Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Vuoi il tuo schema di supporto per la letteratura della conoscenza

Essere un autore nel contesto di NFFO significa che trascenderai l’attuale mondo della ricerca che rappresentiamo. Assistente professore all’Università di Oslo (UiO) e presidente della fondazione di saggistica dice Yelva Ostby a Khrono.

E pensa che queste siano le parti del lavoro accademico che forse sono meno motivate a perseguire.

La Norwegian Non-Fiction Writers and Translators Association ha recentemente organizzato un incontro dal titolo “Cos’è uno scrittore accademico alla NFFO?”. Qui si è convenuto che dovrebbe essere più facile essere un ufficiale scientifico e allo stesso tempo un autore.

Alle università piace parlarne nei discorsi di partito, ma non necessariamente lo supportano quotidianamente, afferma Ostby.

Il 30% dei membri della Norwegian Non-Fiction Writers and Translators Association (NFFO) lavora nel settore universitario e universitario.

I libri devono ancora essere pubblicati

Durante l’incontro, il professore di retorica dell’UIO, Johan Laurits Tonnison, ha sostenuto che dovrebbe essere creato uno schema separato di supporto alla produzione per la letteratura della conoscenza.

Se la volontà c’è nei politici, pensa che potrebbe essere possibile.

La letteratura cognitiva è qualcosa di diverso dal “voltare pagina senza fantasia”. Si potrebbe dire che è proprio a metà tra esso e i testi scientifici. Lakhrono dice che non ci sono nemmeno libri di testo.

Piccolo Tonison “Dì la loro parola” di Anders Johansen come esempio di tale libro.

Si ritiene che tali libri vengano spesso fermati da editori che non osano investire in essi. Allo stesso tempo, il personale scientifico non è pagato per dedicare il proprio tempo a questo tipo di comunicazione, a causa del sistema di edge computing.

Se un editore ha una buona idea per un libro, è felice di chiedere se potrebbe essere un libro di testo. Non è sempre quello che dovrebbe o può essere, ma è davvero un peccato che vengano pubblicati libri di questa natura.

READ  Lo studio rivela la portata dell'influenza umana sulla vita vegetale nel mondo

Qual è l’importanza di pubblicare libri del genere?

Se posso essere un po’ presuntuoso, farò riferimento alla Costituzione § 100 sulla libertà di espressione: “È dovere delle autorità statali creare le condizioni per una conversazione pubblica aperta e informata”. Poi dice che i libri dovrebbero essere ancora pubblicati sulla base di una profonda conoscenza.

Tonnison ritiene che il libro come formato abbia una forza speciale, sia perché produce spesso articoli sui media, sia perché ha una lunga vita e, quindi, una storia lunga e influente.

I libri hanno possibilità molto diverse dagli articoli o dai programmi TV. Se vogliamo essere all’altezza delle aspirazioni della Costituzione, il libro non deve morire nella madrelingua. La letteratura deve essere pubblicata sulla base delle conoscenze acquisite attraverso la scienza e la ricerca, che possono poi essere condivise con un pubblico interessato.

nessun mercato per questo

Tuttavia, non esiste un grande mercato per questo tipo di libri, afferma il direttore della pubblicazione di Universitetsforlaget, Hege Gundersen.

– Abbiamo bisogno di supporto o acquirenti. Pubblichiamo una serie di libri che sono contributi importanti e importanti, anche se non ci guadagniamo. capita. Ma non possiamo basare le nostre operazioni su questo. Lì stiamo vedendo che agenzie come Fritt Ord e in parte il Cultural Council stanno aiutando. Il problema è che vorremmo 30.000 dove avremmo dovuto avere 70.000 Fritt Ord, e se il Consiglio Culturale ne abbia preso possesso è imprevedibile.

– Gli editori dovrebbero cogliere l’opportunità. Non c’è un mercato enorme per questo tipo di libri – anche se possono essere libri molto belli e importanti nelle rispettive regioni, dice a Khrono.

READ  Quando Dio lascia l'edificio - la nostra terra

Crede anche che ciò che fanno le università e i college sia fondamentale.

È importante che ci siano schemi di incentivi in ​​modo che i membri della facoltà possano essere autori, in modo che non siano visti come accademici di seconda classe. Al contrario, comunicare il proprio argomento in norvegese dovrebbe essere evidenziato come un aspetto importante della ricerca, afferma.

In alcuni contesti, dice, i ricercatori sentono la pressione di pubblicare solo su riviste internazionali.

Ad alcuni è stato anche detto espressamente che non si dovrebbe dare la priorità alla scrittura di libri di testo. Altri ambienti accademici sono bravi a mettere in evidenza i ricercatori che danno la priorità alla scrittura di libri e che in questo modo arricchiscono gli studenti, l’ambiente accademico e il pubblico in generale con approfondimenti aggiornati, di qualità garantita e basati sulla ricerca.

Lo schema deve mantenere la qualità

Universitetsforlaget pubblica più libri in quella che potrebbe essere definita letteratura della conoscenza rispetto ad altre case editrici. Gundersen indica due di questi libri di quest’anno: il libro di Christine Mervang su Sigrid Undset e “Tause kilders tale” e “Den norske atomlandsbyen” di Jan Ketil Arnulf.

Questi libri sono una miscela di libri di testo innovativi e sono in qualche modo simili a progetti di ricerca personali. In termini di genere, non appartiene ai bestseller della saggistica. Non possono competere con l’autobiografia di Obaid Raja, ma sono libri davvero buoni e interessanti e meritano un pubblico più vasto.

Gundersen afferma che agli editori piace lavorare un po’ di più per divulgare temi in libri come questi e per trovare una buona presa per i lettori.

READ  Coronavirus, teorie del complotto Un rapporto dell'intelligence avverte di un futuro cupo dopo COVID-19

– Cosa ne pensi di sostenere una produzione separata di “letteratura del sapere”?

Non credo in un sistema automatizzato separato. Vorrei essere parte della progettazione di uno schema che tenga conto della qualità – e permetta di produrre i libri giusti e importanti, senza troppi rischi per gli editori. Una forte espansione degli acquisti di saggistica al Consiglio della Cultura potrebbe essere una soluzione. Sarebbe molto utile per il pubblico norvegese, afferma Gundersen, e continua:

Forse l’aspetto più importante della letteratura della conoscenza è che crea un ponte tra i campi accademico, politico e culturale della società. Queste sono le aree che sono – più che mai – importanti da sviluppare e circondare.

Vuoi un rapporto sulla letteratura della conoscenza?

Il collega di Johan Tonson, il professore di retorica di Kjell Lars Berg, condivide la preoccupazione di Tonson. Ha sostenuto che è necessario uno studio completo della letteratura professionale – NOU (Norwegian General Study).

I libri scritti in norvegese per i professionisti norvegesi rientrano tra tutti i posti. Questi sono libri che sono sotto forte pressione in Norvegia. Questa letteratura della conoscenza non è venduta molto, ma è importante per la cultura scritta norvegese e la lingua professionale, Berg dice a Khrono:.