Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ecco, Erdogan getta benzina su un vecchio fuoco

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha visitato Cipro durante il 47esimo anniversario dell’invasione dell’isola. La visita non è di buon auspicio per la riunificazione dell’isola in due parti.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (dietro a sinistra) e il leader turco-cipriota Ersin Tatar (dietro a destra) hanno partecipato a una parata militare lunedì. Foto: MURAT CETINMUHURDAR / PPO / X80001

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è recato lunedì a Cipro per celebrare il 47esimo anniversario dell’occupazione turca della parte settentrionale dell’isola in risposta a un colpo di stato militare. Da un veicolo militare aperto, Erdogan, tra gli altri, ha salutato le forze militari turche.

È stato raggiunto da Ersin Tatar, capo del governo di Cipro del Nord. Il problema è che solo la Turchia li riconosce come Paese indipendente.

Oggi l’isola è divisa in una parte greco-cipriota e una turco-cipriota. La divisione è diventata bollente e ci sono stati diversi round di negoziati di pace. Nel 2017, l’ultimo round di negoziati è fallito.

Se i negoziati fossero andati avanti, Cipro sarebbe stata incorporata in un unico stato federale.

Questo obiettivo Erdogan ha fatto abbastanza passi avanti durante la visita di lunedì. Durante un discorso si è espresso a favore di una soluzione a due Stati.

“Nuovi negoziati possono avvenire solo tra due paesi”, ha detto Erdogan in un discorso.

La parte settentrionale turco-cipriota e la parte meridionale greco-cipriota di Cipro sono divise in una zona militare. Foto: Hanssen, Kjetil

– È sbagliato andarsene

Espen Barth Eddy (Labour Party) è stato al centro dei recenti negoziati di pace a Cipro. È stato inviato speciale delle Nazioni Unite a Cipro dal 2014 al 2017. L’obiettivo era quello di unire Cipro in uno stato federale.

READ  Il 5 luglio, la Norvegia deve adattarsi alla mappa Corona dell'UE. Allora ci possono essere molti paesi verdi in cui viaggiare.

– Penso che sia completamente sbagliato abbandonare questo principio. È possibile unire paesi multiculturali. È un sogno che sognano molti ciprioti.

Espen Barth Eide (Laburista) è stato inviato speciale delle Nazioni Unite a Cipro dal 2014 al 2017. Foto: Yiannis Kourtoglou / X03550

Perché la federazione funzioni, Eddy crede di aver bisogno di due stati forti: una parte greco-cipriota e una parte turco-cipriota.

Trovare una soluzione richiede volontà. Entrambi devono fare concessioni per far funzionare lo stato federale.

Uno stato unitario significa che lo stato detiene centralmente la maggior parte del potere. La Norvegia è un esempio di stato unitario. Uno stato federale significa che gli stati detengono gran parte del potere. Gli Stati Uniti e la Svizzera sono due esempi di stati federali.

Erdogan si voltò

Fino al 2017, Erdogan era positivo sul modello federale. Quando i negoziati sono crollati nel 2017, Erdogan ha affermato che bisognava pensare in modo diverso e abbandonare quell’obiettivo.

“La Turchia non ha altri 50 anni da perdere”, ha detto Erdogan questa settimana sulla mancanza di una soluzione.

La Repubblica di Cipro del Nord è oggi riconosciuta solo dalla Turchia.

– Essere un paese non riconosciuto è una situazione molto problematica. Spero che crei una base per nuovi negoziati, dice Eddy.

La mancanza di progresso e di attività è di per sé un problema. Aggiunge che crea nuove tensioni e frustrazioni.

Eddy dice che non darebbe la colpa a nessuna delle due parti per la mancanza di una soluzione.

– Prima di tutto, la chiave sta nei ciprioti stessi. Quindi devono avere leader politici di entrambe le parti disposti ad agire, concedersi spazio l’un l’altro e influenzare i negoziati.

READ  Nuovo record di infezioni in Florida - Il governatore attacca le misure di controllo delle infezioni

Penso che loro stessi siano la chiave

Anche se gli stessi ciprioti detengono la chiave, è impossibile trascurare la Turchia e Erdogan. Hanno una forte influenza su ciò che accade politicamente nella parte turco-cipriota dell’isola.

Nelle precedenti trattative, Erdogan ha svolto un ruolo costruttivo. Eide afferma che Erdogan era importante per loro aprire i valichi di frontiera a Cipro, dopo decenni di divisione del paese.

Erdogan dice che ci sono due stati e due popoli sull’isola. Ha ragione?

– Non sono d’accordo che ci siano due gruppi etnici. In origine questo era un paese e non puoi distinguere tra le persone. Culture diverse si sono sviluppate in un lungo periodo di tempo. Queste caratteristiche distintive possono essere affrontate con uno stato federale.

proteste internazionali

Prima della visita di Erdogan, la Grecia, tra gli altri paesi, ha protestato. Lo interpretano come la Turchia che cerca di consolidare la sua influenza sull’isola. Ciò non migliorò con la visita di Erdogan a Varosha, che fu abbandonata durante l’invasione del 1974.

Le Nazioni Unite decisero che solo coloro che originariamente risiedevano in città avrebbero potuto stabilirvisi. Allo stesso tempo, le autorità turco-cipriote hanno annunciato un piano per reinsediare parti di Varosha.

La Grecia non era sola nel bisogno. All’inizio di questo mese, la presidente dell’UE Ursula von der Leyen ha dichiarato che “non sosterrà mai una soluzione a due Stati”.

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che non accetterebbe mai una soluzione a due stati. Foto: Christian Hartmann/Paul Reuters

Emre Becker, che lavora per la società di analisi Eurasia Group come esperto di Turchia e Unione Europea, afferma quanto segue Politico Sulle dichiarazioni di Erdogan:

READ  Record di caldo negli Stati Uniti d'America: - Ondata di caldo negli Stati Uniti:

– Ankara vuole sbloccare la situazione a Cipro e costringere le parti negoziali a un compromesso che riconosca due Stati come possibile soluzione.

Ha detto al giornale che non avrebbe funzionato.

– Indebolisce anche le prospettive di una nuova tornata di colloqui sulla riunificazione.

Aggiunge che la Turchia considera i nuovi colloqui una perdita di tempo.

Leggi anche: