Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Vuoi più accademici che osano essere impopolari

Stalheim (Khrono): La direttrice del Centro di scrittura accademica dell’Università di Oslo, Ingerid Ström, ritiene che oggi in Norvegia ci siano pochissimi intellettuali pubblici.

– C’è una mancanza di comprensione del ruolo dell’intellettuale, ha detto.

Strom è stato uno dei relatori al simposio Skjervheim di quest’anno e ha sostenuto che la legittimità della democrazia moderna dipende dall’interazione tra diverse forme di conoscenza. Insieme formano una fragile alleanza che può essere distrutta se la conoscenza non è più vista come significativa.

Un ruolo che scegli attivamente

Quindi cosa intende Strom con “pensare”?

– È qualcosa di più che essere un accademico. Ha molto a che fare con la definizione dell’agenda. Per affrontare questioni importanti, che non sono legate alla trasmissione di qualcosa che hai studiato, ma specificamente per porre domande, evidenziando aree problematiche.

– Spesso non è un ruolo popolare. È un ruolo che giochi per il bene della società, o soprattutto perché non lo fai Potere un’altra cosa. Dice a Khruno, ti senti obbligato.

Ström crede che gli ideali dell’antica Atene, che in linea di principio tutti dovrebbero essere disposti a governare la società, caratterizzassero anche la Norvegia nella seconda metà del diciannovesimo secolo, ma le persone oggi non si vedono principalmente come cittadini responsabili della democrazia.

Nell’antica Grecia, la parola Atena e gli Ateniesi erano la stessa cosa. Le persone si identificano con la democrazia stessa. Erano liberi di dire quello che pensavano, ed era loro dovere avere voce in capitolo nelle questioni politiche.

La maggior parte delle persone ora si considera più come consumatori, o inconsciamente, come agenti dell’economia. Strom ha detto nella sua conferenza che questo viene mantenuto attraverso il sistema educativo.

Sfidò gli attuali ideali di università e college.

La giornata ideale sarebbe quella di pubblicare quanto più possibile sulle migliori riviste scientifiche, non necessariamente da leggere.

– Penso che tutti dovrebbero essere “ricercatori” ormai, è troppo piccolo, dice Ingrid Ström.

Ström credeva che gli accademici dovessero osare opporsi a questa corrente e assumere in gran parte il ruolo dell’intellettuale.

READ  Stile di vita, Celebrità | Jennifer Aniston con un messaggio chiaro per vaccinare gli amici dell'avversario

Jan Gro e Arne Johann Wittelsen

Mi mancano i libri dove si pensa di scrivere. Ha detto nella conferenza che libri che non trasmettono necessariamente ricerca, ma piuttosto investigativo e analitico, dove il loro valore risiede nella ricerca stessa.

Chi sono gli intellettuali adesso che vuoi dire?

Jean Gros è un esempio di un pensatore importante oggi. Attira l’attenzione del pubblico, è interessato a generalizzare domande ed esperienze, trasmettendole in un linguaggio di facile comprensione e in varie forme, afferma Ström e continua:

– Arne Johann Vettelsen è un altro esempio. Poteva scegliere di trascorrere tutto il suo tempo pubblicando su riviste prestigiose e partecipando a prestigiose conferenze. Ma scrive sempre a Klassecampen, dice sì a una sfilza di conferenze e significa qualcosa per molte persone, giovani e meno giovani.

Importante con impegno personale

Pensa che si tratti di non avere paura delle questioni personali.

L’impegno personale di Vetlesen fa sentire alle persone che qui è in gioco qualcosa di importante. Dice che non ha paura di approfondire le domande davvero fastidiose in quel momento.

Forse i sistemi funzionano un po’ contro l’intellettuale accademico. Forse anche la cultura? Cosa pensi che si potrebbe fare per renderlo più facile, secondo te?

Ha a che fare con il coraggio. Essere istruiti è una scelta che fai. Molto di quello che fai nel mondo accademico ha a che fare con il trovare un lavoro a tempo indeterminato. Dice che le pubblicazioni sono modellate da questo.

