Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Hof, non c’è molto da dire – E24

I top manager avvertono di un altro giro di licenziamenti dopo che gli hotel sono precipitati in una nuova esplosione di coronavirus. Ora chiede più sostegno finanziario.

Heart Sock: Morten Thorvaldsen, presidente di Thon Hotels.

Inserito:

Mercoledì di questa settimana è stata scoperta in Norvegia la nuova variante del coronavirus, l’Omicron. Lo stesso giorno, gli sviluppi hanno iniziato a diminuire per gli hotel.

Il calo si è intensificato alla fine della settimana e venerdì il numero di camere vendute è diminuito del 43% rispetto alla settimana precedente, secondo i dati della società di analisi alberghiera Benchmarking Alliance.

Il numero di camere d’albergo vendute è stato di 25.069 venerdì, in calo rispetto alle 43.752 dello stesso giorno della settimana precedente.

Il manager di Thon Hotels Morten Thorvaldsen ha segnalato diverse cancellazioni.

– Hof, non c’è molto da dire. Non possiamo farci molto. L’infezione si sta diffondendo e le persone vengono completamente vaccinate, ha detto Thorvaldsen a E24.

Il peggio di Oslo

Il consulente alberghiero Peter Wiederstrøm presso Wiederstrøm Hotel Consulting vede una diminuzione abbastanza chiara dell’occupazione delle camere d’albergo, soprattutto dal mercoledì sera alla domenica.

– Ci sono differenze nello sviluppo dell’occupazione da una città all’altra. A Oslo, ci si sente subito un po’ peggio del solito nelle grandi città, specialmente questo fine settimana, dice Wiederström.

L’occupazione è il numero di camere vendute rispetto al numero di camere disponibili.

Lo sviluppo è stato negativo in questo momento anche nel 2019, che è un altro “anno normale” per il settore, ma il calo è stato inferiore a quello che vediamo ora, afferma Wiederström.

– Sento che è troppo presto per concludere, ma il recente sviluppo in caso di infezione ha un effetto negativo, penso che non ci siano dubbi.

Nelle ultime 24 ore, in Norvegia sono state registrate 2.964 persone con corona. Si tratta del maggior numero di nuovi contagi registrati sabato dall’inizio della pandemia.

Mercoledì, secondo l’NTB, a Oslo è stato registrato un numero record di 1075 nuovi casi di corona.

Consulente alberghiero Peter Wiederstrøm di Wiederstrøm Hotel Consulting

Wiederstrøm osserva che i dati della Benchmarking Alliance includono hotel in Norvegia con un totale di 61.000 camere, con una netta predominanza di hotel urbani.

– Durante l’autunno di quest’anno, abbiamo notato un aumento significativo del numero di nuovi progetti alberghieri, e questo è molto soddisfacente. Spero davvero che la battuta d’arresto che stiamo affrontando ora nell’occupazione delle camere d’albergo sarà di durata relativamente breve e non smorzerà l’ottimismo che sembra caratterizzare gli investitori ora, afferma Wiederström.

Wiederstrøm ritiene che la situazione sia più incerta per i ristoranti e le conferenze, nonché per gli alloggi associati.

nuove misure

Il governo ha offerto questa settimana Molte misure nazionali e regionali Ritardare la diffusione di una variabile di omicron.

A Oslo, ristoranti e organizzatori erano tenuti a registrare gli ospiti per avvisarli di una possibile infezione. C’era un requisito per il servizio al tavolo per le bevande alcoliche per ristoranti ed eventi con una licenza per servire alcolici, così come un requisito di posti a sedere per ristoranti con una licenza per servire alcolici. È stato presentato anche nella capitale numero di restrizioni per diversi eventi.

Il manager di Thon Hotels Thorvaldsen spera che le autorità risarciranno gli hotel e avverte che l’alternativa è un nuovo ciclo di licenziamenti. Si ritiene che le nuove misure abbiano portato in un modo o nell’altro alla chiusura di hotel e ristoranti.

– Abbiamo meno ospiti. Ce ne sono di meno nei ristoranti e meno alle cene di Natale e ad altre feste. Non abbiamo molto da fare e c’è il rischio di posti vacanti.

– Ecco perché vorrei che potessimo ottenere un risarcimento per gli stipendi, così puoi mantenere le persone al lavoro anche se non ci sono i pieni. Questo è importante. Deve venire il prima possibile, ora che la tempesta si avvicina a Natale, Thorvaldsen.

Le aziende impegnate in attività di alloggio hanno anche ricevuto $ 2,6 miliardi di supporto in contanti durante la pandemia, come mostra una panoramica di E24. Di questo importo, Thon Hotels ha ricevuto centinaia di milioni di corone.

Conseguenze scandalose

Il direttore del marketing e delle comunicazioni di Scandic, Tyne Berkland-Westby, afferma che lo sviluppo e i limiti dell’infezione hanno naturalmente conseguenze sulla sua domanda.

– Ma stiamo facendo del nostro meglio per adattarci alla situazione e speriamo di migliorare presto, scrive in una mail a E24.

Ha inoltre scritto che non poteva entrare nei dettagli sull’occupazione o sulla domanda poiché Scandic è quotata e comunica queste informazioni al mercato su base trimestrale.

Doppio smacco degli hotel Stordalen

Anche Nordic Choice Hotels è stata colpita questa settimana da un virus informatico, che ha interrotto i suoi sistemi di prenotazione, check-in e check-out e le soluzioni di pagamento. La società ha notificato il caso all’Agenzia per la sicurezza nazionale.

Nordic Choice ha dichiarato di aver creato sistemi manuali da utilizzare negli hotel e che tutti gli ospiti dovrebbero aspettarsi un tempo di attesa più lungo del normale.

La società ha dichiarato a E24 che la catena alberghiera, di proprietà del miliardario Peter Stordalen, aveva ancora problemi tecnici sabato. La situazione non è cambiata da quando l’azienda ne ha introdotto uno Aggiornare il giorno prima.

“Come sembra ora, molti hotel dovranno continuare a utilizzare soluzioni manuali durante il fine settimana e tornare al lavoro normale in pochi giorni”, ha scritto la società.

Continua a leggere E24 +

Cinque consigli per affrontare una nuova chiusura

Continua a leggere E24 +

15 passi per risparmiare a fine anno

READ  Stordalen ha un tetto a Kongens vicino a Villa Copenhagen