lunedì, Luglio 22, 2024

Gli arabi americani voteranno per Donald Trump per punire Joe Biden

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Il poco conosciuto 66enne dall’altra parte del tavolo fa un’affermazione coraggiosa.

– Dice: ho la chiave per decidere le elezioni americane.

Poi ha tirato fuori un biglietto da visita: “Arabi americani per Trump”.

Regia: Bechara Bahbah. Foto: Thomas Nelson/VG

Sono gli elettori che Trump non avrebbe mai pensato di assicurarsi, ma che ora possono decidere per lui l’intera elezione.

-Siamo un gruppo di elettori che sono i più importanti di tutti Stati oscillanti. Faremo cadere Joe Biden e aiuteremo Trump a salire al potere, afferma il dottor Bishara Bahbah.

Contesto: le elezioni di protesta potrebbero far cadere Joe Biden

Foto: Thomas Nelson

L’americano nato in Palestina non è uno qualunque. Era un consigliere dell’ex leader dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, Yasser Arafat Processo di Oslo.

È palestinese nel profondo, come lo era quando partì nel 1976 per studiare negli Stati Uniti. Nel 1988 divenne cittadino americano.

Dopo una lunga vita accademica, ora entra a pieno titolo nella politica. Con un obiettivo in mente:

– Voglio punire Joe Biden. Non solo è complice del genocidio del mio popolo, ma è anche il peggior criminale di guerra, ritiene il fondatore di un nuovo gruppo di pressione politica.

Ha spiegato che senza le armi americane e il forte sostegno di Biden, la guerra di Israele sarebbe finita molto tempo fa.

Foto: fanicelli/grilotti/ipa-agenc/Pa Photos/NTB

Bahbah si considera apartitico. Ha votato per Barack Obama nel 2008 e nel 2012, ma ha scelto Trump invece di Hillary Clinton nel 2016.

Nel 2020 si è nuovamente opposto a Trump e ha votato per Joe Biden, come la stragrande maggioranza degli arabi americani.

– Quando è stato presidente l’ultima volta, Trump ha detto molte cose che erano molto offensive per tutti gli arabi e i musulmani, dice Bahbah.

READ  - Ci sarà un dibattito sulla proprietà - VG

VIDEO: Ecco perché secondo lui Biden non potrà mai essere tollerato:

Nel suo precedente mandato come presidente degli Stati Uniti, Trump era considerato estremamente ostile nei confronti dei musulmani e degli arabo-americani.

Il motivo principale è stato il “muslim ban”, come lo hanno definito i media americani: un ordine presidenziale firmato da Trump che vieta l’ingresso a persone provenienti da Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen (e inizialmente anche dall’Iraq).

Un esperto americano sugli affari di Gaza: gli Stati Uniti temono l’apertura di un nuovo fronte

Inoltre, Trump è diventato noto per una serie di altre azioni che hanno scatenato la rabbia degli arabi e dei musulmani.

  • Trump ha spostato l’ambasciata americana a Gerusalemme. Pertanto, ha negato che Gerusalemme Est facesse parte della Cisgiordania occupata.
  • Ha riconosciuto che le alture di Golan occupate sono soggette alla sovranità israeliana, anche se appartengono alla Siria secondo il diritto internazionale.
  • Trump è riuscito a convincere gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein a concludere un accordo di pace con Israele, e ha lavorato per raggiungere un controverso accordo di pace a cui la maggior parte dei palestinesi si oppone.

In quei casi, Trump è stato un’enorme delusione per i palestinesi, ma Biden è stato dieci volte peggio.

Bahbah vive in Arizona e voterà in quello stato.

Sebbene sia anche uno Stato in cui Biden ha vinto di poco le ultime elezioni, la lotta ora non è qui.

In Arizona, Trump è in vantaggio con un ampio margine. Gli arabi americani per Trump puntano su uno stato molto diverso: il Michigan.

Nel Michigan vivono circa mezzo milione di persone di origine araba, la stragrande maggioranza delle quali a Dearborn, città situata alla periferia di Detroit.

Nelle precedenti elezioni presidenziali, Biden ha vinto lo stato con poco meno di 154.000 voti, mentre nelle primarie di febbraio più di 130.000 voti hanno votato scheda bianca in segno di protesta contro Biden.

Pertanto il movimento “Abandon Biden”, che chiedeva il voto bianco, ha ricevuto una significativa attenzione a livello nazionale.

READ  Molte persone con COVID-19 sono più giovani ora - Dagsavison

Gli ebrei americani sono divisi sulla guerra: – Disgustoso

Frantoi numerici i Il New York Times Si è concluso che Biden Egli dovrebbe Vincere tre stati cruciali: Pennsylvania, Wisconsin e Michigan in particolare.