Strom fa notare che Anin Kirolf, ora professore associato di diritto pubblico all’Università di Oslo, Le è stato detto di smettere Spesso in pubblico quando era una compagna di classe.

READ  - Hanno commesso errori enormi - NRK Norvegia - Panoramica delle notizie da diverse parti del paese

Forse il sistema politico partitico ha fallito?

Strom crede che essere istruiti significhi anche prendersi cura di qualcosa di più grande di se stessi e dei propri interessi.

– Hannah Arendt (rivista di un filosofo tedesco) era molto preoccupata che la società non dovesse funzionare quasi come un processo metabolico – solo consumare e vivere. La società umana è quella in cui la libertà gode di buone condizioni. Pensavo che questo potesse accadere in politica. Al giorno d’oggi siamo fortemente influenzati dai social media. Strom dice che c’è qualcosa di non libero nel presentarsi costantemente come una sorta di prodotto.

Pertanto, crede che gli intellettuali abbiano bisogno di più sul campo, tra l’altro per contribuire al pensiero politico.

Riguarda il tipo di società che vogliamo. Un sistema politico partitico può non essere adatto a cambiare la società, perché è un sistema restrittivo. Molti politici sperimentano che non possono veramente dire cosa intendono fino a quando non si dimettono, perché le dinamiche di partito e le condizioni al di fuori del sistema politico significano che vengono catturati. Ma lei dice che l’intellettuale ha un ruolo più libero.

Stai quindi insinuando che quasi come accademico hai una sorta di responsabilità morale o sociale per pensare di assumere un ruolo del genere?

– Voglio dire di sì. La nostra istruzione e gli stipendi sono pagati dal governo. Siamo molto speciali. Con ciò deriva anche la responsabilità: utilizzare le capacità, le conoscenze e le idee acquisite a beneficio della società e non per i propri interessi. Penso che questo sia indissolubilmente legato, dice.

Gli mancano le persone che praticano il pensiero e la scienza in generale

Tuttavia, Ström ritiene che sia una questione aperta in quanto si può trovare oggi nel sistema una situazione in cui si può essere liberi in modo da potersi esprimere senza timore di sanzioni.

READ  È difficile odiare Tix ora, ma può essere molto - Dagsavisen

– Le cattedre sono state tradizionalmente in modo che tu possa dire quello che vuoi. Era un sito gratuito molto privato. Ma lei dice che non sono sicura di quanto siano liberi i professori oggi.

– Khrono ha almeno scritto su di esso Non molti professori osano esprimere le loro opinioni Prima che si avvicinino alla pensione, perché non hanno più niente da perdere?

Sì, ora si prevede che i gruppi di ricerca siano in grado di competere per i finanziamenti. Allora sarà una dinamica molto diversa rispetto a quando ero studente.

– Avevamo persone spirituali che erano professori. Non pubblicavano a livello internazionale, né citavano nessuno. Erano solo insegnanti carismatici che scrivevano poco e davano l’esempio ai loro studenti. Come dici tu, non sto dicendo che era così buono.

– Ma forse c’è qualcosa di buono in questo? Ovviamente molti direbbero che l’insegnamento e l’editoria sono importanti, ma tutti capiamo che è la ricerca che si applica. Molte persone credono che per ottenere una cattedra sia preferibile continuare a pubblicare molto. Vuoi sostenere che qualcuno contribuisce principalmente in altri modi? Vale ugualmente?

– Sì, penso che sia stato un bene. Non dobbiamo dimenticare quanto sia importante avere un modello. Quando impari qualcosa, comunichi con il tuo insegnante. Questo accade automaticamente. Ecco perché impari da questa persona. Hai il desiderio di essere come il maestro e di imitarlo. Alla fine diventi indipendente e passa. Acquisire una materia, una professione o una specializzazione significa anche acquisire un’identità, proprio come qualsiasi persona. In quanto essere umano è un sociologo, un educatore, un filosofo o qualunque cosa diventi. Tutta la formazione dell’identità avviene attraverso la proiezione. Quello che mi manca sono le persone che praticano il pensiero e la scienza in generale. Penso che tutti dovrebbero essere “ricercatori” ora è una cosa molto piccola.