venerdì, Giugno 21, 2024

L’Ucraina inserisce nella lista nera il gigante del tabacco – SAS entra in dialogo con i tour operator charter – E24

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

La società americana Philip Morris International ottiene il passaporto firmato dalle autorità anti-corruzione ucraine.

Swedish Match, che vende famosi marchi di snooze come General e The Lab, è di proprietà di Philip Morris. La foto è stata scattata presso il negozio Swedish Match a Stoccolma.
pubblicato:

Una nuova società internazionale sta ora ricevendo l’attenzione negativa dell’Ucraina.

E in un recente aggiornamento dei siti web in cui l’Ucraina sta perseguendo le sanzioni imposte a se stessa e alle aziende che ritiene sostengano finanziariamente la Russia, Venerdì troverete il gigante americano del tabacco Philip Morris.

Lo scorso autunno, Philip Morris ha acquisito la Swedish Match, la società dietro famosi marchi di bevande analcoliche come General, G.3 e The Lab.

Philip Morris è anche il produttore delle marche di sigarette Marlboro e Chesterfield, tra molte altre.

È l’Agenzia nazionale anticorruzione ucraina (NACP) che si cela dietro i siti web in cui il nome di Mondelez era elencato, tra gli altri, all’inizio di quest’anno.

SAS annuncia l’azione

Quando Mondelez finì nella lista, SAS decise, tra gli altri, di boicottare i prodotti e i marchi che distribuiva, come la norvegese Freia.

Tunji Sund, direttore stampa di SAS, ha detto a E24 che SAS non vende prodotti Philip Morris sui propri voli o nelle lounge.

Tuttavia, le sigarette Marlboro rientrano nella fascia tax-free, che fa parte dell’offerta di noleggio di alcuni operatori charter per i quali vola SAS.

– Mentre noi, insieme a Mondelez e Bacardi, possiamo intervenire direttamente e rapidamente per apportare queste modifiche al nostro traffico, per i voli charter sarà necessario il dialogo con molti attori – cosa che faremo il più rapidamente possibile, afferma Sund.

“parole vuote”

“Dopo lo scoppio di una guerra su vasta scala, Philip Morris ha annunciato l’intenzione di vendere le sue attività russe e di uscire dal mercato tossico. Ma in seguito è diventato chiaro che si trattava di parole vuote”, hanno scritto le autorità ucraine sull’azienda.

Chiamano Philip Morris “uno dei principali sponsor della guerra in Ucraina”, perché l’azienda americana paga ancora ingenti somme di denaro in tasse alla Russia.

I conti della filiale russa Philip Morris Izhora mostrano che nel 2022 ha aumentato il suo fatturato dell’8%, a 140,3 miliardi di rubli. Secondo l’Ucraina, l’anno scorso la società ha pagato più di 12 miliardi di rubli di tasse.

Ciò equivale a circa 1,36 miliardi di corone norvegesi.

Una serie di domande sono state inviate al Community Focal Point (direttore degli affari esterni) Kristian Tunning Reese presso Philip Morris Norvegia dall’E24. L’azienda non ha risposto alle domande, ma ha confermato in un commento post-pubblicazione che “solidarizza l’Ucraina e il popolo ucraino”.

– Abbiamo fornito aiuti di emergenza alle persone colpite da questa terribile guerra, comprese le nostre donazioni di aiuti umanitari, e l’evacuazione di migliaia di persone dalle aree di conflitto verso luoghi più sicuri. Recentemente abbiamo confermato il nostro impegno nei confronti dell’Ucraina e del popolo ucraino investendo in una nuova fabbrica in Ucraina, scrive TuningRise.

Leggi anche

Il manager ucraino su Mondelez: – I loro profitti in Russia sono le nostre perdite

Contea di Freya

La lista ucraina ha attirato molta attenzione in Scandinavia quando Mondelez, la società madre di Freia, è finita nella lista a maggio.

READ  Avremo mai un vincitore miliardario norvegese?

La quotazione ha portato SAS e una serie di altre società a boicottare i prodotti Mondelez, tra cui Daim e Freia.

Dopo un incontro con il Dipartimento di Stato, Elcube, i norvegesi e Widroy hanno invertito la loro posizione. E le aziende preferiscono avere a che fare con la lista delle sanzioni dell’UE, non con la “lista nera” dell’Ucraina. D’altra parte, SAS e Strawberry insistono nel boicottare.

D’altro canto, le autorità e i politici svedesi hanno fatto grandi sforzi per chiedere un boicottaggio, che ha colpito il produttore di cioccolato Marabou.

A giugno Mondelez aveva annunciato che l’azienda russa si sarebbe separata dal resto dell’azienda entro la fine dell’anno.

Leggi anche

La leggenda dell’aviazione è nella “lista nera” dell’Ucraina

Tabacco sotto i riflettori

Anche un’altra azienda produttrice di tabacco, la Japan Tobacco International (JTI), è ora sulla lista nera dell’Ucraina.

Secondo l’Ucraina, la società avrebbe dovuto ottenere 2 miliardi di dollari dal mercato russo nel 2022.

– Per quanto riguarda la Russia, anche se continuiamo a produrre e distribuire i nostri prodotti, ci sono sfide operative significative, ha scritto in questa occasione il CEO di JT Group, Masamichi Terabatake. Risultato terzo trimestre 2022.

In queste circostanze, JT Group continua a prendere le decisioni necessarie per affrontare la situazione in continua evoluzione, in conformità con le normative vigenti e le sanzioni internazionali.

Japan Tobacco International, con sede in Svizzera, ha registrato vendite in Russia per 7,4 miliardi di dollari nel 2021, di cui 3,6 miliardi di dollari sono tornati al bilancio russo, secondo le autorità ucraine.

“Questo è il prezzo pagato per circa 100 caccia russi che trasportano missili Kinjal, che terrorizzano quasi ogni giorno le città ucraine”. scrive NACP.

More articles

Latest article