Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Fridtjof Nansen e Niels Bohr: scienza, diritti umani e diplomazia

Fridtjof Nansen e Niels Bohr: scienza, diritti umani e diplomazia

Cooperazione internazionale

Ricercatore, vincitore del Premio per la Pace, diplomatico. Assolutamente sia in Ucraina che in Russia. “Se Fridtjof Nansen fosse vivo oggi, sarebbe deluso dalla Russia di Putin”, afferma il professor Jacob Lotte.

Il giovane Fridtjof Nansen al Museo di Bergen, predecessore dell'Università di Bergen. Nansen era uno studioso, diplomatico e luminare del suo tempo.

Sono passati 102 anni da quando la Norvegia ha avuto il suo ultimo vincitore del Premio per la Pace. Il ricercatore e diplomatico Fridtjof Nansen ha ricevuto il premio per il lavoro umanitario svolto, soprattutto in Ucraina e Russia, dopo la prima guerra mondiale.

fatti

Fridtjof Nansen (1861-1930)

  • Ha studiato zoologia a Copenaghen
  • Successivamente ottenne un lavoro al Museo di Bergens, conseguendo il dottorato nel 1888 (sul sistema nervoso centrale del bersaglio della melma).
  • Attraversò la Groenlandia con gli sci nel 1888, poi noleggiò la spedizione Fram dal 1893
  • Lavorò per aiutare i rifugiati e i prigionieri di guerra dopo la prima guerra mondiale e nel 1920 divenne il primo Alto Commissario per i rifugiati della Società delle Nazioni.
  • Vinse il Premio Nobel per la Pace nel 1922
  • Ha ricevuto anche dottorati onorari da diverse università e ha ricevuto numerosi premi e medaglie, tra cui la Medaglia St. Olaf

Nansen era adulto nel 1922 e non visse a lungo. Ma nello stesso anno, un ricercatore più giovane, il danese Niels Bohr, ricevette il Premio Nobel per la fisica. Questi due probabilmente si incontrarono solo una volta, durante un incontro di fisici scandinavi nel 1925, ma potrebbero aver avuto più cose in comune di quanto pensassero.

Nel nuovo libro Scienza, diritti umani e diplomazia Si tratta di una raccolta di saggi tratti da un simposio su Nansen e uno su Bohr, entrambi organizzati nel 2022.

“Ispirati da Nansen e Bohr, più che mai abbiamo bisogno di collaborazione sulla qualità e sui contenuti scientifici, anche per continuare il lavoro di far conoscere l’ignoto e comunicare nuove conoscenze attraverso le discipline e i confini nazionali”, hanno scritto gli editori Jacob Loth e Helle Potsdam. .

READ  - Innanzitutto non sono contrario al risveglio

Nansen era molto curioso e aveva una grande energia di ricerca. Sebbene avesse realizzato una quantità incredibile, morì con la sensazione di aver lasciato molto incompiuto. Se Nansen fosse vivo oggi, penso che sarebbe coinvolto nel lavoro per la pace e nella ricerca sul clima, dice Lotte.

Una super celebrità

Lotte è professore di letteratura inglese all'Università di Oslo. Insomma un argomento completamente diverso da quelli di Nansen, ma è attraverso la letteratura che Loth si interessa a Nansen.

Il padre di Jakob Luthi teneva i libri di Nansen nella sua libreria a Nordfjord. È così che il futuro professore si è interessato al ricercatore e al diplomatico.

– Mio padre era un contadino e aveva i libri di Nansen sulla sua libreria. “Ho letto delle sue spedizioni e sono rimasto stupito da tutto ciò che ha realizzato”, afferma Lotte.

Bohr danese contribuì a sviluppare quella che divenne la base teorica per la bomba atomica. Rimase deluso dal modo in cui veniva utilizzata la tecnologia e divenne un sostenitore dei dati aperti, per cercare di evitare una corsa al nucleare.

– Ora stiamo discutendo se si possa essere un ricercatore e un attivista allo stesso tempo. Come si risolvono queste due cose?

– Probabilmente è stata una combinazione difficile, ed era soprattutto ora. Nansen sapeva che avrebbe avuto meno tempo per la ricerca se avesse intrapreso il lavoro umanitario, ma non aveva la coscienza di dire di no quando gli veniva chiesto. È importante rendersi conto di quanto fosse grande ai suoi tempi. Soprattutto dopo il Fram Journey ha acquisito uno status speciale ed è diventato una super celebrità!

Nansen sapeva di poter sfruttare questo status, dice Loth. Nansen era felice di rivolgersi direttamente ai dirigenti senior per fare qualcosa come diplomatico.

