Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Più spazio per la proprietà comune dei dipendenti

Coloro che sono preoccupati per le crescenti differenze di reddito nella società dovrebbero considerare il fatto che la proprietà comune dei dipendenti sul posto di lavoro contribuisce alla distribuzione, piuttosto che aumentare le differenze. Se la Norvegia è destinata a trasformarsi in un’economia guidata dall’innovazione, è tempo di allentare il sistema fiscale che penalizza il lavoratore nel suo cammino verso la proprietà del capitale, scrivono due avvocati di Bull & Co.

Proprietà condivisa del dipendente Uno strumento importante per le aziende per creare incentivi. La domanda principale è a quale prezzo i dipendenti dovrebbero essere autorizzati a comprare azioni e se c’è spazio per offrire “sconti”, senza considerarlo come reddito salariale per il dipendente. Il Parlamento ha recentemente approvato emendamenti al codice fiscale che forniscono un maggiore vantaggio esentasse quando i dipendenti acquistano azioni, ma il limite di importo è ancora alla pari con BSU. Dobbiamo quindi cercare un’altra base per poter offrire azioni ai dipendenti a prezzo ridotto. Il cosiddetto metodo Kruse Smith è stato discusso in precedenza in Shifter e finalmente discutiamo di un’alternativa potenzialmente migliore a questo, che potrebbe essere adatta a società un po’ più consolidate con una quota di dividendi.

La teoria finanziaria impone Che una piccola quota in una società non quotata è illiquida, e questo giustifica lo “sconto” per danno da illiquidità. Inoltre, la proprietà dei dipendenti può essere limitata con un divieto di vendita e un obbligo di vendita in caso di cessazione del rapporto di lavoro, indicando un’ulteriore perdita di valore.

per certi tipi Società, è accettato nella pratica dell’accertamento fiscale che il valore delle azioni è bloccato nel patrimonio netto imponibile. Questo vale per le tipiche società partner, dove il partecipante deve vendere le proprie azioni con lo stesso meccanismo di prezzo al decollo, il cosiddetto “naked-in / naked-out”.

in un caso Che è stato processato dinanzi al Tax Appeals Board nel 2019 (203/2018), tuttavia, la questione controversa era il programma di comproprietà in una società per azioni ordinaria. I dipendenti potevano acquistare azioni con una quota del valore contabile (riportato come differenza di stipendio fino al “valore del dividendo” calcolato, che si presume essere vicino al valore del patrimonio netto), ma se i dipendenti cessavano il rapporto di lavoro il società aveva la facoltà di riacquistare le azioni allo stesso principio Valutazione. L’Agenzia delle Entrate calcolerà la quota di stipendio in relazione al presunto valore di vendita di mercato. Tuttavia, la maggioranza del tribunale arbitrale è giunta alla conclusione che i dipendenti potevano acquistare le azioni al prezzo di equità, senza che ciò costituisse una detrazione imponibile (la differenza anche eccedente il valore del dividendo).

in un modo nuovo Dichiarazione anticipata vincolante (BFU 10/2020), la Direzione delle imposte ha affermato che non esiste un principio generale che il valore delle vendite nei casi “naked-in/nak-out” corrisponda al valore delle azioni. Allo stesso tempo, l’amministrazione fiscale comprende che il valore del fatturato del titolo sarà influenzato dai limiti del volume di affari e che il valore di qualsiasi vantaggio sotto forma di un prezzo inferiore in relazione ad esso dipenderà sulla “valutazione specifica” del singolo contratto. In questo contesto, riteniamo che la valutazione specifica debba consistere in criteri di valutazione finanziaria.

Con questo intendiamo Che i casi di cui sopra illustrano la possibilità di creare un programma di comproprietà per i dipendenti, che si basa su principi di valutazione diversi dal presunto valore di mercato delle azioni.

Prerequisito per questo è che i dipendenti devono rivendere le azioni alla società in caso di dimissioni, e successivamente lo stesso principio di valutazione. Il dipendente non dovrebbe avere il diritto alla vendita congiunta se i maggiori azionisti vendono le proprie azioni al prezzo di mercato e devono accettare la possibilità che il programma continui come programma di incentivazione per i dipendenti, anche dopo un cambio di proprietà nell’azienda. Le azioni potranno anche essere prive del diritto di voto perché non avranno comunque una dimensione di controllo. In tal caso, deve sussistere il motivo per sostenere che il dipendente non percepisce alcun beneficio imponibile, anche se viene offerto un significativo “sconto” rispetto al prezzo di mercato delle azioni.

Quindi si tratta di Un insieme di base di argomenti di valutazione. Quindi la legge non fornisce una risposta definitiva, ma la struttura dell’accordo fornisce una base per gli argomenti di valutazione.

si può obiettare Il diritto alla distribuzione di dividendi connesso all’azione costituisce un valore corrispondente al valore di mercato. Qui, però, va tenuto presente che il dipendente è obbligato a vendere la quota alla fine del rapporto di lavoro, e che il periodo di reddito atteso del dipendente è breve, forse mediamente più breve di quello dei soci nelle società partecipanti .

Può andare avanti Si contesta che la probabilità che i dipendenti avranno la possibilità di vendere azioni al prezzo di mercato in caso di vendita totale “exit” dovrebbe essere valutata, anche se non hanno un diritto contrattuale alla vendita congiunta. Tuttavia, questo argomento può essere soddisfatto includendo una discriminazione di prezzo concordata in tal caso: i dipendenti devono accettare il corrispettivo del programma delle loro azioni, anche in caso di uscita. Questo può essere fatto, ad esempio, da una società che ha un’opzione di riacquisto delle azioni del programma gestite attraverso la vendita totale della società.

Ammettilo, però Che lo schema, con una tale correlazione, ad esempio anche il valore dell’equità in vendita, diventi meno attraente per i dipendenti se parte del motivo è vendere le azioni con un profitto in futuro. Un’alternativa può essere che il dipendente, per godere del prezzo di mercato all’uscita, abbia il diritto di acquistare azioni del programma. Questo diritto di per sé aggiungerà valore alle azioni, ma se il prezzo di acquisto con un buon margine supera il valore di mercato al momento dell’assegnazione, deve esserci una base ragionevole per affermare che il valore attuale è insignificante. Questo potrebbe essere uno schema correlato al cosiddetto metodo Kruse Smith, ma è privo di alcuni dei suoi punti deboli.

READ  Marie Lundy Comment: La peggiore vacanza del mondo