Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Frankenstein i viruslaboratoriet

  • Stig S. Freland

    Professore e specialista in malattie infettive

Il dibattito ha scritto che l’idea di Frankenstein ha acquisito un nuovo significato in relazione all’epidemia di COVID-19. La foto mostra un murale a Galway, in Irlanda. Foto: CLODAGH KILCOYNE / X03756

L’origine del coronavirus è ancora un mistero. Ma il dibattito ha evidenziato importanti questioni etiche.

Cronaca
Questa è la data. Le opinioni espresse nel testo sono a carico di chi scrive.

Nel 1818, Mary Shelley pubblicò il romanzo Frankenstein o moderno Prometeo.

Il libro, che potremmo chiamare oggi un romanzo dell’orrore, descrive come l’audace scienziato Victor Frankenstein nel suo laboratorio crea un mostro, con conseguenze disastrose.

Molti interpretano l’azione nel libro come un monito contro una scienza immorale e sconsiderata che fa confusione con la creazione, con conseguenze potenzialmente fatali.

Oggi, l’idea di Frankenstein ha acquisito un nuovo significato in relazione all’epidemia di Covid-19. A più di un anno dalla pandemia, l’origine del coronavirus rimane un mistero. C’è un accordo generale sul fatto che originariamente provenisse dai pipistrelli, ma è possibile che il virus abbia una “stazione intermedia” dove è cambiato in modo da poter attaccare gli esseri umani. Come è successo?

Teorie diverse

Diverse teorie correlate. Molti ricercatori ritengono che la “stazione intermedia” del virus fosse una specie animale in cui il virus del pipistrello ha subito modifiche che hanno reso possibile l’infezione con gli esseri umani con ulteriore infezione. Tuttavia, si sospetta che il famoso mercato umido di Wuhan sia il luogo di origine Ora meno importante.

Un’altra teoria che è stata avanzata all’inizio e che ha ancora seguaci è che il virus “trapelato” da un laboratorio di virus a Wuhan. L’Istituto di virologia di Wuhan (WIV) in particolare è stato sotto i riflettori. Questo laboratorio lavora con il coronavirus e i pipistrelli da diversi anni. È un fatto indiscutibile che la fuoriuscita di microbi pericolosi può avvenire anche da laboratori con i più elevati dispositivi di sicurezza come WIV.

READ  No, non ottieni una bolletta elettrica inferiore collegando una spina magica a una presa elettrica

Esistono tre diversi tipi di “teoria delle perdite”:

  • Il più evidente, e quello che pochi ricercatori condividono, è che il virus è stato manipolato in laboratorio per adattarlo agli esseri umani e quindi rilasciato con intenti dannosi.
  • La seconda alternativa presuppone che il virus sia stato manomesso come parte dello sviluppo di armi biologiche e che sia stato poi fuoriuscito dal laboratorio per sbaglio, ad esempio con un lavoratore di laboratorio infetto.
  • La terza alternativa presume che tale perdita si sia verificata durante la ricerca in corso e legittima.

Supporto da Trump

Fin dall’inizio, le autorità cinesi hanno respinto con veemenza le teorie sulla fuga di virus, anche perché i rappresentanti dell’amministrazione Donald Trump le hanno supportate. Ancora più sorprendentemente, tuttavia, alcuni rappresentanti della comunità di ricerca hanno dimostrato un desiderio piuttosto sfacciato di delegittimare tutte le forme di teoria della dispersione.

La persona principale qui era lo zoologo anglo-americano Peter Daszak, leader dell’Alleanza per la salute ambientale, che ha lavorato per diversi anni a stretto contatto con i virologi della WIV. Questa attività che ha portato, tra le altre cose, a Appello sulla rivista scientifica The Lancet Firmato da 27 ricercatori, gran parte dei media ha dato l’impressione che tutte le varianti della teoria della fuga di notizie fossero cospirative e insostenibili.

