Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

notizie, scienza | Non abbiamo mai visto queste parti dell’universo prima

“Oggi portiamo immagini umane rivoluzionarie dell’universo dal James Webb Telescope, immagini che il mondo non ha mai visto prima”, ha affermato Bill Nelson, presidente della NASA.

Le immagini mostrano che il telescopio ci aiuterà a trovare risposte a domande che non sappiamo ancora come porre e domande che ci aiuteranno a capire meglio l’universo e il ruolo dell’umanità in esso, secondo Nelson.

Questo è l’inizio di una nuova era nell’osservazione dell’universo e nella realizzazione di entusiasmanti scoperte scientifiche con Webb, afferma Günther Hasinger, direttore della scienza presso l’Agenzia spaziale europea (Esa).

Lunedì, la NASA ha rilasciato l’immagine a infrarossi più profonda e accurata dell’universo primordiale mai scattata.

Parti dell’immagine catturata dal telescopio mostrano la luce che si è formata subito dopo il Big Bang, avvenuto 13,8 miliardi di anni fa.

Più foto

Martedì, diverse foto sono state trasmesse in diretta classifica alla Nasa.

Uno di questi mostra la nebulosa Carina e gli scienziati si riferiscono a quelle che vediamo come “rocce cosmiche”. La foto mostra le prime fasi della nascita di una stella. Il telescopio può studiare il gas e la polvere che hanno formato le stelle.

Il telescopio ha anche catturato l’immagine di una nuvola di gas attorno a una stella morente nella Nebulosa Meridionale a circa 2.000 anni luce di distanza.

Un’altra immagine mostra i dettagli di WASP-96b, un pianeta caldo e gonfio al di fuori del nostro sistema solare. Ci sono chiari segni di acqua, insieme a prove di nebbia e nuvole che le precedenti immagini del pianeta non erano riuscite a trovare.

Dettagli senza precedenti

Viene presentata anche un’immagine dello Stephan Quintet, un gruppo di cinque galassie nella costellazione del Pegaso. Rivela la composizione dei gas vicino a un buco nero supermassiccio.

READ  Benvenuto in chiesa! La Chiesa Norvegese

Ora gli scienziati possono dare uno sguardo raro – con dettagli senza precedenti – a come le stelle interagiscono tra loro e come il gas viene agitato in queste galassie, scrive Esa in comunicato stampa.

Vita su altri pianeti?

per me NRK La nuova tecnologia aumenta la speranza di trovare vita su altri pianeti, afferma il capo dipartimento Pål Brekke del Norwegian Space Center.

Ora le opportunità sono grandi. Non devi necessariamente trovare una vita intelligente, ma forse è la fotosintesi, una pianta o una specie di animale. Dice che può succedere nella nostra vita.

Brekke descrive il giorno come “un po’ come la vigilia di Natale” per gli interessati.

Possiamo vedere attraverso la nebbia che in precedenza abbiamo faticato a vedere. Ciò significa che possiamo studiare stelle appena nate e sistemi solari di età diverse e può aiutarci a capire il nostro sistema solare, dice.