Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le Olimpiadi di Tokyo: – Interruzioni dei vaccini prima delle Olimpiadi:

A marzo, Geert Ingbrigtsen ha detto a Dagbladet che non era sicuro che i figli dei corridori avrebbero partecipato alle Olimpiadi. Ma si recheranno alle Olimpiadi, a condizione che la Norvegia mandi una squadra e si qualifichino.

Non voglio chiamarlo un inconveniente. Consideriamo a rischio la partecipazione alle Olimpiadi senza vaccinazione, conferma a Dagbladet.

Marit Breivik, responsabile dello sport estivo al Summit Olimpico, conferma che ci sono problemi tra allenatori, atleti e dirigenti per non essere vaccinati.

Pertanto, ci sono disordini tra professionisti e leader per essere infettati dal virus Covid-19 e non essere vaccinati in un’importante fase finale della preparazione, afferma Brevik.

A causa dei disordini legati alla non vaccinazione, il Vertice olimpico vuole dedicare del tempo a proteggere gli atleti in vista delle Olimpiadi di Tokyo a metà luglio.

Turbolenze della squadra: Marit Breivik dice che ci sono disturbi nella squadra legati alla mancata vaccinazione prima delle Olimpiadi Nella foto: NTB
Mostra di più

Gli atleti qui sono quelli che escono e sfidano le loro massime prestazioni in una posizione competitiva, per lottare per medaglie ambiziose. È chiaramente un fattore di stress, dice Brevik delle idee del team di non vaccinarli.

Afferma che i migliori sport sono in una posizione di tutto rispetto, sia in termini di responsabilità sociale sia quando si tratta di seguire regolamenti e linee guida.

Un vaccino sarà utile nei preparativi per le Olimpiadi

Dopodiché, avremmo risolto molte sfide, afferma Olaf Tofte, prima di continuare:

Ma chi alzerebbe la mano per suggerire agli atleti olimpici di uscire di nascosto davanti alla linea dei vaccini? “Non credo che qualcuno oserebbe farlo”, dice.

Un futuro incerto: A Olaf Toft è stato chiesto se avesse già finito le Olimpiadi. Non poteva confermarlo. Il suo collega Porsche ha chiesto se 44 fosse il nuovo 30. Video: NTB / Scanpix
Mostra di più

I vogatori avevano gareggiato a malapena in un anno prima di prendere parte ai Campionati Europei a Vardese, in Italia, questo fine settimana.

I preparativi per le Olimpiadi sono stati difficili sia finanziariamente che mentalmente per i rematori. Ora rischiano di perdere 30 giorni in quarantena a causa delle regole di quarantena norvegesi. Tofte sostiene che la questione se i medici saranno vaccinati spetta alle autorità.

– Ma poi qualcuno deve decidere che questo è il modo in cui lo facciamo. Poi devono alzarsi in piedi in caso di tempesta in arrivo, dice.

– non applicare

Il Giappone è uno dei paesi che vaccinerà i suoi giocatori prima di partecipare alle Olimpiadi.

Il medico capo e professore presso l’Istituto nazionale di sanità pubblica (NIPH) Preben Avitsland, ha scritto a Dagbladet, c’è qualcosa esclusivamente dedicato alla Norvegia.

– Non è più rilevante per l’argomento ora e non è stato discusso. Diamo la priorità con l’obiettivo di prevenire malattie gravi e morte, e gli atleti olimpici appartengono a malapena al gruppo che ha un aumentato rischio di un percorso pericoloso, dice Aavitsland.

Conferma che gli atleti potranno comunque essere vaccinati alla fine di luglio.

Lotta alla nazionale con il contagiato Corona

A marzo, cinque persone della squadra nazionale di wrestling norvegese sono risultate positive al Corona. Questo è accaduto dopo 8 settimane di tour, prima della prima qualificazione olimpica in Ungheria.

Con gli atleti, gli allenatori e lo staff di supporto tutti fermi, rimangono solo tre atleti che possono completare le qualificazioni. Uno di loro era Stig Andre Berg.

Nonostante il fatto che l’ultima possibilità di qualificarsi stia per accadere e che abbia in mente una recente epidemia di infezione, Berg non vuole partecipare alla discussione sulla vaccinazione.

Sempre un disturbo: Stig-André Berge osserva che ci sono sempre disturbi in termini di infezione quando si viaggia, indipendentemente dalla causa.  Foto: NTB.
Sempre in URO: Stig-André Berge osserva che ci sono sempre interruzioni in termini di infezione quando si viaggia, indipendentemente dalla causa. Foto: NTB.
Mostra di più

Certo, vogliamo un vaccino. E conferma che il governo è quello che decide chi riceve il vaccino e quando, e noi dobbiamo stare in fila e aspettare come tutti gli altri.

Dopo gennaio, si è passati a sei diversi raduni all’estero. Berg sottolinea, tuttavia, il disturbo legato al viaggio.

Ho fatto quattro test sul coronavirus in una settimana quando sono tornato a casa dall’Ungheria. Ero terrorizzata perché sentivo un po ‘di muco. Ma è anche normale per una forma più alta. Ma diventi paranoico.

Sicuramente è un casino, dice Berg, che ha detto che la squadra non soffrirà più l’infezione e quindi ha deciso di restare a casa prima delle ultime qualificazioni.

READ  Le aziende tecnologiche sono crollate duramente a Wall Street - E24