Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Football Own Miracles – Giochi NRK – Notizie sportive, risultati e programma di trasmissione

Il potente presidente svizzero della FIFA vuole parlare del “potere del calcio”. Nella sua interpretazione della realtà, può portare la pace in un mondo diviso e globalizzato, niente di meno. Gli ultimi giorni hanno dimostrato che c’è potere in quei gradi, ma in forme completamente diverse da quelle che parla Gianni Infantino.

Oggi abbiamo un momento calcistico che nessuno pensa ti piacerà. Niente, tranne il protagonista.

290 giorni è il periodo dal 12 giugno 2021 al 29 marzo 2022.

Durante la prima partita del Campionato Europeo della Danimarca contro la Finlandia, il danese Christian Eriksen è caduto in un parco a Copenaghen ed è tornato di corsa sullo stesso tappeto erboso del capitano danese contro la Serbia.

Caduto: i giocatori della nazionale danese hanno chiamato Christian Eriksen quando è caduto nel parco il 12 giugno 2021.

Foto: WOLFGANG RATTAY / Reuters

Per la prima volta in 17 anni, lo stadio nazionale danese è stato esaurito per una partita internazionale privata, quando un’intera nazione ha celebrato l’arrivo del suo miglior eroe.

In questo caso, possiamo effettivamente usare la parola “resurrezione”.

Sono passati solo 41 minuti dalla partita contro la Finlandia che Eriksen ha avuto un collasso quando il terzino sinistro Joachim Mehle ha eseguito una rimessa laterale. Il cuore si è fermato.

Le vite vengono salvate dai giocatori della squadra e dagli operatori sanitari più talentuosi dello stadio. Tuttavia, Erickson è morto medicamente entro cinque lunghi minuti.

Il fidanzato மனைவிe Sabrina è corso piangendo sul campo, dove è stata assistita dal capitano Simon Kjar e dal portiere Caspar Schmeichel.

Temendo che l’esordio della Danimarca all’Europeo sarebbe finito in tragedia, Eriksson è stato portato fuori dal parco poche ore dopo, circondato da una rete di sicurezza dai suoi compagni di squadra.

HSuMISRmhC0

Risultato: Christian Eriksen ha esordito con la nazionale danese sabato per la prima volta dopo un attacco cardiaco durante gli Europei dell’anno scorso. Due minuti dopo ha segnato.

Foto: KOEN VAN WEEL / AFP

La leadership della vita

Sabato scorso, nella partita contro l’Olanda ad Amsterdam, Christian Eriksen è tornato con Danebroke per la difesa dell’identità sul suo cuore duro.

Eriksen è stato sostituito durante la pausa contro l’abito arancione. Due minuti dopo, il suo vecchio campo di casa, la Johan Cruyff Arena, è esploso in un applauso unanime dopo che il decimo pallone dei danesi alla maniera dell’artista aveva ridotto il vantaggio olandese a 3-2 nell’angolo più lontano.

Il suo 37esimo gol in nazionale è stato il più importante, anche quando si è trattato di una partita internazionale individuale sulla carta senza importanza.

Sia l’Olanda che la Danimarca di Eriksen si stanno preparando da tempo per la Coppa del Mondo. Quindi l’obiettivo è qualcosa di completamente diverso.

Ridotto non è la Danimarca. La vita salì alle stelle in una leadership incrollabile.

hwxkd_sfNCY

Modificato: Eriksson è stato sostituito durante la pausa della partita internazionale contro l’Olanda ad Amsterdam. La squadra di casa è poi andata in vantaggio per 3-1, ma gli sono bastati solo un minuto e 50 secondi. L’Olanda ha vinto 4-2.

Foto: John Thais / AFP

Entrate incredibili

Non tutti hanno l’idea che Christian Eriksen tornerà mai in un campo di calcio.

Un’eccezione: gli stessi Ericsson.

È all’inizio del 2022 Ho parlato per la prima volta Non solo voleva giocare a calcio, voleva giocare la Coppa del Mondo in Qatar per la Danimarca, cosa che sembrava ancora del tutto irrealistica.

Entro tre mesi, gli esperti danesi sono già lì Finito con Che l’attacco danese fosse salvo. Ora ci si può concentrare sulla risoluzione dei problemi di sicurezza. Il motivo è Christian Erickson.

Si può dire che è un’opzione eccezionale. O un miracolo del calcio.

