Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I dipendenti pubblici di tutto il mondo sono uniti nella lotta contro lo sfruttamento del welfare

I dipendenti pubblici di tutto il mondo sono uniti nella lotta contro lo sfruttamento del welfare

I sindacati globali nel settore pubblico lavorano per una serie di obiettivi. Questa settimana si sono riuniti per riconoscerli.

[email protected]

– Non so quante volte mi sono toccato oggi, dice a Frifakbewekels il presidente della NTL Gersti Barzok.

In questi giorni è a Ginevra per incontrare altri organizzatori dei lavoratori del settore pubblico provenienti da tutto il mondo.

La Conferenza Internazionale dei Servizi Pubblici (PSI) si tiene per la 31a volta. Il PSI è un’organizzazione globale di sindacati che organizza i dipendenti pubblici.

Al Congresso si riuniscono 154 paesi e 700 sindacati, che rappresentano più di 30 milioni di lavoratori.

Montagne russe

Qui vengono condivise le esperienze positive e negative del lavoro sindacale in tutto il mondo.

NTL è una delle numerose associazioni norvegesi membri di BSI e Barzok siede nel consiglio di amministrazione dell’organizzazione.

Barzok e altri rappresentanti della NTL descrivono il tutto come una montagna russa di emozioni.

– È in parte incoraggiante e in parte spaventoso sapere quanto potrebbe essere grave.

Il PSI lavora per i diritti dei dipendenti pubblici in tutto il mondo. Dopo le guerre, la crisi climatica, un’epidemia e l’aumento dei prezzi, è facile vedere quanto stiamo realmente bene in Norvegia.

– Qui otteniamo prospettive, osserva Barzok.

Le persone prima del profitto

con titolo “Le persone al di sopra del profitto” I delegati si incontrano per sviluppare un piano d’azione per i prossimi cinque anni.

Ellen Dalen, primo vicepresidente di NTL, afferma che è spaventoso vedere quanto simile sia la lotta contro il profitto nel welfare in molti paesi.

– È la stessa battaglia in Norvegia dove fare il negoziante è pericoloso ed è una lotta per ottenere i servizi sociali di base. Qui lottiamo per il controllo democratico e per garantire che i valori della società appartengano a tutta la società. Trovo che la lotta collettiva sia stimolante e piena di speranza, afferma.

READ  Rubata una gondola del valore di diversi lakh

– È un promemoria molto utile delle forze che affrontiamo.

Il neoeletto presidente di NTL Scott, Eric Dibba, è al Congresso per la prima volta. Avendo sentito parlare di quanto possa essere incerta la situazione in molti paesi, non dà per scontata una vita lavorativa sicura e consolidata in Norvegia.

D’altro canto è ottimista sul fatto che molte nazionalità possano incontrarsi e mettersi d’accordo.

Perdere membri

Sui marciapiedi si sente musica proveniente da diversi angoli del mondo. Costumi colorati illuminano la sala congressi e dal palco si parla svedese, francese, italiano, coreano, inglese, norvegese e altre lingue.

– Le persone del PSI hanno modi completamente diversi di esprimersi, ma parliamo degli stessi temi. Crisi climatica, privatizzazioni, tutela del welfare e buone condizioni di lavoro. Esistono diversi modi per farlo, ma l’obiettivo è lo stesso ed è divertente da guardare, afferma la segretaria del sindacato Kirsten Helen Deage.

La diversità è una questione chiave. I diritti di tutti sono fondamentali. Ma stanno diminuendo.

Negli ultimi anni, il PSI ha registrato un calo dei membri, così come il tasso di diplomati dell’organizzazione in molti paesi. Le persone in tutto il mondo stanno sperimentando un costo della vita elevato e le quote sindacali sono costose.

– E si può solo indovinare quanti paesi hanno esenzioni sindacali, dice Gersti Barzok.

fermate la guerra

L’impegno è chiaro. Gråtkvalt racconta a molti delle pessime condizioni di lavoro e delle battaglie da combattere.

Durante la registrazione della guerra israelo-palestinese, un gruppo di persone protesta.

– Il post mi ha toccato. Ma è importante avere libertà di espressione e non essere interrotti quando si parla, dice Barzok.

READ  Boss mafioso italiano arrestato - NRK Urix - Notizie e documentari dall'estero

Domenica il Congresso ha rilasciato una dichiarazione sulla guerra. Il PSI chiede alla comunità internazionale di fermare la guerra, affrontare la radice del conflitto e garantire che la Palestina abbia uno Stato vitale accanto a un Israele sicuro.