Il fatto che l’amministrazione Trump abbia sostenuto tali teorie ha portato a una maggiore opposizione nei media anti-Trump. La stessa posizione ha caratterizzato molti ricercatori che non avevano i propri dati rilevanti. I pochi che avevano dati che mostravano che la teoria della fuga di notizie non poteva essere liquidata facilmente ebbero problemi con essa Per pubblicare i risultati.

READ  Non aiuta ad assorbire più studenti quando meno studenti escono dall'altra parte come insegnanti appena qualificati

Un po ‘di nuovo nella relazione

Nonostante la forte opposizione della Cina, molti paesi occidentali sono finalmente riusciti a fare pressione su una delegazione di esperti nominata dall’Organizzazione mondiale della sanità perché si recasse a Wuhan per cercare di dipingere i retroscena dell’epidemia.

I membri della delegazione devono essere approvati dalla Cina. Il membro notevole Peter Daszak era l’unico membro degli Stati Uniti. La delegazione non è arrivata a Wuhan fino al gennaio 2021. Poche notizie sono arrivate da questa visita. Non a caso, era evidente che le indagini erano alquanto superficiali e venivano condotte sotto la stretta supervisione dei padroni di casa.

La delegazione non ha avuto accesso ai dati di laboratorio e ai protocolli sperimentali e ha basato le sue conclusioni principalmente sulle conversazioni con i suoi ospiti cinesi. tuttavia La delegazione ha concluso la sua relazione Dato che la teoria delle perdite era “estremamente improbabile”, non dovrebbe essere ulteriormente studiata.

La conclusione della delegazione è stata oggetto di aspre critiche da parte dei media e di eminenti rappresentanti della comunità di ricerca. 5 marzo, un certo numero di ricercatori ha firmato Lettera aperta Hanno affermato che la teoria delle perdite non poteva essere esclusa del tutto e hanno chiesto indagini più approfondite rispetto alla delegazione dell’OMS. Anche il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che tutte le teorie devono essere indagate.

Motivo di Frankenstein

Lo sfondo di un’opposizione sorprendentemente feroce alla teoria della fuga di notizie può avere il suo sfondo in una variante molto recente e molto recente del motivo di Frankenstein: il Controverso Acquisizione di un lavoro (GoF) Cerca.

READ  Drammen di espressione culturale - La Chiesa norvegese

Questa è una ricerca di laboratorio in cui virus e batteri vengono manipolati per vedere se possono essere resi più contagiosi e pericolosi per l’uomo.

Lo scopo può essere un legittimo desiderio di saperne di più sul microbo per il possibile sviluppo di vaccini e farmaci, ma anche per lo sviluppo di armi biologiche.

Quando nel 2012 due laboratori hanno riportato i risultati di esperimenti GoF su virus dell’influenza aviaria altamente pericolosi, dopo un intenso dibattito, c’era consenso sul fatto che tale ricerca dovesse essere interrotta per il momento a partire dal 2014 a causa del rischio di perdite di laboratorio. Questa cosiddetta moratoria è stata revocata nel 2017.

A partire dal 2019, le autorità sanitarie statunitensi hanno accantonato milioni di dollari per tali esperimenti. Alcuni di quei soldi sono andati al WIV di Wuhan, dove gli studi GoF sul coronavirus sono in corso da diversi anni In collaborazione con ricercatori americani, Compreso Daszak.

Considerazioni etiche

Questa ricerca rimane controversa tra i ricercatori, ma ha forti sostenitori, non solo Peter Daszak, ma anche Anthony Fauci, che è fondamentale per combattere le epidemie negli Stati Uniti.

Se la teoria di una fuga di virus pandemici da WIV venisse confermata, questo darebbe indubbiamente buoni argomenti a molti oppositori della ricerca GoF. Non potrebbe questo fare molto per spiegare la feroce opposizione alla teoria delle perdite? Da parte della Cina, non c’è dubbio che la dignità nazionale e il prestigio internazionale giocano un ruolo importante.

Potremmo non scoprire mai l’origine di un virus pandemico. In ogni caso, questa discussione ha messo in luce lo scenario Frankenstein nella ricerca, in cui i grandi sviluppi della biologia molecolare hanno creato nuove opportunità che richiedono considerazioni etiche complete.