Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Pro di Serie-A appena sfornato :- – È arrivato come una bomba

– Era enorme. Qualcosa che non ho mai visto prima, e penso ancora che festeggino in questa città. È stato un ricordo per tutta la vita, sono totalmente “pazzi” qui, ha detto Kristoffersen Dagbladet ai fan.

Julian Kristofferson (24 anni) è arrivato nel sud Italia e nella Salernitana nel febbraio di quest’anno. Il club in quel momento giocava in seconda divisione. E ora il norvegese apparirà nella massima serie italiana.

Dopo aver battuto il Pescara 3-0 nell’ultimo turno della serie, la promozione dalla seconda divisione è stata una realtà per Christophersen e la squadra della città di Salerno sud di Napoli. Lo stesso norvegese si è seduto in panchina per tutta la partita.

Percorso di carriera non convenzionale

L’attaccante alto ha avuto un percorso piuttosto anticonvenzionale verso il miglior calcio internazionale. Kristofferson è andato all’FC Copenhagen già quando aveva 16 anni e da allora ha visitato club come Hobro, Djurgården e, più recentemente, i Geunnam Dragons della Corea del Sud.

Dalla Corea del Sud la strada proseguiva verso la Salernitana. Lì ha un contratto fino all’estate del 2024.

Esperto di serie A e commentatore di Strive, anche Brastad, è rimasto sorpreso quando ha saputo del trasferimento.

È arrivata come una bomba quest’inverno, ma potente con un cannone. Brastad ha detto al Dagbladet che non ha fatto quella scelta alla cieca, sapeva che era un club in cui il potenziale rialzo è molto significativo.

Per lo stesso Kristofferson non c’erano dubbi che la Salernitana fosse la scelta giusta.

– Quando mi hanno voluto, e ho visto quanto fosse importante il calcio per la città, non ci sono stati dubbi. Poi è sempre stato il mio sogno suonare in Italia, sin da giovane. Quindi non c’era molto a cui pensare quando sono scesi in campo, dice il 24enne.

READ  Fare offerte allo sceriffo Senian per la seconda volta - VG

– Ci vuole tempo per entrare in calore

La promozione fa di Kristofferson uno dei tanti norvegesi della prossima stagione di Serie A. Brastad, giocato sull’onda norvegese con giocatori del campionato italiano.

Ovviamente è molto interessante avere più norvegesi che non sono solo in Serie A, ma giocano anche molto. Con così tanti giovani norvegesi in campionato, dice l’esperto, è molto divertente da seguire.

Italia: Morten Thorsby sta attirando l’attenzione della Prima Divisione. Video: Leosland / STRIFF
Mostra di più

Brastad sottolinea anche che l’Italia e la Serie A sono un paese e un campionato che potrebbe richiedere tempo per arrivare.

– Sono molto conservatori riguardo alla lingua in Italia e sono preoccupati che i giocatori imparino la lingua. Spiega che Balad e League sono conosciuti in molti modi per il fatto che può volerci un po’ di tempo per raggiungere il caldo.

Julian Kristofferson è in Italia solo da quattro mesi e dice che è un vantaggio conoscere bene la lingua.

– E’ un po’ diverso. Sono pochissimi quelli che parlano inglese, quindi ora ho lavorato 3-4 mesi con un insegnante, quindi posso capirmi. All’inizio è stato un po’ complicato, ma ora sta diventando sempre più facile.

Stagione entusiasmante in arrivo

Kristofferson non gioca in Prima Divisione dal 1998/1999. Lui stesso ha spiegato nel suo intervento quali sono gli obiettivi della prossima stagione.

Personalmente, si tratta di farlo al meglio ora all’inizio della stagione e di cercare di giocare il più possibile. Per la squadra e come recente promozione, è almeno essere in grado di sopravvivere”, afferma Kristofferson.

Il norvegese ha vinto un totale di sei partite con la nazionale italiana la scorsa stagione.

READ  m | Ucraina con un meraviglioso recupero. Poi Dumfries è diventato il grande eroe

Non nasconde il fatto che sarebbe bellissimo giocare in uno dei più grandi stadi del calcio del mondo.

È questo che sogni quando inizi a giocare a calcio? Un giocatore come Zlatan, che lo ha sempre ammirato. Guardalo molto in TV e ora devi improvvisamente giocarci contro. L’attaccante alto dice che sarebbe molto figo e grande per me.

Anche Brastad crede che la finestra di trasferimento estiva sarà cruciale per la permanenza di Kristofferson e dei suoi compagni di squadra.

La stagione di quest’anno ha dimostrato ancora una volta che in estate bisogna fare le scelte giuste. Quindi, per le squadre di questo livello, è semplicemente una questione di colpire il mercato di transizione e gli accordi di prestito, che sono sempre importanti per le squadre neopromosse, dice.