Rebecca (21) ha aperto la porta. Fuori c'erano i suoi ammiratori più pericolosi

0
2
Rebecca (21) ha aperto la porta.  Fuori c'erano i suoi ammiratori più pericolosi

Desiderio omicida

Rebecca (21) ha aperto la porta. Fuori c'era il suo ammiratore più grande e pericoloso

Il giovane era ossessionato dall'attrice Rebecca Schiffer. Quando recitava in una scena audace, doveva essere punita.

La promettente attrice Rebecca Schiffer (21 anni) ha aperto la porta della sua casa di Hollywood quando ha suonato il campanello. Si aspettava che la sceneggiatura del film le arrivasse a casa, ma il ragazzo che stava fuori in quella torrida mattina di luglio non era un messaggero della compagnia cinematografica.

Ha fatto il viaggio a Hollywood a seguito di quello che considerava un “enorme tradimento”. Portava nella borsa qualcosa di completamente diverso dalla sceneggiatura del film.

Stella della salute di base

Rebecca Schiffer è nata a Portland, Oregon, nel novembre del 1967. All'età di sedici anni, figlia unica, Rebecca si trasferisce a New York per tentare la fortuna come modella e attrice.

La sua carriera di modella non decolla mai, ma dopo un ruolo minore in una serie televisiva nel 1984, ottiene un grande successo come attrice due anni dopo.

Con la diciannovenne Rebecca nel ruolo principale, la serie TV “My Sister Sam” divenne un successo immediato nel 1986. La sana e simpatica Rebecca, che, tra le altre cose, divenne portavoce di un'organizzazione che aiuta i giovani svantaggiati, guadagnato molti fan. Uno di loro era un adolescente cresciuto lui stesso in circostanze difficili.

Ma la cotta dell'adolescente per Rebecca si è gradualmente sviluppata in una direzione fatale.

Vendetta divisa: Con una pistola appena acquistata e l'indirizzo di un investigatore privato, Robert John Bardot si reca a casa della sua star televisiva per vendicarsi di aver recitato in un film.
immagine: Immagini Getty

È caduto fuori

Tre anni più giovane, Robert John Pardue è cresciuto a Tucson, in Arizona, il più giovane di un gruppo di sette fratelli. La crescita è stata turbolenta. Robert John Pardo avrebbe subito abusi da parte di uno dei suoi fratelli e sarebbe finito in affidamento. Ha lottato mentalmente durante la sua adolescenza e per un certo periodo è stato ricoverato in un reparto psichiatrico per i suoi problemi.

READ  Kanye West: - Un appuntamento con una nuova fiamma:

Robert John Pardo lasciò la scuola dopo la prima media. Alla fine trovò lavoro in un fast food. Ma a quanto pare non riusciva a rimettere in ordine la sua vita o il suo umore: i vicini dovettero chiamare la polizia in diverse occasioni a causa di disordini domestici e di quello che consideravano un comportamento minaccioso da parte di Robert John Pardoe.

Ma una cosa manteneva calmo Robert John Bardo; Serie TV “Mia sorella Sam”. Come molti altri giovani della sua età, era immerso nella serie e Rebecca Schaeffer lo ha affascinato. Era così affascinato che si sedette e scrisse una lettera da fan a Rebecca.

“Questa è una delle lettere più belle che abbia mai ricevuto”, rispose Rebecca.

Non aveva idea che l'adolescente con cui stava uscendo stava sviluppando un'attrazione patologica nei suoi confronti.

Rischi seducenti: Il ruolo nel film “Lotta di classe a Beverly Hills” è stato per l'attrice Rebecca Schiffer (in un abito nero in primo piano nella foto) molto più audace che nella serie giovanile “My Sister Sam”. Le costerà la vita.
immagine: NTB

Scena di sesso omicida

Robert John Pardoe fece rapidamente il passo dall'ammirazione alla persecuzione.

Il giovane ha viaggiato dalla sua città natale, Tucson, a Los Angeles e alla Warner Bros. Studio di Hollywood dove è stata registrata la canzone “My Sister Sam”. Con un mazzo di fiori in mano, Robert John Bardot ha cercato di avere udienza con la sua grande idolo Rebecca. Ma le guardie di sicurezza lo hanno tenuto lontano.

Pardo non si è arreso. Durante un altro tentativo di incontrare Rebecca, le guardie gli hanno chiesto di smettere di cercare la star televisiva. Ma a parte una certa espulsione accompagnata da un rimprovero, l'incidente non ha avuto ripercussioni.

Il personale di sicurezza non considerava Robert John Pardoe particolarmente pericoloso. Si è rivelato un errore enorme.

READ  È successo la scorsa notte

La serie “My Sister Sam” è stata interrotta dopo sole due stagioni. Ma l'entusiasmo di Robert John Bardot per l'attore protagonista non è diminuito.

Nel 1989, un anno dopo la trasmissione dell'episodio finale di Mia sorella Sam, Rebecca ottenne un ruolo nel film Scene dalla lotta di classe a Beverly Hills. Lì ha partecipato per la prima volta ad una scena di sesso.

