente considerato il caso allo stesso modo.

READ  Akva Group unisce una compagnia di spedizioni con un concorrente: un fondo di investimento che sputa 100 milioni.

L.O. ha ritenuto che la sentenza fosse incompatibile con la libertà di associazione sancita dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e ha inviato il caso alla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo. La sentenza è stata emessa la scorsa settimana. Dopo diversi anni di tentativi di elevare le libertà di mercato nell’UE a pari diritti umani – e quindi anche la libertà di organizzazione e sciopero – la Corte europea dei diritti dell’uomo ha deciso categoricamente che i diritti economici non possono essere equiparati al diritto di organizzazione. Commentando la sentenza, il professore di diritto Hans-Peter Graver ha scritto che ha liberato i “diritti di lotta del movimento sindacale dal dominio del diritto di mercato”. Descritto dal capo del dipartimento legale di LO, Atley S. Johansen, lo ha descritto come “uno dei, forse il più importante per il movimento sindacale europeo negli ultimi tempi”: “Si potrebbe dire che la sentenza ristabilisce i diritti sindacali nell’UE e si regola con il diritto dell’UE – pensiero e pratica dalla sentenza Laval in poi.”

La vittoria è stata molto significativa e potrebbe essere uno dei tanti punti di svolta rispetto agli sviluppi neoliberisti degli ultimi decenni. Può anche portare all’indebolimento delle forze politiche autoritarie in Europa. Poteri che non hanno necessariamente bisogno di un’adunata per essere in grado di gestire i colpi di stato, che spesso fanno paura con un avvocato o dieci.

READ  - Come respirare di nuovo liberamente - VG

Tieniti informato. Ricevi una newsletter quotidiana da Dagsavisen