Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sul davanzale della finestra a St. Joseph – Dagsavisen

(Il caso è stato originariamente pubblicato su Dagsavisen Fremtiden 2019)

Irmgards, Lydia e Bonaventura erano tre sorelle di San Giuseppe. Non che me li ricordi tutti, ma i nomi che ho sentito una volta suonano ancora abbastanza bene. Per molti residenti di Drammen, il piccolo ospedale all’incrocio tra il Gate of Albums – il Gate of Cappelens forse evoca ricordi forti. Non tutti sono ugualmente gentili, alcuni erano atterriti dalle suore che fluttuavano in abiti neri nei corridoi. E chi aveva pause per la preghiera, dove si aprivano le porte delle stanze, affinché la predicazione raggiungesse tutti coloro che giacevano a letto.

Per il sottoscritto, incontrare le suore e San Giuseppe non è stato così spaventoso quando sono stata accettata per un intervento chirurgico alle mie false tonsille. Ho trovato le donne pulite amichevoli, ma forse un po’ strette e rigide. Poi parlavano anche norvegese con accento tedesco, forse rendendoli ancora più tosti di quanto non fossero già. Ma per un curioso bambino di sette anni, questo è stato molto eccitante. E avere un velo è stata la ciliegina sulla torta – pensa di indossarlo tutti i giorni – tutto il giorno! Le suore sono carine come in una fiaba.

Nello stesso anno in cui la Chiesa cattolica fu consacrata a Drammen, arrivarono a Drammen le prime tre suore di San Giuseppe. Correva l’anno 1899 e le sorelle erano Antonin St. Bonnet, Mary Berkman Rau e Adolphin Muller. Pochi anni dopo, le suore acquistarono una casa dove ora si trova il Saint Joseph Building. La villa fu ricostruita, la capacità familiare aumentò e nel 1920 le suore ottennero la loro cappella. Dopo vasti ampliamenti, l’edificio dell’ospedale si presentava come oggi. L’ospedale era destinato principalmente alle malattie dell’orecchio, del naso, della gola e degli occhi e nel 1975 fu rilevato dalla contea di Buskerud come reparto psichiatrico. Questo edificio è stato chiuso nel 1984 e in seguito l’edificio ha ospitato diversi studi sanitari e medici pubblici e privati.

READ  La Russia sta smantellando gran parte della Stazione Spaziale Internazionale

Ospedale Almond

Ma torniamo all’Ospedale Almond, come veniva spesso chiamato San Giuseppe, dove venivano eseguiti interventi chirurgici e cure su pazienti provenienti da tutta la regione. Uno proveniva da Ecker, ed è diventato il più povero dei pochi mandorli nei primi anni ’70. È ricordato soprattutto per la devozione delle suore. Aveva appena compiuto 18 anni e una delle prime cose che fece quando diventò maggiorenne fu di dimettersi dalla chiesa di stato. Forse non pensava che sarebbe stato visto come un prete o un pulpito per il resto della sua vita, ma a San Giuseppe apparvero le suore con incontri di preghiera e devozione con le porte spalancate. non è scappato. Ogni mattina alle cinque si apriva la porta della stanza e si recitavano le preghiere delle suore. Se potesse dormire dopo, sarebbe fantastico, se non fosse per gli incubi. Ma fortunatamente non l’hanno fatto, e il nostro amico ateo ha trovato comunque il suo soggiorno abbastanza buono.

L’asilo era pieno, così sono arrivato in una camera tripla al secondo piano di fronte alla chiesa di Pragernis. Nella stanza c’era una signora adulta con qualcosa negli occhi e un’altra ragazza della mia età, Engfield di Kongsberg. Fu, ovviamente, che i genitori se ne andarono dopo la nostra inaugurazione, e Kongsbergmoren partì per primo. A proposito, ho lasciato una grande borsa di carta bianca con un ricco contenuto; Gocce di cioccolato al latte, Nonstop e Colibri, ma una delle suore ha preso la borsa – non sono ammessi dolci. Mia madre leggeva Anne Cath. Vestlis Aurora a Kapelvog e la ragazza della porta accanto, ovviamente, sono state invitate ad ascoltare. In un batter d’occhio, ho avuto una nuova ragazza.

La vecchia signora nella nostra stanza doveva essere buia, quindi la tenda abbagliava il sole invernale fuori. Per noi piccolini non è stato un problema, siamo semplicemente saltati sul davanzale della finestra dietro la tenda, c’era tanto spazio per due bambine e tanta luce. Ma le suore non erano entusiaste della nostra vista del sole, potremmo cadere! Poi tornò al buio. Ma ci siamo intrufolati nel posto di osservazione non appena le suore si sono girate. Ricordo la vecchia signora con gli occhi operata, oltre a sentirsi scura, anche in pace – un brutto gruppo con due bambine nella stessa stanza. Stavamo spesso in silenzio. Ha fatto un bel trambusto quando una delle suore è entrata nella nostra stanza e ha trovato uno dei letti vuoto! Ci fu tutta una ricerca e un disordine, finché non trovarono due piccoli pazienti in un letto.

compleanno del bambino

La mattina presto sono stato portato in sala operatoria. Le suore mi hanno spiegato tutto quello che sarebbe successo, quindi mi sono sentita al sicuro. Inoltre, sarebbe stato il dottor Norell a fare l’intervento, dopodiché tutto è andato bene. L’ho conosciuto circa sette anni fa come paziente. Pensavo fosse una specie di terzo nonno. La maschera è stata indossata e ricordo di aver sentito come se dovessi respirare e come se avessi dormito su uno, due, tre.

Il compleanno di Joseph, e dal davanzale della finestra dietro la tenda ho visto zia Penny in strada, evidentemente diretta dal festeggiato – con un regalo sotto il braccio. Le suore hanno anche preso in giro i malati di Natale: ha ricevuto caramelle! Si scopre che mi hanno dato parti del contenuto della borsa di carta bianca del mio amico, ma non importava – l’abbiamo condiviso comunque.

Uno dei regali che ho ricevuto in questo compleanno un po’ speciale in ospedale è stata una canzone con la Wenche Myhre e la Kjell Karlsen Orchestra. La title track era “You, Me and the Two of Us” (… Naviga in sabot in mezzo ad avventure, molte persone e animali strani, puoi incontrarti lì). Sul lato B possiamo ascoltare una versione norvegese di “Matrymony” di Gilbert O’Sullivan. Queste due canzoni bruciarono, forse i ricordi più forti dei giorni di febbraio 1973, così come le sorelle famose e Scar Royer. E succede che le canzoni appaiono ancora in gruppi allegri – in un duetto con un amico cantante. Poi il pensiero torna al settimo anniversario di San Giuseppe.