Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Prendersi cura dei vulnerabili nella società – VG

Il bambino come Dio: – La nostra celebrazione del Natale è un segno che tutti noi, che lo pensiamo o no, viviamo in questa storia di come Dio è diventato un bambino, ha scritto Joel Halldorf.

Il bambino nella mangiatoia ha messo tutto sulla sua testa: Dio si è determinato dalla debolezza, non dalla forza.

Inserito:

Questa è storia. Il verbale esprime la posizione dello scrittore. Puoi inviare articoli e post a VG qui.

Joel Halldorf, Professore di Storia della Chiesa presso l’Università Enskilda di Stoccolma e collaboratore presso lo Skaperkraft Research Center

Le rivoluzioni, contrariamente a quanto potrebbero ammettere alcuni romantici, sono molto insolite. Certo, a volte ci sono sconvolgimenti drammatici, ma la maggior parte delle volte sono solo alcuni colpi che soffiano un po’ di polvere. Presto si calma di nuovo, poi tutto diventa normale.

Ma c’è almeno un’eccezione. La nascita di Gesù è stata l’inizio di una rivoluzione che stiamo ancora vivendo all’indomani.

Conosciamo tutti la storia e, onestamente, alcuni di noi ne sono un po’ stanchi. Tuttavia, molti lo leggono ancora oggi. La storia di come il creatore del mondo è diventato un bambino saltellante tra il porridge e i regali di Natale. Perché il Natale abbia un sapore di cultura, non solo di commercio!

Ma il fatto che il testo sia diventato così familiare che non lo consideriamo più strano fa parte della rivoluzione. Coloro che per primi hanno ascoltato la storia che chiamiamo il Vangelo di Natale hanno pensato che fosse una storia molto strana. Per capirlo bisogna risalire al tempo in cui nacque Gesù: l’Impero Romano.

READ  Dibattito, diventa verde | Non c'è spazio per una pianta di alluminio nella rosa verde

Se c’è una cosa che non sembra naturale a un essere umano, è l’idea della dignità umana universale. Nemmeno a quel tempo esisteva una simile esibizione. L’Impero Romano era una società di classe estrema, in cui il valore di ogni individuo era determinato da dove l’individuo si trovava sulla scala sociale. Gli imperatori erano quasi come degli dei. Schiavi, bambini, disabili e in una certa misura le donne erano ben lungi dall’essere considerati umani.

I bambini non sono diventati umani alla nascita, ma solo dopo essere stati accettati dai genitori. I neonati morivano spesso. È stato un periodo difficile. Un tempo in cui il miglior intrattenimento del fine settimana era vedere gli schiavi uccidersi a vicenda nei giochi di wrestling.

Era un tempo dei forti, che si riflette nelle leggende. Gli dei erano volubili e la loro gente stava giocando. Hanno punito o benedetto, come desiderato. Tuttavia, gli eroi potevano guadagnarsi il loro favore: i forti erano spesso visti come discendenti degli dei stessi.

In un mondo del genere, la storia di Dio stesso che diventava un bambino povero e senza protezione era orribile. Anche la crocifissione come semplice schiavo era troppo per i pensatori dell’antichità. Il filosofo Celso scrisse che il vero dio non fu mai torturato e che almeno si sarebbe vendicato dei suoi assassini.

Allo stesso tempo, i filosofi non potevano fare a meno di essere colpiti dalla chiesa che crebbe sulle orme di Gesù. C’era qualcosa di nuovo: prendersi cura dei vulnerabili nella società. Nelle chiese c’era cibo e vestiti per i bisognosi. Questo è stato il primo sistema di assistenza sociale nella storia dell’Occidente. Sulla scia della Chiesa, sono emerse nuove istituzioni, prima nell’Impero Romano e poi in tutta Europa: ospedali e assistenza ai poveri.

READ  Italo parigino vince il Nobel per la Fisica a Roma

Tutto questo è stato il risultato di un risveglio spirituale. Gesù chiamò i suoi seguaci a prendersi cura degli affamati, dei senza tetto, dei malati e dei carcerati, perché, come disse, “Quello che hai fatto a uno di questi piccoli, l’hai fatto a me”.

Gesù ha capovolto tutto: Dio si è definito per debolezza, non per forza. Certo, accadde che gli imperatori facessero doni ai poveri. Ma fare doni per affermare la propria posizione è altro che farlo perché i poveri sono particolarmente attaccati a Dio.

L’impero è cambiato. Nonostante la persecuzione, la chiesa crebbe e anche l’imperatore divenne cristiano. L’ideale della Chiesa diventa ora la legge morale di un’intera cultura. Certo, qualcosa è stato allentato, ma i giochi di wrestling sono stati banditi presto, così come il rilascio dei bambini. al viso disprezzato. Sono considerati come persone, come esseri umani. In questa nuova cultura, la dignità umana non dipende da alcuna situazione terrena, ma dal fatto di essere creata a immagine del Dio eterno.

Dimentica cattedrali, icone dorate scintillanti e università. Il principale contributo culturale del cristianesimo è l’idea della dignità umana.

Tuttavia, i nuovi atei di oggi vedono il cristianesimo come un ostacolo a un mondo di pace e giustizia. È ingenuo e privo di storia. Nietzsche, il più grande critico della religione del XIX secolo, aveva almeno un buon gusto nel disprezzo del cristianesimo per quello che era: una religione che metteva al centro l’amore dei deboli.

Nel cristianesimo, l’idea della dignità umana si basa sull’idea che ogni essere umano è l’immagine di Dio. Come formuleresti qualcosa di simile dal punto di vista fisico? Dubito che ciò sia possibile, ma Yuval Noah Harari, lui stesso ateo e autore di “Sapiens”, uno dei libri più famosi degli ultimi anni: “Senza anime eterne e un Dio creatore, sarebbe molto difficile per i liberali spiegare cosa è così meraviglioso per gli individui sani di mente”.

READ  Mobilitarsi contro gli stati totalitari di oggi, gli ideologi neoliberisti e oligarchici

Oggi, continua Harari, c’è un divario tra i risultati della scienza dei materiali ei principi etici dell’umanità sulla dignità umana ei diritti umani. Non puoi rilevarlo correttamente con i microscopi in un laboratorio. Questo è un divario che non possiamo ignorare a lungo, conclude.

Le storie sono questioni potenti. Sono passati più di mille anni da quando questa strana storia della nascita di Gesù ha cominciato a diffondersi qui nel nord. La nostra celebrazione del Natale è un segno che tutti noi, che lo pensiamo o no, viviamo in questa storia di come Dio è diventato un bambino.

Allo stesso tempo, la frequenza in chiesa sta diminuendo e molti credono che sia tempo di rompere con il cristianesimo. Ma se abbandoniamo la fede in Dio, cosa succede alla nostra visione dell’uomo e della sua dignità?