Uno di quelli che hanno visto il film è stato Robert John Pardue. Quando Rebecca partecipò alla scena di sesso, l'ammirazione e l'entusiasmo di lui per lei si trasformarono gradualmente in odio. In una lettera a sua sorella, Robert John Bardoe scrisse che Rebecca aveva “perso la sua innocenza” ed era diventata “un'altra puttana di Hollywood”.

chiese in avanti

Determinato a trovare Rebecca per “punirla” per aver registrato la scena di sesso, Robert John Pardue ha assunto Rebecca come investigatore privato per trovare l'indirizzo di casa dell'attrice. Con la pistola appena acquistata nel bagagliaio, Pardo si è poi recato nel quartiere di Rebecca a Hollywood.

Armato di una foto di Rebecca, ha chiesto ai vicini se fosse venuto nella direzione giusta. Alle 10 del mattino del 18 luglio 1989 chiamò Rebecca.

“Volevo vederla e parlarle prima per vedere come reagiva”, spiegò in seguito Robert John Pardo.

– Non potevo crederci quando la porta si è aperta e Rebecca era già lì.

Il primo incontro è stato di tipo armonioso. Robert John Pardoe ha spiegato che Rebecca gli ha sorriso dolcemente, gli ha preso la mano e gli ha detto di “prendersi cura di sé” prima di chiudere la porta.

Visita a casa: Rebecca Schaeffer ha aperto la porta quando un fan ha suonato il campanello, pensando che avrebbe ricevuto il manoscritto de “Il Padrino III”.
immagine: Allison J./TripAdvisor

Spara all'idolo

Robert John Pardo ha poi fatto colazione in un bar vicino. Dopo un po' di avanti e indietro, decise di cercare di nuovo Rebecca. Un'ora dopo la prima visita, ritornò nel suo appartamento. Rebecca, che stava aspettando che le venisse spedita la sceneggiatura de Il Padrino III, aprì di nuovo la porta.

READ  Frank Locke apre il suo discorso: - Oggi mi sento più coscienzioso che mai

Questa sarebbe stata l'ultima cosa che avrei fatto.

“Questa volta la sua espressione era fredda e ha detto che avrei dovuto smetterla di farle perdere tempo”, come spiegò in seguito Robert John Pardo.

– Credeva che un fan non dovesse essere accolto in modo così vile e sprezzante.

Robert John Pardo ha spiegato di aver detto a Rebecca che “si era dimenticato di darle qualcosa”.

Quindi tirò fuori un revolver .357 Magnum, puntò l'arma contro la cassa toracica di Rebecca e sparò.

Rebecca urlò e chiese: “Perché, perché?” (Perché, perché) come è accaduto.

Rebecca morì in ospedale poco dopo. Robert John Pardo è fuggito dalla scena, ma è stato arrestato il giorno successivo.

Ci dispiace

Durante il processo nel 1991, Robert John Pardo confessò l'omicidio in cambio dell'evitamento della pena di morte. Come testimone, la sorella di Robert John Pardo ha spiegato di non comprendere la profondità dell'ossessione di suo fratello:

– Quando ho saputo dell'omicidio, ho pensato alla lettera che mi ha inviato. Poi è crollato.

Robert John Pardo è stato condannato all'ergastolo per omicidio. L'anno successivo rilasciò un'intervista dal carcere.

“Il mio più grande desiderio è che Rebecca sia viva oggi”, ha detto prima di fare un grave eufemismo:

-Ero un fan di Rebecca, ma forse ho esagerato.

Grande interesse: L'omicidio di Rebecca Schiffer da parte di un fan ha attirato molta attenzione ed è stato ampiamente riportato dalla stampa americana di celebrità, come qui su People Magazine. L'omicidio ha anche innescato diversi cambiamenti nella legge.

La legge è cambiata

Robert John Pardoe ha spiegato di aver avuto l'idea di ottenere l'indirizzo di casa di Rebecca dopo aver letto come un altro stalker ha trovato l'indirizzo della sua vittima sette anni fa.

Nel 1982, l'attrice Teresa Saldana (27 anni) fu aggredita e pugnalata nella sua casa di Hollywood. Un investigatore privato ha ottenuto l'indirizzo della madre di Teresa esaminando i registri dell'auto. L'autore del reato ha poi ingannato la madre di Teresa facendole fornire l'indirizzo di sua figlia fingendo di essere un agente cinematografico. Teresa è sopravvissuta all'aggressione con coltello e l'autore del reato è stato arrestato.

Robert John Pardo ha utilizzato lo stesso metodo per trovare l'indirizzo di Rebecca Schaeffer. L'omicidio di Rebecca ha spinto il Congresso a vietare ai registri statali dei veicoli a motore di rivelare indirizzi privati ​​e a rendere lo stalking un crimine.

Fonti: “Fatal Fame”, Pardo v. Martell et al., cdcr.ca.gov, ABC News,history.com, Wikipedia, Time Magazine, allthatsinteresting.com

Questo numero è stato pubblicato per la prima volta il 24/04/2024 e aggiornato l'ultima volta il 25/04/2024.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here