Vengo dall’Italia

La vita dell’Inter campione d’Italia doveva finire. Erickson ha subito un intervento chirurgico popolarmente noto come ICD o “Implantable Corridor Defibrillator”, un tipo di mini-defibrillatore.

Le regole italiane vietano di giocare a calcio professionistico.

Ma se il calcio italiano finisce con Eriksen, Eriksen non finisce con il calcio. Sober Finebo era chiaro che se la sua visione della vita fosse cambiata per sempre, non si sarebbe applicata alle sue ambizioni di calciatore.

“Ho sempre saputo chi ero come giocatore. Lo sono sempre stato”, ha detto ieri lo stesso Eriksson in una conferenza stampa al parco.

E dopo l’allenamento con il club Ajax, che lo ha reso famoso, la trasferta è tornata in Premier League. Eriksen ha avuto molte concessioni, ma alla fine ha scelto di giocare al Brentford sotto la guida del suo vecchio allenatore delle giovanili Thomas Frank.

Premier League - Brentford-Burnley

Nuovo club: Christian Eriksen e l’allenatore Thomas Frank per il Brentford in Premier League.

Foto: David Klein / Reuters

Il 26 febbraio il centrocampista danese è tornato in campo per il Brentford contro il Newcastle.

Esattamente un mese dopo, ha giocato la sua 110esima partita in nazionale con la Danimarca.

Ora è tornato a Copenaghen come 111.- e capitano ancora più appassionato. Simon Gajer è rimasto ferito. Il vicepresidente Caspar Schmidt è andato persino dall’allenatore della nazionale Caspar Hjல்lmond e ha suggerito a Eriksen di indossare l’armatura del capitano.

Poco prima di martedì 18 avrete il momento di dare a tutti una forma di speranza. Christian Eriksen guida quindi gli 11 prescelti della Danimarca davanti a 38.000 applausi e un pubblico riconoscente.

Non c’è dubbio ora che il numero 10 della Danimarca ai Mondiali in Qatar si chiamerà Ericsson. Con la loro più grande star, i danesi potrebbero pensare alla pazza idea di avere il potenziale per diventare ancora una volta campioni del mondo.

Dopo la caduta di Eriksen, la sua Danimarca ha continuato a giocare agli Europei dell’anno scorso in onore del suo compagno di squadra che è stato curato al Rickshaw Hospital di Copenaghen.

La forza combinata li ha portati in semifinale, dove hanno perso contro l’Inghilterra a Wembley dopo un inning extra.

Ma sorprendentemente il campione d’Europa è l’Italia.

Dolore italiano, il miracolo della Macedonia del nord

Il paese che per molti versi è conosciuto come il paese di calcio più famoso del mondo è il paese in cui Christian Eriksen non è idoneo a giocare a calcio.

Ma questo è anche il Paese che non è andato ai Mondiali del 2022 in Qatar.

Due giorni prima del ritorno della nazionale di Eriksson ad Amsterdam, paradossalmente, le possibilità dell’Italia in Coppa del Mondo sono scomparse sul serio dopo la loro prima apparizione in casa in un turno di qualificazione ai Mondiali.

A gareggiare a Palermo è la Macedonia del Nord, una vera scarpa da calcio.

Quella che è pura magia per i macedoni del nord, è una vera tragedia calcistica per gli italiani.

Sono stati eliminati dagli spareggi di Coppa del Mondo per la seconda volta consecutiva. Da quando ha vinto la Coppa del Mondo nel 2006, l’Italia ha vinto una partita nella finale della Coppa del Mondo contro l’Inghilterra in Brasile nel 2014.

Ora quattro volte campione del mondo trascorrerà i prossimi quattro anni nel dolore del calcio nazionale, legato a un nuovo sogno playoff.

E anche qui al nord c’è quel sogno.

Quando il suo cuore ha smesso di allenarsi nel 2001, Stahl Solbagen stava giocando a calcio a Copenaghen.

Ci sono voluti sette minuti prima che ricominciasse ad attaccare. Secondo Solbakken, questo segna la fine del calcio ai massimi livelli. Invece, è stato l’inizio di una brillante carriera di allenamento, con il prossimo obiettivo della Norvegia che si qualifica di nuovo per un campionato.

Se è così, allora nessuno ha alcun dubbio su quale sarebbe un tale risultato.

Il risultato di una scelta eccezionale. O un miracolo del calcio.

READ  Il DNA di un uomo morto a Bombay 2000 anni fa è ancora mutilato. I ricercatori hanno ora scoperto la sua biografia