Biden è chiaramente dietro Trump nel suo stato d’origine, la Pennsylvania. Il margine più stretto si trova nel Michigan, dove Biden scommette fortemente sulla riduzione del divario.

– Risolveremo tutte le elezioni e ci prenderemo il merito di questa vittoria. Allora Trump ci ascolterà e ci rispetterà, dice Mike Hasham, rappresentante del Michigan per gli araboamericani per Trump.

Siamo andati agli incontri elettorali con Trump dove ha promesso di “stare al fianco di Israele nella sua lotta contro il terrorismo”. Pensi che seguirà una politica diversa da Biden?

– Assolutamente. Trump ha anche detto che potrebbe porre fine alla guerra. Hasham ritiene che Netanyahu rispetti Trump, ma usi Biden come zerbino.

Foto: Thomas Nelson/VG

Non abbiamo due candidati ideali, ma scegliamo tra coloro le cui mani non sono macchiate di sangue, spiega Bahbah.

Il loro movimento ora collabora con “Abandon Biden”, ma incoraggia così ad andare oltre il semplice voto bianco.

-Riteniamo che Trump sia anche una scelta migliore perché è molto migliore per l’economia. Gli arabi sono mercanti. Bahbah spiega che siamo culturalmente conservatori, quindi su molte questioni di valore siamo più vicini ai repubblicani.

Hisham è stato uno dei pochi nella regione araba a votare per Trump anche nel 2016 e nel 2020.

– Ho sempre pensato che fosse la scelta migliore per il Paese e per noi arabi americani. Ma qui c’era una parte della comunità a cui non piaceva il fatto che io votassi per Trump, dice.

– Se gli elettori arabi si siederanno a casa o voteranno zero per protesta, perderemo il nostro diritto di voto. Quindi questa volta dovremmo votare in massa per Trump, dice Bahbah.

Foto: Evan Vucci/AP/NTB

Se il movimento “Arab Americans for Trump” vuole riuscire a convincere la comunità araba del Michigan, deve convincere i leader del movimento “Abandon Biden”.

Pertanto incontrarono il dottor Ali Alaa, che divenne una voce importante in quel movimento.

READ  Opere in fiamme a Napoli

– Questa comunità vota insieme. “In realtà l’ultima volta ero scettico nei confronti di Joe Biden, ma per lealtà verso la comunità nel suo insieme ho votato comunque per lui”, dice.

– Questa volta preferirei votare per Satana in persona piuttosto che votare per Biden. Farò assolutamente di tutto affinché lui perda e venga punito per gli omicidi del mio popolo. “Rispondo all’argomentazione degli ‘arabi americani con Trump’”, dice il medico.

Ha perso suo fratello a Gaza: il fratello del dottor Ali Alaa è stato martirizzato da un soldato israeliano. Adesso sta facendo di tutto perché il presidente Joe Biden perda le elezioni di novembre. Foto: Thomas Nelson/VG

Il dottor Ali Alaa è diventato un volto schietto del movimento e si è recato a Washington per incontrare i politici del Partito Democratico che si oppongono al sostegno americano a Israele.

Il motivo per cui sia diventato una voce così importante è tragico, ma è un esempio di ciò a cui hanno assistito quasi tutti i membri della sua famiglia a Gaza.

Mio fratello Muhammad è stato colpito da un soldato israeliano mentre stava andando a prendere l’acqua per la sua famiglia. Un totale di 127 dei suoi parenti furono uccisi. Solo tre giorni fa mio zio è morto. Ritengo Biden direttamente responsabile di queste morti.

Video: guarda il medico che spiega perché Biden è ritenuto responsabile:

– Cosa pensi dell’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre?

– È un peccato e non sarebbe mai dovuto succedere. Allo stesso tempo, credo che Hamas sia nato come risultato di decenni di oppressione israeliana, che hanno creato persone estremiste che non vedevano altra via d’uscita.

Foto: Thomas Nelson/VG

– Cosa pensi del modo in cui Trump parla della guerra?

-Non mi piace molto quello che dice Trump. Ma c’è una differenza tra le dichiarazioni politiche e ciò che effettivamente fa. Trump non è responsabile del genocidio dei miei parenti.

Dobbiamo votare in base a ciò che è meglio per la nostra gente. Alle prossime elezioni, la cosa migliore da fare è sostenere Trump, o magari un terzo candidato, se qualcuno ne ha l’opportunità. Ma la cosa più importante per noi è che Biden perda.

Doveva essere una giornata di festa. Ma hanno l’amaro in bocca.

More articles

Latest article