Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Russia afferma che le truppe si sono ritirate dalle regioni limitrofe dell’Ucraina – VG

I veicoli militari russi in Crimea si stanno preparando a partecipare alle esercitazioni, che sono state le più grandi della regione da quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014. Foto: Ministero della Difesa russo tramite AP / NTB

Il ministro della Difesa russo ha detto che le controverse esercitazioni militari in Ucraina, che hanno suscitato timori di un’escalation del conflitto, si concluderanno venerdì.

La Russia ha condotto intense manovre nel Mar Nero, tra gli altri luoghi, e ha inviato diverse navi da guerra e aerei da combattimento nella penisola di Crimea che l’ha annessa.

Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha detto giovedì che lo scopo dell’esercizio è stato raggiunto e che venerdì aveva ordinato ai soldati che hanno contribuito a tornare alle loro basi permanenti.

– Il ministro della Difesa ha detto che i soldati hanno mostrato le loro capacità difensive e hanno deciso di terminare l’addestramento nelle regioni militari meridionali e occidentali.

Il gran numero di forze russe al confine ucraino ha suscitato timori di un’escalation del conflitto nella regione. La situazione di tensione è stata oggetto di severe critiche da parte delle autorità occidentali e della NATO.

Leggi anche

La Russia annuncia una grande esercitazione militare in Crimea

In condizioni pronte

Lo stesso Sjojgu ha assistito a parti dell’esercizio quando ha sorvolato il poligono di tiro Opuk in Crimea giovedì in elicottero.

Ma dopo che le esercitazioni sono state dichiarate concluse, ha incaricato i soldati di stare in allerta per rispondere a quelli che ha descritto come sfortunati sviluppi durante l’esercitazione NATO Defender Europe 2021 in corso.

Il rafforzamento militare della Russia vicino all’Ucraina è arrivato in un momento in cui un numero crescente di violazioni del cessate il fuoco nell’Ucraina orientale ha allarmato l’Occidente, con richieste a Mosca di ritirare le forze russe.

Numero sconosciuto

La Russia non ha detto quanti soldati erano stati trasferiti in Crimea e in parti della Russia sud-occidentale vicino all’Ucraina, e giovedì dalla dichiarazione di Shoigu non era chiaro se tutti questi sarebbero stati ritirati.

Gli Stati Uniti e la NATO hanno affermato che la costruzione del potere russo vicino all’Ucraina è la più grande dal 2014, quando la Russia ha annesso la Crimea e ha mostrato sostegno ai separatisti nell’Ucraina orientale.

Il ministero della Difesa russo afferma che le esercitazioni, che Shoigu ha ora ordinato di completare, includevano più di 60 navi, più di 10.000 soldati, circa 200 aerei ed elicotteri e circa 1.200 veicoli militari.

Respinge le paure

La Russia aveva precedentemente avvertito che parti del Mar Nero potevano essere parzialmente chiuse fino a novembre a causa di esercitazioni militari. Ciò ha portato a proteste dall’Ucraina e dichiarazioni inquietanti da parte dell’Occidente.

La Russia questa settimana ha annunciato restrizioni sui voli sulla Crimea, sostenendo che è conforme al diritto internazionale.

Martedì, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuliba ha avvertito della possibilità di continuare l’accumulo di truppe russe e ha affermato che l’obiettivo è quello di raggiungere una forza totale di 120.000 soldati. Ha invitato i paesi occidentali a intensificare le sanzioni contro la Russia.

Mosca rifiuta le preoccupazioni dell’Ucraina e dell’Occidente. Il Cremlino ha indicato che la Russia è libera di schierare le sue forze ovunque sul suo territorio e che nessuno è minacciato.

L’Ucraina si sta sviluppando

Ma allo stesso tempo, il Cremlino ha messo in guardia l’Ucraina dal tentativo di usare la forza per riprendere il controllo delle aree tenute dai ribelli nell’Ucraina orientale, dove più di 14.000 persone sono state uccise in sette anni di combattimenti.

READ  Regno Unito: - Punito prima della riapertura:

Il Cremlino ha detto che la Russia potrebbe dover intervenire per proteggere i civili nell’Ucraina orientale.

L’aumento del livello di tensione ha anche portato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a firmare mercoledì una legge che consente di chiamare i riservisti per il servizio militare, ma senza annunciare alcuna mobilitazione.

Una dichiarazione dell’ufficio del presidente ha affermato che la nuova legge consentirebbe all’esercito di essere rapidamente dotato di riservisti, il che fornirebbe un aumento significativo delle forze in caso di uno scontro militare.