Leggi anche:

Punti salienti della ricerca su clima, genere e Medio Oriente: — Non posso essere un attivista e un ricercatore allo stesso tempo

READ  Danso dà credito ai suoi compagni di squadra:

Impegnarsi nella lingua professionale nordica

fatti

Niels Bohr (1885-1962)

  • Ha conseguito il dottorato presso l'Università di Copenaghen e poi si è recato a Cambridge.
  • Nel 1913 sviluppò quello che divenne noto come il modello atomico di Bohr
  • Professore all'Università di Copenaghen dal 1916 e dal 1920 diresse il Dipartimento di Fisica Teorica
  • Ha collaborato con Albert Einstein negli anni '30
  • Fuggendo negli Stati Uniti d'America, attraverso la Svezia, durante la seconda guerra mondiale. Negli Stati Uniti d'America partecipò al Progetto Manhattan, che sviluppò la bomba atomica
  • Vinse il Premio Nobel per la Fisica già nel 1922
  • Durante e dopo la seconda guerra mondiale fu portavoce dello scambio internazionale di risultati di ricerche, tra le altre cose, per prevenire l'uso delle armi nucleari.
  • Ha contribuito a creare il CERN

Ricerca di base, ricerca di base e ricerca ancora di base. Questa era l’opinione generale all’epoca Khronow incontrerà i vincitori del Premio Nobel a Stoccolma nel dicembre 2023. Anche per Nansen e Bohr la ricerca di base era importante. Bohr con le sue teorie che, come ho detto, portarono allo sviluppo della bomba atomica, le misurazioni di Nansen delle correnti oceaniche artiche e anche la sua tesi di dottorato sul sistema nervoso centrale umano.

— Quanto è bravo Nansen come ricercatore?

– Era un ricercatore eccezionalmente bravo e aveva una straordinaria capacità di lavoro, dice Lotte, e dice che Nansen ricevette del denaro da suo padre per poter acquistare il miglior microscopio disponibile all'epoca in cui stava effettuando ricerche sul sistema nervoso centrale all'Università. Museo di Bergen.

— C’è una linea di Nansen rispetto alla ricerca per la quale Moser e Moser hanno ricevuto il Premio Nobel nel 2014.

Oltre al fatto che sia Nansen che Bohr erano scettici riguardo alla separazione tra ricerca di base e applicata, erano anche preoccupati per qualcosa che divenne rilevante anche un centinaio di anni dopo: il linguaggio tecnico.

– Hanno scritto in norvegese o danese oltre all'inglese. Sia Nansen che Bohr si occupavano di comunicare la ricerca nelle lingue nordiche. Credevano che la persona che svolgeva la ricerca avesse il dovere di spiegare alla gente cosa stava facendo, dice Loth.

READ  Gli ospiti del Pride hanno negato l'alloggio. Il profilo TV è ora in fase di revisione
Questa è forse l'unica volta in cui si incontrarono i due premi Nobel: l'anziano Fridtjof Nansen e il giovane Niels Bohr durante la conferenza del 1925.

Questa è forse l'unica volta in cui si incontrarono i due premi Nobel: l'anziano Fridtjof Nansen e il giovane Niels Bohr durante la conferenza del 1925.

Diplomatico scientifico

Nell’ultimo libro, presentato a un evento presso l’Accademia norvegese delle scienze all’inizio di questa settimana, Lothe e Borsdam scrivono che gli sforzi compiuti da Nansen e Bohr come diplomatici scientifici sono “tristemente attuali”.

“La guerra in Europa e le masse di rifugiati e migranti provenienti dalle regioni del mondo vulnerabili dal punto di vista climatico significano che abbiamo bisogno di più persone, come Nansen, pronte ad intraprendere missioni umanitarie di vario tipo. La corsa al nucleare che Bohr cercò di evitare sottolineando la L’importanza dell’apertura rimane un pericolo”. A livello globale per l’umanità. Dalla sua lettera aperta alle Nazioni Unite nel 1950, è diventato più chiaro che la guerra nucleare rappresenta un pericolo reale e che è necessario parlare del “dual use” dell’energia nucleare. scienza e tecnologia anche in relazione ad altre conquiste scientifiche come, ad esempio, l’intelligenza artificiale”, scrivono.

Leggi anche:

Il direttore del Nobel è preoccupato: “La Norvegia cerca il declino nazionale”

Nansen ha fatto uno sforzo enorme in Ucraina, ma ha avuto anche un buon rapporto con la Russia, dove è ancora visto come un eroe. Un capitolo del libro si chiede se sia corretto chiamare “Programma Nansen” i pacchetti di aiuti che l’Ucraina riceve ora dalla Norvegia.

Il contenuto di questi pacchi è in gran parte costituito da aiuti per l'acquisto di armi. Nansen ha svolto attività umanitaria, aiutando i deboli e gli affamati. Era più preoccupato della sofferenza delle persone che di quale parte stessero nel conflitto. Allo stesso tempo ha criticato la Turchia per il genocidio armeno, dice Lotte.

Per Nansen la Russia era il Paese del futuro, dice il professore.

Naturalmente è difficile dire qualcosa su come sarebbe visto il mondo oggi, tra cent’anni.

– Ma penso che sarebbe rimasto deluso da ciò che la Russia vede ora sotto Putin. Era profondamente preoccupato per la protezione della natura e la lotta al cambiamento climatico.