lunedì, Luglio 15, 2024

Dibattito presidenziale repubblicano: – Trump ha già vinto

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".
Pronti al dibattito: cinque promettenti candidati presidenziali giovedì sera. Da sinistra: l’ex vicepresidente Mike Pence, il governatore della Florida Ron DeSantis, l’uomo d’affari Vivek Ramaswamy, l’ex governatore Nikki Haley e il senatore Tim Scott.

Il candidato di punta brilla per la sua assenza durante il primo dibattito presidenziale tra repubblicani giovedì sera.

pubblicato:

Alle 15, ora norvegese, inizia a Milwaukee, nel Wisconsin, il dibattito televisivo tra i due candidati repubblicani alle presidenziali.

Qui si candidano otto candidati, ma non il favorito, Donald Trump.

Dapprima c’era una grande domanda che caratterizzava i media americani:

  • Qualcuno degli otto candidati sarà in grado di presentarsi come un vero sfidante per Trump?

L’ex presidente ha un vantaggio significativo nei sondaggi d’opinione ed è il chiaro favorito nella battaglia per diventare il candidato repubblicano alle presidenziali per le elezioni del 2024.

leggi il commento: E il dibattito non sarebbe lo stesso senza Trump

È apparso in un’intervista con Tucker Carlson

Lo stesso Trump ha scelto di abbandonare il dibattito notturno e ha fatto riferimento ai suoi progressi per spiegare il motivo:

“La gente sa chi sono e quanto successo ha avuto la mia presidenza”, ha scritto in una dichiarazione sulla sua piattaforma TruthSocial all’inizio di questa settimana, indicando un sondaggio della CBS in cui aveva il 62% di sostegno.

READ  La guerra in Ucraina: - Sarà decisiva

Si tratta di 46 punti percentuali di vantaggio rispetto al prossimo uomo nella lista, il governatore della Florida Ron DeSantis.

Invece di candidarsi con gli altri candidati, l’ex presidente ha optato per un’intervista preregistrata con Mr L’ex giornalista della Fox Tucker Carlson. È stato pubblicato su X, ex Twitter, poco prima dell’inizio della discussione.

Rimarrò seduto lì per un’ora o due, qualunque cosa accada, e verrò molestato da persone che non dovrebbero nemmeno candidarsi alla presidenza? Ha chiesto e criticato, tra l’altro, l’organizzatore del dibattito Fox News, con il quale è in costante conflitto.

– Dovrei farlo su una rete che non mi è particolarmente amichevole?

Trump e Fox: Dall’amore al conflitto

Lo staff della campagna di Trump ha anche chiarito che secondo loro l’ex presidente ha così tanti ammiratori che potrebbe vincere anche senza candidarsi.

– Ha davvero vinto il dibattito di stasera, perché è tutto incentrato su di lui, ha scritto su X il consigliere Chris LaCivita prima dell’inizio del dibattito, Agenzia di stampa AP.

– E aggiunge: – Non dovrebbe nemmeno essere chiamato dibattito, ma piuttosto un’audizione per far parte della squadra del presidente Trump alla sua seconda presidenza.

Ma la campagna elettorale non è l’unica cosa nella mente di Trump durante la giornata. Il suo arrivo è previsto giovedì nella prigione in Georgia, dove rimarrà accusato di aver tentato di modificare i risultati elettorali.

Camminare con equilibrio

Nella prima metà del dibattito gli spettatori hanno potuto vedere, tra l’altro, l’ex vicepresidente Mike Pence criticare il nuovo politico e uomo d’affari Vivek Ramaswamy e affermare che lui stesso è pronto per l’incarico.

READ  Smascherare la sadica rete di tortura delle scimmie

Sono senza dubbio il politico conservatore più preparato, più collaudato e più competente in questa lotta.

Ha anche difeso le politiche economiche dell’amministrazione Trump:

“Voglio riportare la nostra nazione su un percorso di crescita e ricchezza e ripristinare la responsabilità fiscale, proprio come ho fatto al Congresso, come governatore e vicepresidente”.

dice Carrie Sheffield, che commenta la politica conservatrice negli Stati Uniti Al Jazeera Che i candidati repubblicani devono restare in equilibrio sul filo del rasoio:

Dovrebbero essere in grado di criticare Trump, ma non troppo duramente, e dovrebbero sperare di attirare alcuni dei suoi sostenitori.

– E’ un atto di equilibrio. Nel GOP, dice, spesso è una scelta alternativa.

O criticare Trump come fa Pence, o come fa Chris Christie, oppure sostenerlo con tutto il cuore e cercare di essere come lui, come fa Ron DeSantis, dice.

Durante il dibattito notturno, a tutti i candidati è stato chiesto se avrebbero sostenuto Trump se fosse stato scelto come candidato presidenziale del partito, anche se alla fine fosse stato condannato in uno o più procedimenti penali in corso contro di lui.

Tutti hanno alzato la mano tranne Asa Hutchinson, l’ex governatore dell’Arkansas.

pubblicato:

More articles

Latest article