Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Lo studio rivela la portata dell’influenza umana sulla vita vegetale nel mondo

La ricerca ha gettato nuova luce sull’impatto dell’uomo sulla biodiversità della Terra. I risultati indicano che il grado di cambiamento nella vita vegetale di un ecosistema aumenta in modo significativo negli anni successivi alla stabilità, con i cambiamenti più drammatici nell’habitat che si sono verificati negli ultimi 1500 anni.

Un team internazionale di ricercatori ha studiato polline fossilizzato 5.000 anni fa, prelevato da sedimenti su 27 isole. Analizzando i fossili, sono stati in grado di comprendere la composizione della vegetazione su ogni isola e come è cambiata dal primo all’ultimo campione di polline.

Lo studio è stato condotto dalla Dott.ssa Sandra Nogi, Professore di Paleontologia presso l’Università di Southampton, Regno Unito, e dal Professore Manuel Steinbauer dell’Università di Bayreuth, Germania, e dell’Università di Bergen, Norvegia. Anche lo studente di dottorato Dr. Alvaro Castilla Beltran era un membro del team di Southampton.

“Le isole forniscono l’ambiente ideale per misurare l’impatto umano, poiché la maggior parte di esse si è stabilizzata negli ultimi 3000 anni, quando il clima era simile alle condizioni odierne”, ha affermato il dott. Nogi. “

Risultati pubblicati in Scienza, Ha mostrato un modello coerente su 24 isole in cui l’arrivo dell’uomo ha accelerato la rigenerazione della vegetazione in media undici volte. I cambiamenti più rapidi si sono verificati nelle isole di recente insediamento, come le Galapagos, che furono abitate per la prima volta nel XVI secolo. Le isole in cui gli esseri umani sono arrivati ​​più di 1.500 anni fa, come le Fiji e la Nuova Caledonia, hanno visto un tasso di cambiamento inferiore.

“Questa differenza di cambiamento può significare che le isole precedentemente abitate erano più resistenti all’arrivo dell’uomo, ma è probabile che l’uso del suolo, la tecnologia e le specie introdotte dai coloni successivi siano stati più trasformativi dei primi coloni”, ha spiegato il dott.

READ  Norberg Scholes & Corsmo | arkitektnytt.no

Le tendenze sono state osservate in una serie di luoghi geografici e climi, con isole come l’Islanda che hanno dato risultati simili a Tenerife e altre isole tropicali e temperate.

Un cambiamento dell’ecosistema potrebbe essere determinato da una serie di fattori naturali come terremoti, eruzioni vulcaniche, condizioni meteorologiche avverse e cambiamenti nel livello del mare; Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che i disturbi indotti dall’uomo superano tutti questi eventi e il cambiamento è spesso irreversibile. Pertanto, avvertono che le strategie di conservazione devono tenere conto dell’impatto a lungo termine degli esseri umani e di come i cambiamenti ambientali attuali siano diversi dai tempi pre-umani.

“Anche se non è realistico aspettarsi che gli ecosistemi tornino alle condizioni pre-insediamento, i nostri risultati possono aiutare a informare il lavoro di ripristino specifico e fornire una maggiore comprensione della risposta dell’isola al cambiamento”, conclude il dott. Nogi.