venerdì, Giugno 21, 2024

Ricetta della pestilenza: abbattere i muri e tagliare a metà le stanze

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

I proprietari di Hindsæter a Jotunheimen hanno a lungo parlato di fare qualcosa per il luogo, ma quando la pandemia ha colpito, hanno abbattuto i muri e diviso le stanze a metà. Se ne sbarazza davvero.

Spendere milioni per dimezzare il numero di stanze non sembra un’idea molto redditizia, Carola ride e scende.

Hindsæter dirige Karola Wenzel e Andrè Sundero da quasi 20 anni. Negli ultimi anni hanno pensato a cosa avrebbero fatto e hanno pensato di vendere il posto per un po ‘. È tempo di fare qualcosa di diverso nella vita. Ma poi è arrivata la pandemia ed è diventato un percorso completamente diverso. L’Hindsæter Hotel è stato costruito circa 125 anni fa e da allora è rimasto relativamente invariato, ad eccezione di alcuni ampliamenti negli anni ’60. Le mosse fatte sono ormai troppo rivoluzionarie per poterle contare, anche se riprendono il loro posto alle radici, cioè come sedili.

Per gli albergatori, hanno demolito i muri tra le stanze, dimezzando il numero delle stanze, ma raddoppiandone le dimensioni. Così il concetto di sæteruite è nato in Hindsæter.

SETER LUXURY: Tra Beitostølen e Otta troverai Hindsæter, che per quasi 125 anni ha dato ai turisti un incontro con la vita contadina, proprio ai margini del Parco Nazionale di Joutinheimen. Ora hanno dimezzato il numero di stanze, ma sperano di aumentare l’attività con la funzione “Sella lussuosa”. Foto: Hindsæter (15 °)

Avevamo 34 camere e 54 letti. Ma i commenti su tripadvisor e per noi erano che il posto era molto carino e affascinante. Ma le stanze erano piccole. Wenzel spiega che l’anno scorso ci ha dato la possibilità di fare qualcosa al riguardo.

Stranamente, sembra una ricetta redditizia, perché gli albergatori scoprono di aver speso molto personale per rintracciare molte piccole stanze e molti ospiti. Vale la pena avere camere migliori, leggermente più costose e meno ospiti.

Ora abbiamo dimezzato questi costi, mentre gli ospiti ottengono un’esperienza molto migliore.

Wenzel spiega che ora vogliono essere un luogo che offre più di un semplice alloggio per i turisti che sono lì per vedere Jotunheimen. La ristrutturazione aiuta a stabilire Hindsæter come una destinazione a sé stante, cosa che è stata confermata dall’attività sin dall’apertura delle nuove camere a febbraio.

Vogliamo coltivare cibo e storie da qui. Poi abbiamo preso gli elementi dai sedili delle stanze. Competiamo sia con la catena di hotel che con il mercato privato su AirBnB e dobbiamo offrire qualcosa che non riescono a trovare a casa.

Si acquista e si accende il mobilio storico della masseria. Letti, tessuti e pelli di pecora sono prodotti in Norvegia. I pannelli delle pareti, i tavoli in legno e gli architravi sopra il letto sono falegnami Vågå che producono legno dalla foresta locale, e il legno è stato riutilizzato per dare alle stanze un’atmosfera rustica in cui sedersi. Le corna di alci e renne usate come mensole e archi vengono raccolte dagli scaffali in montagna.

More articles

Latest article