Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Più spazio per la tristezza – espressione

Il dolore è naturale perché la perdita è inevitabile. Tuttavia, può essere difficile affrontare il proprio dolore e quello degli altri in modo positivo. Come pastore da venticinque anni, ho camminato con molte persone nel loro dolore. Ora è la mia tristezza.

Il 4 giugno ho perso la mia amata di quasi 35 anni, un anno dopo a causa del cancro.

Ho scelto di condividere qualcosa apertamente su Facebook, quindi sono stato incoraggiato a scrivere una dichiarazione qui. Lo faccio – con la speranza di contribuire alla conversazione su come possiamo diventare migliori di fronte al nostro dolore e al dolore degli altri.

Penso che si tratti, tra le altre cose, di prendersi cura dell’amore. Sul darsi più spazio per addolorarsi. E sull’avere fede – una visione della vita che sopporta di fronte alla vita e alla morte.

prenditi cura dell’amore

Lars Christian e io abbiamo avuto un anno in cui sapevamo che la morte sarebbe arrivata presto, ma non sapevamo se fossero passati mesi o anni. Era molto difficile. A differenza delle morti improvvise e inaspettate, abbiamo avuto l’opportunità di prepararci e salutarci.

È stato un anno in cui allo stesso tempo volevamo prestare attenzione ad ogni minuto che ci incontravamo, contando alla rovescia e andando oltre ciò che ci aspettava. Ama e perde allo stesso tempo.

Ha documentato suo figlio Noah Gilfer, 19 anni, l’anno scorso con Lars Christian. Qui mamma e papà ballano per l’ultima volta sulle note di Leonard Cohen. L’immagine proviene dalla galleria fotografica “Ta Tiden” a Høvikodden.

Foto: Noah Gilfer

Avevamo 20 e 21 anni quando ci siamo conosciuti. Ha proposto al terzo appuntamento, quindi la strada è stata impostata mentre andavamo insieme. Eravamo diversi in termini di convinzioni e maggior parte degli interessi. Dieci proiettili possono surriscaldarsi più volte e non abbiamo sempre avuto molto di cui parlare. Ma alla fine abbiamo imparato molto.

Fate attenzione, ragazzi. Non aspettare la persona giusta, ma rendi la persona che incontri o con cui vivi già, la persona giusta. se è possibile. Questo non è sempre il caso.

Ci adoriamo a vicenda. Scegli le loro partite. Crea ricordi. chiamate. Prenditi cura di chi ti circonda che non ha molto.

L’erba non è più verde dall’altra parte, è più verde dove viene annaffiata.

Una stanza più grande in cui piangere

Sabato, il giorno dopo la morte della mia amata, sono sceso e ho fatto il bagno a Tjuvholmen per alcune ore mentre i bambini erano fuori. Mi sono seduto in mezzo a una folla di giovani ventenni apparentemente felici, e ho sentito un’improvvisa gioia per il sole e il mare. Ma mi chiedevo cosa penserebbe la gente se qualcuno leggesse il mio stato su Facebook, sapesse che Lars Christian era morto e mi riconoscesse.

Pensano che non mi sia piaciuto molto o ho scacciato la tristezza? Se lo senti, come un professionista in lutto, che dire di tutti gli altri in lutto? Le tradizioni sul dolore sono forti.

La mia esperienza è che molte persone visualizzano il dolore in modo quasi lineare. Che sei rotto dal primo giorno – poi c’è il 100% delle volte. Poi piange sempre meno e finisce dopo tre mesi. Perché poi la vita deve andare avanti.

La ricerca e l’esperienza dipingono un quadro diverso. I dolori sono diversi e noi soffriamo in modo diverso. La tristezza va e viene – in parte prevista, in parte inaspettata – per settimane, mesi e anni. Ci vuole un duro lavoro e lo prendiamo in piccole porzioni se possiamo, finché non possiamo portarlo in giro.

Abbiamo bisogno che le persone intorno a noi non ci lascino soli o ci chiedano di addolorarci per il libro. Abbiamo bisogno che gli altri siano reattivi e invadenti, mostrino attenzione pratica e ci diano spazio per addolorarci quando ne abbiamo bisogno. Magari vai a nuotare a Tjuvholmen.

Il lavoro triste è impegnativo, ma potrebbe essere meno urgente se abbiamo il coraggio e ci aiutiamo a soffrire in modi che ci avvantaggiano. Ascoltiamo, chiediamo e diamo a noi stessi e agli altri più spazio per addolorarci. Significa anche rendersi conto che il dolore può essere complesso.

È indescrivibilmente doloroso perdere una persona cara; Perde il suo migliore amico e compagno di vita. Allo stesso tempo, sono fortunato ad aver sperimentato un tale amore, e quello che potrei chiamare dolore puro e senza complicazioni. Molti dolori sono più complessi e solitari. Per alcuni, la tristezza porta sollievo, rabbia, vergogna e solitudine.

E il dolore in una relazione morta, o dopo una rottura, i fiori non vengono inviati. Ma fa male. Ricordati che.

la fede tiene

Durante tutto quest’anno, ho sentito ancora una volta l’importanza di avere una fede che resista alla vita così com’è e che può fornire sicurezza, speranza e prospettive di fronte alla morte e al dolore. Mi sono sentito così bene in mezzo a tutto l’incredibile dolore, e lo faccio ora.

Credo che l’amore di Dio sia più forte della morte e metto la mia amata nelle mani di Dio. Non credo che ci sia un significato a tutto, nemmeno con questo. Tuttavia, sento ancora che la vita significa abbastanza, in mezzo a tutto questo.

Ho potuto riposarmi nella preghiera di Svein Ellingsen che ho avuto con me dalla morte di mia sorella quando avevo 16 anni:

Anche se non rispondiamo perché i nostri cuori tremano costantemente, preghiamo: Signore, donaci la fede. Credi in te che combatti con noi, pieno di amore in combattimento ravvicinato contro la forza malvagia del mondo.

Immagine introduttiva Sunniva Gylver
Foto: Noah Gilfer

READ  Leader: Oscurità nelle stanze chiuse