Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

“Stiamo vivendo sotto una dittatura adesso, mamma?”

Questo è entrato nel libro dei rapporti quando mio figlio maggiore (12 anni) è tornato a casa da scuola il primo giorno di scuola dopo Pasqua: “Il loro figlio Carlo ha violato le regole di controllo delle infezioni”.

Qual è il peccato che ha commesso? Stai vicino alla scrivania per estendere le braccia in aria. Vietato senza autorizzazione, perché il limite del contatore tra ogni tavolo della scuola è infranto.

“Poi ci siamo seduti per tre ore, mamma”, spiega. Hanno tempo libero all’aperto solo tre volte a settimana. Va in tour, perché interagisci solo con la tua classe. Nei giorni in cui non hai tempo libero all’aperto, fai una pausa in sala o in classe.

Quando le scuole italiane hanno riaperto a settembre dopo essere state chiuse per sei mesi, erano sotto un rigido regime di controllo delle infezioni. L’idea era di evitare il contagio per mantenere aperte le scuole. In termini di controllo delle infezioni, è riuscito. Tranne che per tre settimane a marzo, i miei figli andavano sempre a scuola. Se finisci in una scuola rossa, tutte le scuole saranno chiuse. Per la maggior parte, è sopravvissuta felicemente. Ma è un giorno di scuola in cui tutta la libertà individuale è svanita.

Devono indossare maschere per il viso dal momento in cui lasciano la porta di casa. Sono ancora necessarie le medicazioni outdoor in tutta Italia.

Devono indossare sempre una benda, tranne quando mangiano e bevono. Quindi, a loro volta, non sono autorizzati a parlare tra loro. A causa del rischio di infezione. Non è consentito toccarsi, né prendere in prestito materiale scolastico. Se hanno i compiti, i libri devono essere messi in quarantena per 24 ore prima che l’insegnante possa portarli con sé per la correzione. Gli insegnanti devono anche indossare sempre maschere per il viso.

READ  Jordan Banks (9 anni) di Blackpool muore dopo essere stato colpito da un fulmine

Affinché il capitolo termini in quarantena, devono esserci tre persone con corona nella classe. I miei tre figli hanno avuto uno o due casi di coronavirus in classe senza quarantena e non si sono mai infettati, perché come si suol dire
“Non ci tocchiamo mai, ci sediamo lontano e indossiamo sempre una maschera per il viso”.

All’inizio dell’anno scolastico, hanno indossato diversi tipi di maschere per il viso. Questo è stato immediatamente vietato e sono state consentite solo le medicazioni chirurgiche. Riceviamo ogni mese maschere bianche identiche dal governo. Vanno e lasciano la scuola con una sorta di precisione militare dove la distanza è di almeno due metri.

Un collega del mio figlio più giovane, Leonardo (10), ha sollevato i loro assorbenti 15 volte in un’ora. Poi è dovuto andare alla lavagna e scrivere “Non mi toglierò la benda” 15 volte, ha detto mio figlio.

A proposito, gli è stato anche notificato di tornare a casa. Il suo testo: “Non toccherò i miei compagni di classe. Non giocherò e imbroglierò in classe”.

I gemelli Carlo e Catarina, 12 anni, sono in seconda media e hanno imparato la democrazia, il parlamentarismo e varie forme di governo. “Stiamo vivendo sotto una dittatura adesso, mamma?” Mia figlia mi ha chiesto un giorno. È stata una lunga conversazione. Ci sono state molte conversazioni quest’anno o giù di lì nel tentativo di aiutarli a digerire le impressioni, per assicurare loro che ciò che stiamo vivendo ora è del tutto eccezionale e certamente non normale.

L’orrore è ancora di casa. Mi hanno detto molte volte che preferirebbero andare a scuola sempre con una benda e con tutte queste regole, piuttosto che andare a scuola sullo schermo di un computer.

READ  Il Tesoro degli Stati Uniti ha chiesto che le dichiarazioni dei redditi di Trump siano presentate al Congresso

Gli amici non vengono quasi mai visitati anche se sono ammessi due ospiti. Tutti hanno paura di diffondere l’infezione ad altre famiglie o di contrarsi.

Abbiamo convissuto con il coprifuoco alle 22:00 dal 3 novembre, quindi le visite notturne sono irrilevanti. Spesso la scuola è l’unica arena in cui si incontrano – dietro gli occhi bendati e in lontananza, ma condividono un destino comune e hanno una comunità tra loro.

Gli psicologi lanciano l’allarme sulla salute mentale dei bambini e dei giovani, poiché in Italia l’abbandono scolastico ha raggiunto livelli storici.

Altri affermano: “Questa sarà una generazione forte e resiliente, proprio come coloro che hanno combattuto la guerra”.

Non c’è dubbio che i bambini e i giovani italiani oggi lo abbiano provato e lo vivranno a lungo.