venerdì, Luglio 19, 2024

Gli italiani scioperano per la pasta dopo il forte aumento dei prezzi dei prodotti alimentari – E24

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Le famiglie di tutta Europa stanno soffrendo il forte aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. In Italia è stato indetto uno sciopero nazionale della pasta per protesta.

Pubblicato: Pubblicato:

Questo basta agli italiani che scoprono che il prezzo della pasta è aumentato del doppio dell’aumento generale. Un’organizzazione di consumatori ha indetto uno sciopero della pasta della durata di una settimana a partire dal 22 giugno dopo che il governo si è rifiutato di regolamentare i prezzi dei prodotti alimentari.

-L’obiettivo dello sciopero della pasta è vedere se i prezzi scenderanno se boicottiamo i prodotti a base di pasta. Il responsabile dell’Organizzazione Consumatori Asutente, Forio Trozzi, ha dichiarato all’agenzia Associated Press che il prezzo della pasta è del tutto sproporzionato rispetto ai costi di produzione.

Continua a leggere E24+

Non molti sanno chi produce questa carne macinata

Pressione per regolamentare i prezzi dei prodotti alimentari

I prezzi alimentari europei sono aumentati a tassi molto più elevati rispetto a quelli di altre economie avanzate come gli Stati Uniti e il Giappone. Ciò è dovuto all’aumento del costo dell’energia e del lavoro, nonché all’impatto della guerra in Ucraina.

Le catene alimentari e i fornitori sono accusati di trarre profitto dall’aumento dei prezzi, ma gli economisti sottolineano che i profitti in questi settori sono rimasti stabili. Credono che la ragione dell’aumento dei prezzi risieda nell’aumento dei costi di produzione alimentare.

In alcuni paesi europei, le autorità hanno avvertito la pressione dei consumatori in modo così forte da regolamentare i prezzi di alcuni tipi di beni e stipulare accordi con le catene alimentari per ridurre i prezzi. Questo è un evento comune, ma secondo gli economisti potrebbe peggiorare i prezzi a lungo termine.

READ  La prossima settimana tutti gli occhi saranno puntati su Nvidia
L'organizzazione italiana dei consumatori Assoutenti ha indetto uno sciopero nazionale della pasta per ridurre i prezzi.

Prezzi ridotti su diverse centinaia di prodotti alimentari

Le autorità francesi hanno concluso un accordo di tre mesi con le principali catene di supermercati per ridurre i prezzi di diverse centinaia di prodotti. Nel Regno Unito, gli aumenti dei prezzi dei prodotti alimentari sono ai livelli più alti degli ultimi 45 anni. Qui vengono discusse misure simili a quelle adottate in Francia.

L’Ungheria ha il tasso di inflazione alimentare più alto dell’intera Unione Europea. Come nel caso della Croazia, le autorità ungheresi hanno imposto limiti di prezzo su prodotti alimentari come olio da cucina, carne di maiale a buon mercato, farina di frumento e latte.

Le autorità italiane affermano che intensificheranno il monitoraggio dei prezzi in collaborazione con le regioni, ma non fisseranno limiti massimi di prezzo.

La Spagna non ha imposto controlli sui prezzi, ma ha ridotto l’imposta sul valore aggiunto sui beni di prima necessità e ha dimezzato l’imposta sul valore aggiunto sull’olio da cucina e sulla pasta.

I consumatori di tutta Europa vedono un carrello della spesa più piccolo anche se pagano lo stesso importo di prima.

Le file per il cibo si allungano

Queste misure arrivano nello stesso momento in cui i centri di distribuzione alimentare in tutta Europa stanno registrando un forte aumento della domanda.

Lo sviluppo non è in meglio, ma sta peggiorando per la maggior parte delle persone, afferma Helen Barnard del Trussell Trust, un’organizzazione di volontariato responsabile di oltre la metà della distribuzione alimentare in Gran Bretagna.

READ  - Non vi sono indicazioni che i clienti abbiano difficoltà a rimborsare il prestito - E24

Gli economisti ritengono che ci vorranno diversi mesi prima che i prezzi ritornino alla normalità. L’aumento medio annuo dei prezzi alimentari nell’Unione Europea è stato del 17,5% a marzo e del 15% ad aprile.

In confronto, i prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati del 7,7% negli Stati Uniti da aprile 2022 ad aprile 2023. In Giappone l’aumento dei prezzi è stato dell’8,2% e in Canada del 9,1% nello stesso periodo. In Gran Bretagna l’aumento dei prezzi è stato del 19%. Questi numeri aumentano le aspettative che la Banca Centrale Europea alzerà i tassi di interesse per combattere l’inflazione.

I prezzi dei prodotti alimentari in Europa sono aumentati molto più che in altre economie avanzate come Stati Uniti, Canada e Giappone.

Corteggiare gli elettori

Neil Shearing, capo economista di Capital Economics, ritiene che il controllo dei prezzi equivalga a corteggiare gli elettori a cui viene ricordata l’inflazione ogni volta che fanno acquisti.

Ma il controllo dei prezzi dovrebbe essere utilizzato solo quando si verifica un grave fallimento nelle consegne, come durante una guerra. Il controllo dei prezzi può effettivamente peggiorare l’inflazione aumentando la domanda, mentre l’incentivo a produrre più cibo scompare, dice Neil Shearing all’Associated Press.

Gli spettacoli non sono più quelli di una volta

Le famiglie italiane spendono in media quest’anno 915 euro in più per il cibo. Al tasso di cambio odierno, ciò equivale a 10.600 corone norvegesi. Un terzo degli italiani afferma di dover tagliare il proprio budget alimentare. Quasi la metà afferma di fare acquisti nei discount.

Ma neanche gli spettacoli sono così redditizi come una volta.

READ  Astra E - Errore strano: guida in retromarcia

– Prima si potevano avere due pacchi di pasta con un euro. Adesso ricevi tre pacchi per due euro, dice il pensionato Carlo Compellini durante un giro di shopping nel centro di Roma.

More articles

Latest article